Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » La partitura come squarcio naturale. Intervista a Evelino Pidò:

La partitura come squarcio naturale. Intervista a Evelino Pidò

maggio 21, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Evelino Pidò, Courtesy of Haydn.itEvelino Pidò è un direttore d’orchestra di fama internazionale. Il suo successo è legato all’ispirazione che trae dalla natura, con i suoi suoni e la sua armonia. Torinese, da anni porta la propria musica in giro per il mondo.  “Sono uno zingaro di lusso, il mio lavoro mi fa viaggiare molto e ho notato che all’estero c’è una maggiore attenzione ai temi legati alla sostenibilità ambientale. Specialmente a Ginevra, dove un forte senso civico spinge le persone a rispettarsi tra di loro e a prendersi cura della natura”.

D) Maestro Pidò, che rapporto ha con la natura?

R) La amo molto. Ho la fortuna di abitare in collina, a  Cavoretto, un piccolo borgo di mille anime immerso nel verde, al limite del Parco Europa. Vivo in un ambiente sano e tranquillo non lontano da una città come Torino. La mia casa è a due passi dalla chiesa del paese e il rintocco delle campane ogni mezz’ora non mi disturba affatto, anzi, è una piacevole compagnia.

D) Quindi la natura fa parte del suo vivere quotidiano.

R) Fin da piccolo i miei genitori mi hanno dato un’educazione improntata alla generosità e al rispetto del prossimo e dell’ambiente. Mi è stato insegnato che un viale alberato, la sponda di un fiume o una semplice passseggiata in campagna racchiudono una grande ricchezza. Personalmente non mi ritengo una persona con il pollice verde, ma mi piace raccogliere le rose dal mio giardino e sistemarle in un vaso. Ho anche un piccolo frutteto e a giugno prenderò una scala e andrò a cogliere le ciliegie.

D) Il suo lavoro la porta in giro per il mondo, ma Torino resta la sua città. Come la giudica in quanto a pratiche di sostenibilità ambientale?

R) Mi da l’impressione che venga data maggiore importanza a fattori di tipo estetico e che la tutela ambientale sia un po’ trascurata. Si ristrutturano le facciate dei palazzi nel centro storico mentre le politiche di sostenibilità e rispetto della natura passano in secondo piano. Credo che sia una questione di educazione. Ho due figlie che vanno a scuola e noto che c’è una scarsa attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile.

D) Con un orecchio come il suo non deve essere facile girare in città a causa dell’inquinamento acustico e dell’assenza totale di silenzio.

R) Il silenzio è musica e purtroppo è una merce sempre più rara nei centri urbani. Ricordo una volta a Napoli, in piazza del Plebiscito non riuscivo a parlare al telefono tanto era forte il frastuono della città. Ho un orecchio molto sensibile e i rumori amplificati mi urtano particolarmente. Le confesso che mi piacerebbe sentire un concerto dei Rolling Stones o di Bruce Springsteen, ma con le casse che vomitano tutti quei decibel non posso andare.

D) Uno studio dell’Università di Madison, nel Wisconsin, ha dimostrato che le mucche producono più latte quando ascoltano Mozart e le piante vengono cullate dalla musica classica. Che interpretazione ne da lei?

R) Il suono è una sorgente viva, è come una luce che penetra. La musica è un dono di Dio e non sono solo le mucche a trarne giovamento. Pensi alla maternità, quando mia moglie era incinta e seguiva un mio concerto anche il feto riceveva dei piacevoli stimoli. In quanto alle piante, ritengo che siano degli esseri viventi e che possono abbeverarsi anche dalla musica, purché non sia violenta.

D) Ha mai tratto ispirazione dai suoni della natura?

R) L’arte ha sempre dei richiami naturalistici. Per me fare musica è come dipingere una tela. Quando studio una partitura cerco di dare ai miei musicisti la rappresentazione di uno squarcio naturale, come il mare, una montagna o il vento che soffia tra gli alberi.

D) Maestro, crede che la musica possa rendere ecologicamente migliore il mondo in cui viviamo?

R) Assolutamente sì. Trovo che sia un dono straordinario e un valido mezzo per mettere l’individuo in armonia con la natura.

Emanuele Satolli

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende