Home » Idee » L’inquilino del terzo piano.:

L’inquilino del terzo piano.

ottobre 5, 2009 Idee

Courtesy of Suvodeb (Flickr)Niente paura. Non ci riferiamo all’inquietante Monsieur Trelkovski, celeberrimo personaggio dell’altrettanto famoso film di Polanski, parliamo di mucche e di maiali che in un futuro non troppo lontano potrebbero realisticamente occupare interi piani di palazzi nel bel mezzo di metropoli e città.

L’idea è venuta ad un americano Dickson D. Despommier, Professor of Public Health in Environmental Health Sciences alla Columbia University, il quale, espandendo il concetto di orto metropolitano ha teorizzato nel suo documentatissimo saggio The vertical farm essay I and II la possibilità di realizzare vere e proprie fattorie all’interno di edifici e grattacieli situati nei centri urbani più popolati.

In questo modo, spiega il ricercatore, sarà possibile riconvertire architettura già presente sul territorio in strutture che riproducano il processo ecologico, riutilizzando tutto ciò che di biologico viene prodotto per alimentare l’intera catena.

Parola d’ordine è “zero waste”, cioè “rifiuti zero”: le fattorie verticali devono a utilizzare al massimo le risorse e riciclare gli scarti. “Uno dei presupposti per il successo dell’azienda agricola verticale, scrive Despommier, è che la sua struttura simuli il processo ecologico, in particolare l’efficiente riciclaggio di tutto ciò che è organico, ad esempio riciclando l’acqua degli impianti di smaltimento di rifiuti umani per trasformala in acqua potabile”: dunque, nei piani più alti, dovrebbero essere coltivate diverse piante, dagli ortaggi alla frutta, dai legumi ai vigneti per sfruttare l’acqua piovana. L’acqua non assorbita da questi terreni percolerebbe al “piano inferiore”, dove andrebbe ad irrigare i campi di grano. I rifiuti non utilizzati come mangime per gli animali dei piani più bassi finirebbero nei sotterranei con gli altri scarti organici per essere trasformati, grazie a fornaci termovoltaiche, in “bio-palline” di combustibile ultracompresso che, producendo energia, genererebbero l’elettricità utilizzata dall’edificio. Infine, attraverso un rigorosissimo programma di riciclaggio si finirebbe con il recuperare anche il vapore acqueo emesso da piante e animali. Questo stesso verrebbe trasformato in acqua pura e imbottigliato per la vendita al dettaglio nei ristoranti e nei supermercati situati ai livelli più bassi dell’edificio.

Diversi paesi che non possono produrre cibo per mancanza di spazio o per inadattabilità del terreno alle colture si sono mostrati interessati a questo futuristico progetto la cui idea di base (produrre cibo) poggia sul più alto valore del concetto di sostenibilità.  Lo skyfarming si propone infatti, oltre che di creare un sistema perfettamente funzionante di produzione di derrate alimentari  in grado di sfamare larghe fasce di popolazione, di diventare, scrive Despommier, “un importante centro per l’apprendimento per generazione di abitanti urbani grazie all’imitazione dei cicli di nutrienti, che di nuovo avranno luogo nell’ambiente che sarà riemerso intorno a loro dimostrando così l’intimo legale che ci unisce al resto del mondo”.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende