Home » Idee » L’architettura sostenibile secondo Aedas Visconti & Partners:

L’architettura sostenibile secondo Aedas Visconti & Partners

novembre 27, 2009 Idee

Marco Visconti, Courtesy of Aedas Visconti & Partners

Alla vigilia di Restructura, la fiera di Torino che dedica quest’anno una particolare attenzione all’edilizia sostenibile, abbiamo intervistato l’architetto Marco Visconti, allievo di Renzo Piano e fondatore dello studio MDN Visconti & Partners, integratosi, in ottobre, con Aedas, il colosso della progettazione che raggruppa 2.000 professionisti in 41 sedi sparse nel mondo, da New York a Hong Kong, dove, con uno staff di 650 persone, è in assoluto il più grande studio di architetti dell’isola asiatica. 

Dopo aver curato, di recente, l’intera sezione sull’architettura sostenibile della manifestazione ”Uniamo le Energie“, il 2 dicembre lo studio Aedas Visconti & Partners, insieme alle più importanti imprese del settore, sarà nuovamente chiamato dalla Regione Piemonte e dal Politecnico di Torino ad un compito di responsabilità formativa, ovvero l’orientamento dei giovani neolaureati della Facoltà di Architettura di Torino, riuniti al Castello del Valentino per la giornata di “Architetti on the job”.

D) Architetto Visconti, da dove nasce l’esigenza di fondersi con un gruppo internazionale come Aedas?

R) Questa nuova realtà professionale nasce dall’incontro di un laboratorio creativo –  quello da me diretto a Torino insieme a Donatella Chiaruttini e Giuliano Pairone – con una grande organizzazione di architetti e specialisti diffusa nel mondo e dotata di una solida rete di rapporti internazionali, che consentirà a MDN di applicare e rafforzare le proprie esperienze su una più vasta scala e a Aedas di confrontarsi con un design interamente Made in Italy. Il principale punto di forza di questa aggregazione sta infatti nella complementarietà delle esperienze, unita a una condivisa volontà di studiare e approfondire nuovi approcci alla sostenibilità nel campo dell’architettura.

D) Quando inizia a manifestarsi il vostro interesse per l’architettura sostenibile? 

R) La progettazione degli uffici per il Centro di Calcolo delle Ferrovie dello Stato di Palermo risale al 1985. Nonostante in quegli anni non ci fosse una particolare attenzione ai temi del risparmio energetico ho voluto adottare alcuni accorgimenti e soluzioni che sono poi entrate a far parte della nostra prassi progettuale, a partire dall’orientamente dell’edificio secondo il tracciato solare Est-Ovest, oppure l’utilizzo di schermi “filtro-riflettenti” che consentono di ottenere protezione solare, ma anche un’uniformità di luce naturale. Devo sicuramente molto alla mia esperienza con Renzo Piano. La commessa dello stabilimento FIAT di Melfi aprì allora un ampio ragionamento sull’impatto ambientale in termini generali. Nella progettazione della fabbrica si tenne conto, in maniera lungimirante, delle caratteristiche del luogo. Gli edifici vennero studiati bassi e inseriti nel verde, con richiami al dettaglio delle persiane verde scuro, tipiche della zona, e al colore del tufo, materiale locale. A queste attenzioni furono inoltre affiancati interventi per garantire la migliore efficienza energetica possibile.  

FerroviedelloStato, Palermo, Courtesy of Aedas Visconti & Partners

D) Qual è la regola principale che, a suo avviso, un architetto dovrebbe seguire nella progettazione sostenibile?

R) La cosiddetta “architettura passiva”. L’edificio deve cioè essere ben progettato a priori, per rispondere bene alle esigenze – prima ancora di andare ad aggiungere elementi come pannelli solari o altre soluzioni migliorative. E’una questione di “atteggiamento progettuale“. Nel nostro caso dedichiamo estrema attenzione al contesto e all’innovazione tecnologica funzionale alla sostenibilità. La fusione con Aedas ci consentirà di applicare questo modus operandi su larga scala e in modo estremamente organizzato.

D) Un esempio della vostra progettazione recente di cui è particolarmente soddisfatto? 

R) Il ristorante aziendale della Ferrari di Maranello. Abbiamo progettato l’edificio con particolare attenzione alla ventilazione naturale, direzionandolo verso i venti dominanti, mentre la luce proviene dalle ampie vetrate che si aprono a Est e a Ovest. Abbiamo poi integrato elementi fotovoltaici nella costruzione e interpretato la sostenibilità anche attraverso elementi scultorei funzionali.

Ristorante aziendale Ferrari, Courtesy of David VicarioAedas_Ristorante Ferrari_flusso correnti aria

 

 

 

 

       

D) Aedas è molto attiva in Oriente, in particolare a Hong Kong e Shanghai, due metropoli in rapidissima evoluzione. Pensa che dall’Oriente possa giungere ispirazione anche per gli architetti occidentali?     

R) Quello che è ancora carente in un paese come la Cina è la visione urbanistica. L’urbanistica cinese è vecchia – e anche l’architettura, se vogliamo. C’è ancora la tendenza a stupire a tutti i costi, senza curarsi del contesto. Credo che gli architetti europei possano ancora insegnare molto, ispirandosi alla metafora dell’aliante: è una macchina progettualmente fantastica, molto sostenibile, che utilizza una tecnologia raffinatissima, regala gioia a chi lo pilota e curiosità a chi lo guarda. L’architettura dovrebbe essere così.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende