Home » Idee »Top Contributors » Green money. Come la finanza verde cambierà il futuro dell’Europa:

Green money. Come la finanza verde cambierà il futuro dell’Europa Top Contributors

maggio 20, 2010 Idee, Top Contributors

Courtesy of luiweb.itOcchio alla borsa e al mercato. Per capire quale potrebbe essere il futuro verde dell’Unione Europea anche nel settore energetico occorre prestare molta attenzione agli strumenti economici e finanziari. In Italia il Grande Convitato di Pietra è il Nuovo Conto Energia, annunciato per il 30 aprile ma, ad oggi, non ancora reso pubblico.

In ambito UE il commissario europeo per il Clima, Connie Hedegaard, ha intanto chiarito che non verrà presa alcuna decisione nei prossimi mesi in merito al paventato aumento unilaterale, dal 20% al 30%, della riduzione delle emissioni di CO2 al 2020. Una rassicurazione, per molte imprese timorose della concorrenza asiatica e americana, che giunge proprio mentre Bruxelles è impegnata a comunicare le novità della Direttiva Europea sull’Emission Trading per il periodo post-2012, attraverso un tour informativo che in Italia arriverà a Milano il prossimo 24 maggio.

Proprio sul nuovo sistema di Emission Trading si misurerà la capacità europea di saper coniugare competitività e rispetto per l’ambiente. Una sfida non semplice da affrontare. Soprattutto per un paese come l’Italia  dipendente da industrie fortemente energivore e in cui non sono poche le voci euroscettiche di chi teme, da  Bruxelles, un eccesso di dirigismo politico sulle questioni ambientali. Un dirigismo che minaccerebbe la competitività dello stesso sistema produttivo europeo.

Ecco perché capire i meccanismi e gli strumenti finanziari ed economici previsti dalla UE serve a immaginare, con buona approssimazione, a quale modello di “sviluppo sostenibile” assisteremo. Tra questi strumenti lo scambio delle quote di emissione è stato pensato per favorire la transizione verso un’economia efficiente dal punto di vista ambientale e delle risorse. Ma grande importanza avranno, a livello energetico, anche la revisione della fiscalità e il completamento del mercato interno – il tutto entro un’avveduta politica energetica che tenga conto delle condizioni economiche congiunturali. Fermo restando gli obiettivi a medio-lungo termine.

Da Bruxelles a Roma. Il 30 aprile era atteso il Nuovo Conto Energia, il sistema di incentivazione degli impianti fotovoltaici. Ma ad oggi tutto tace. Si prevede comunque una riduzione del 15% rispetto alle attuali tariffe, anche in relazione alla diminuzione del costo di investimento conseguente al calo del prezzo dei pannelli.

Di fatto, il GSE (Gestore Servizi Energetici) ha l’obbligo di incentivare la produzione fotovoltaica secondo un sistema tariffato e fino al raggiungimento di una potenza installata pari – per l’attuale conto energia – a 1200 Mw. E favorisce tali iniziative attraverso il ritiro dedicato di elettricità dalla installazione fotovoltaica. Maggiore l’integrazione dell’ impianto (ad esempio sul tetto, rispetto ad una sul terreno) maggiore è la tariffa incentivante del Gestore. “Le tariffe attualmente riconosciute arrivano anche a 360 Euro/MWh prodotto. Un trattamento davvero di favore se si pensa che il prezzo di mercato è di 65 Euro/MWh e che è si può godere dell’incentivo per 20 anni dalla data di entrata in esercizio”, commenta Agostino Noce, trader di energia e certificati ambientali. Un meccanismo non esente da criticità, per quanto riguarda i terreni agricoli (sebbene meno incentivati), soprattutto al Sud Italia, dove le “coltivazioni” di pannelli fotovoltaici stanno sostituendo quelle tradizionali per sfruttare tutta la superficie irraggiata disponibile.

Differente il sistema di assegnazione dei certificati verdi, un altro meccanismo adottato dall’Italia per sostenere lo sviluppo degli impianti da fonti rinnovabili. Un certificato di questo tipo equivale a 1MWh di energia verde prodotta. In sostanza il GSE assegna i certificati verdi al produttore.  Una volta accreditati tali titoli possono essere monetizzati con vendita sui mercati bilaterali o di borsa. In alternativa – qualora dovessero rimanere invenduti per i tre anni di validità – il produttore può restituirli al GSE ad un prezzo determinato dalla media degli scambi del triennio precedente la restituzione. “In buona sostanza si tratta di un meccanismo di mercato parzialmente amministrato”, dice a proposito Noce, per evitare “che le banche finanziatrici della realizzazione degli impianti possano trovarsi con un titolo non solvibile”.

produttori di energia da fonti fossili hanno l’obbligo di certificare una loro quota di produzione da fonte verde. Nel caso in cui il soggetto vincolato non riesca a raggiungere tale quota deve comprare i certificati sul mercato, o, in ultima istanza, dal GSE medesimo. Le soglie d’obbligo sono determinate da decreti ministeriali con aggiornamento triennale, con l’obiettivo di mantenere un equilibrio tra domanda e offerta e, pertanto, un prezzo stabile di mercato. “Attualmente il valore del certificato verde si attesta attorno a 85 Euro a MWh, cui si deve aggiungere la valorizzazione derivante dalla vendita dell’energia a mercato (65 Euro a MWh) e pertanto tale sistema delinea un’interessante opportunità di incentivazione per chi vuole investire sulla produzione da rinnovabili in Italia.”

I certificati verdi possono oggi essere riconosciuti a produttori da fonte rinnovabile per 15 anni di incentivi, se in servizio dal primo gennaio 2008, o per 12 anni, se in esercizio in un periodo compreso fra il primo gennaio 1999 e il 31 dicembre 2007.  L’erogazione di certificati varia a seconda della tipologia della fonte. “In modo che vengano incentivati maggiormente gli impianti a biomasse a filiera corta rispetto alle fonti più convenzionali (idroelettrico ed eolico), in quanto tale tipologia di impianti ha costi di esercizio superiori”.

I certificati bianchi sono invece titoli di efficienza e risparmio energetico ottenibili attraverso, appunto, un intervento di “efficientamento” all’interno di un processo di consumo di energia primaria. “Sono il vero fiore all’occhiello italiano. Un modello simile verrà infatti adottato anche dall’Unione Europea. In teoria va bene tutto: dal rimpiazzo di una lampadina tradizionale con una a basso consumo fino a interventi complessi in vari processi industriali”. Come le installazioni di impianti di cogenerazione, la dismissione di vecchie caldaie convenzionali e la loro sostituzione con caldaie a condensazione. Un certificato bianco equivale a 1 Tep (tonnellata equivalente di petrolio) e l’attuale valore di mercato è di circa 90 Euro/tep.

I soggetti obbligati al risparmio e al miglioramento dei consumi sono i distributori di energia elettrica e gas con più di 50.000 clienti finali ciascuno. Se questi non riescono ad attuare direttamente processi virtuosi possono acquistare i certificati presso società di risparmio energetico, dette E.S.Co (Energy Service Companies), qualificate presso la AEEG (l’Autorità Energia Elettrica e Gas). “Le ESCo”, spiega Noce, ”possono presentare progetti di varia natura all’Autorità, che potrà esaminarne la congruità tramite enti certificatori esterni come l’Enea. E, una volta validato, al progetto verrà assegnato un numero di certificati bianchi  in base alla quantità di Tep risparmiate”. I certificati sono assegnati per 5 anni in funzione del risparmio certificato. “Nei periodi iniziali vi è stato qualche eccesso di introduzione del meccanismo. Penso ad erogazioni solo sulla base di “presunzioni” di risparmi. In più il sistema è soggetto ad interventi normativi e regolatori di aggiustamento. Tuttavia sta effettivamente funzionando. I distributori obbligati, ma anche le ESCo e i soggetti industriali, sono allettati da una voce di ricavo che rende meno onerosi i rinnovi di impianto (fino al 20-30% dell’investimento complessivo, più il risparmio energetico effettivo).” E adottano pertanto comportamenti realmente virtuosi.

In questa carrellata di strumenti e operatori finanziari che determineranno le sorti del mercato europeo della green economy, non può infine mancare un cenno ai grandi player  internazionali (si legga: fondi d’investimento) e al sistema bancario. I fondi esteri attratti dalla particolare situazione italiana sono principalmente anglosassoni e tedeschi. “Solitamente un fondo punta a rilevare “chiavi in mano” impianti già installati e funzionanti, anche se vi è richiesta per quelli autorizzati ma ancora da costruire. Resta tuttavia il problema di un quadro normativo instabile. Che, certo, non favorisce gli investimenti di chi è allettato da prezzi, sia tariffati che di mercato, in assoluto i più alti d’Europa” conclude Agostino Noce. Quanto alle banche, pur favorite da un meccanismo di cessione del credito attraverso le convenzioni per il ritiro dedicato che il produttore può stabilire con il GSE, resta valido un antico problema: subissate di richieste, sottodimensionate e con funzionari non sempre preparati, fanno fatica a stare al passo con i tempi.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende