Home » Idee »Off the Green »Rubriche » La cura della “casa comune” secondo Papa Francesco:

La cura della “casa comune” secondo Papa Francesco

giugno 18, 2015 Idee, Off the Green, Rubriche

Nel vuoto desolante della politica (oggi anche europea), è dovuto, di nuovo, intervenire lui, l’uomo che ormai anche i non credenti invidiano alla Chiesa e che vorrebbero capo di Stato, presidente del Consiglio, presidente della Commissione Europea (imperatore del mondo?), perché è l’unico dei “potenti” che ha dimostrato di capire la contemporaneità e i suoi problemi e avere la sensibilità, l’autorità, l’umiltà e il polso per agire. Papa Francesco ha studiato, nei mesi scorsi, il problema dell’ambiente, della “casa comune“, e ne ha compreso pienamente l’urgenza (non ulteriormente procrastinabile) e l’ampiezza (è un problema di tutti, non solo degli “ambientalisti”), tanto da scrivere un’enciclica dedicata, che verrà presentata ufficialmente stamattina alle 12. “Rivolgo un invito urgente – scrive Bergoglio nell’introduzione – a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perché la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti”. Non c’è più alibi per nessuno, insomma.

Dopo aver riconosciuto l’impegno e il lungo cammino del “movimento ecologico mondiale“, Francesco non fa sconti e richiama alle responsabilità non solo dei governanti, ma anche del cittadino comune, cristiani compresi: “purtroppo – scrive – molti sforzi per cercare soluzioni concrete alla crisi ambientale sono spesso frustrati non solo dal rifiuto dei potenti, ma anche dal disinteresse degli altri. Gli atteggiamenti che ostacolano le vie di soluzione, anche fra i credenti, vanno dalla negazione del problema all’indifferenza, alla rassegnazione comoda, o alla fiducia cieca nelle soluzioni tecniche”. Stoccata, dunque, anche agli “scientisti” che pensano di risolvere il problema delle malattie delle piante con gli OGM, ridurre le emissioni CO2 con il nucleare e cose abominevoli di questo genere.

Laudato sì” –  titolo suggestivo, che richiama il Cantico delle Creature di San Francesco – è un’enciclica di quasi 200 pagine, con un’introduzione e sei capitoli: i primi tre per inquadrare la situazione, dal punto di vista scientifico (“Quello che sta accadendo alla nostra casa”), religioso (“Il Vangelo della Creazione”) e antropologico (“La radice umana della crisi ecologica”), gli altri tre per proporre soluzioni (“Un’ecologia integrale”, “Alcune linee di orientamento e di azione”, “Educazione e spiritualità ecologica”).

Papa Francesco parla esplicitamente di “sintomi di malattia che avvertiamo nel suolo, nell’acqua, nell’aria e negli esseri viventi” e avverte: “La distruzione dell’ambiente umano è qualcosa di molto serio, non solo perché Dio ha affidato il mondo all’essere umano, bensì perché la vita umana stessa è un dono che deve essere protetto da diverse forme di degrado”. Il primo paragrafo del Capitolo I è infatti dedicato a “Inquinamento e cambiamenti climatici” e apre subito connettendo ambiente e salute, un binomio troppo spesso negato da chi difende interessi non certo collettivi, ma anche da quegli scienziati che rimandano il giudizio con la perenne giustificazione che non ci sono mai abbastanza evidenze per provare la “correlazione”. “Esistono forme di inquinamento che colpiscono quotidianamente le persone – scrive il Papa - l’esposizione agli inquinanti atmosferici produce un ampio spettro di effetti sulla salute, in particolare dei più poveri, e provoca milioni di morti premature“. Constatazione chiara, lineare, evidente, suffragata ormai da dati medici, che dovrebbe servire da punto di partenza per qualsiasi concreta azione politica, invece di generare distinguo, cautele pelose e “ridimensionamenti” del problema, come troppo spesso accade.

Oltre a constatazioni, in linguaggio semplice e immediato ed appelli, molte frasi dell’enciclica papale denotano l’accuratezza con cui Francesco ha voluto documentarsi sul problema. Questa, ad esempio, è in piena sintonia con quanto, da anni, dicono i medici ambientali dell’ISDE, e non solo: “Tanto i rifiuti industriali quanto i prodotti chimici utilizzati nelle città e nei campi, possono produrre un effetto di bio-accumulazione negli organismi degli abitanti delle zone limitrofe, che si verifica anche quando il livello di presenza di un elemento tossico in un luogo è basso. Molte volte si prendono misure solo quando si sono prodotti effetti irreversibili per la salute delle persone.”

E’un enciclica da leggere tutta, dalla prima all’ultima pagina, credenti o non. E’avvincente, picchia duro, ma offre prospettive percorribili.  L’appello del Papa è ricco di speranza e pragmatismo: “ La sfida urgente di proteggere la nostra casa comune comprende la preoccupazione di unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale, poiché sappiamo che le cose possono cambiare“.

Papa Francesco, con la sua proverbiale umiltà, non manca di ringraziare e incoraggiare tutti quelli che noi di Greenews.info chiamiamo i “campioni della green economy“, della sostenibilità e della solidarietà: “Desidero esprimere riconoscenza, incoraggiare e ringraziare tutti coloro che, nei più svariati settori dell’attività umana, stanno lavorando per garantire la protezione della casa che condividiamo“. Da imprenditore che si occupa, da anni, di questi temi e porta avanti le sue piccole battaglie quotidiane (pur da non credente) è la prima volta che mi sento ringraziare da qualcuno!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende