Home » Green Economy »Idee » Nasce Greenfunding, la prima piattaforma di crowdfunding per la green economy:

Nasce Greenfunding, la prima piattaforma di crowdfunding per la green economy

ottobre 6, 2014 Green Economy, Idee

Giovedì 2 ottobre si è tenuto al Campus Luigi Einaudi dell’Università di Torino il 6° Salone Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, organizzato dall’Associazione GammaDonna con l’adesione del Presidente della Repubblica. Tema del 2014: “Come sta cambiando l’Italia? I modelli imprenditoriali emergenti“, declinato in un convegno e quattro laboratori tematici. Protagoniste del LAB4 “Finanziamenti innovativi” – moderato da Giancarlo Rocchietti del Club degli Investitori - le piattaforme di crowdfunding, raccontate negli interventi di Angelo Rindone, fondatore di Produzioni dal Basso, Claudio Bedino di Starteed Andrea Gandiglio, presidente dell’Associazione Greencommerce, che ha anticipato il lancio di Greenfunding, la prima piattaforma italiana dedicata ai progetti della green economy, online da venerdì 10 ottobre. Ecco in anteprima, nel suo racconto, la genesi dell’idea e i prossimi passi…

Integrazione” e “sinergia” sono due parole spesso ripetute e forse abusate. Eppure io resto convinto che, se applicate concretamente e autenticamente, possano dare grandi risultati. L’idea di Greenfunding è partita da qui, più di un anno fa, da una domanda banale: come possiamo supportare meglio i produttori, le associazioni, i designer e tutti coloro con cui entra in contatto l’Associazione Greencommerce? In tempi di crisi la prima risposta è altrettanto banale e immediata: aiutandoli a trovare i soldi! La seconda, un po’più strutturata, è: costruendo per loro uno strumento che si integri bene con le altre realtà del network Greengooo!, così da poterne mettere a disposizione tutti i canali e i contatti.

Greenfunding vuole essere questo: uno strumento dedicato a chiunque abbia buoni progetti nell’ambito della green economy e della sostenibilità ambientale e voglia farli conoscere ad un pubblico più ampio e “in target”, comunicandoli e raccontandoli, per farne apprezzare il valore. E’così che funziona il crowdfunding (il “finanziamento dal basso”, da parte della gente comune), che nel mondo anglosassone sta crescendo ad un ritmo impressionante, con campagne che raccolgono dai donatori anche il 400% del proprio “target”, portando nelle casse dei migliori “proponenti” cifre a sei zeri, a colpi, magari, di 5 o 10 dollari con carta di credito e PayPal. Qui siamo in Italia, è vero, ma anche il crowd nostrano vanta ottime performance da parte di piattaforme generaliste consolidate, come Produzioni dal Basso, Eppela e altre.

Noi abbiamo voluto studiare umilmente l’esistente – con l’aiuto del nostro consulente e associato Carlo Boccazzi Varotto, ottimo conoscitore dell’innovazione digitale – e ci siamo divertiti a stravolgere alcune prassi consolidate, per creare una piattaforma “in salsa italiana”, specifica per il mondo della nostra green economy. Le campagne caricate su Greenfunding.it, ad esempio, potranno durare da 7 a 270 giorni, un’enormità rispetto all’usanza delle campagne tutte giocate sui due (massimo tre) mesi di ansia del “rush finale”. Noi vogliamo offrire entrambe le possibilità ai nostri “proponenti”: se hai un progetto già avviato e hai bisogno di “chiudere”, potrai fare una campagna flash dove ti giochi tutto (secondo il modello all-or-nothing) e concentri l’impegno in pochi giorni (bruciando la rubrica telefonica e la mailing list!) per raggiungere il risultato, ovvero il “budget” finale che, se non completato fino all’ultimo centesimo, ti fa perdere tutte le donazioni ricevute; se invece hai un progetto in fase iniziale (con almeno 10.000 euro di budget previsto), puoi pensare di sfruttare per intero un tempo anche superiore ai 90 giorni – non per cazzeggiare (che difficilmente porta buoni risultati), ma per organizzare road show, presentazioni e tutto quello che può servire a creare dei “picchi” di donazione.

La dinamica del rapporto con gli istituti di credito e gli investitori tradizionali, a questo punto, viene invertita: invece di andare a chiedere un mutuo con la sola “buona idea” in tasca (e vedersi sbattere la porta in faccia), il nostro progettista potrà arrivare dal direttore di filiale dopo aver dimostrato di saper mobilitare intorno al proprio progetto qualche centinaia (o migliaia) di persone, disponibili a sostenere, anche economicamente, l’idea (che evidentemente “ha mercato”).

La durata delle campagne e la modifica del rapporto creditizio sono solo due delle novità unconventional che vorremmo introdurre nei prossimi mesi, dopo il lancio della piattaforma, previsto in via definitiva per venerdì 10 ottobre. Abbiamo presentato Greenfunding, in anteprima assoluta, a fine settembre, ai ciclisti e appassionati di mobilità sostenibile, al Bike Pride 2014 e ora lo presenteremo, nel weekend dell’11 e 12 ottobre, sempre a Torino, agli agricoltori, vivaisti, giardinieri, produttori e appassionati di verde e buon cibo in occasione di Food & Flor 14, l’edizione autunnale di Flor14 accoppiata con il Mercato della Terra di Slow Food, a pochi giorni del Salone del Gusto. Se volete prendere spunti da chi “ce l’ha fatta” e raccontarci il vostro progetto venite a trovarci in Piazza Carlo Alberto, nello stand dell’Associazione Greencommerce, dove esporremo, tra l’altro, alcuni tra i più interessanti prodotti eco & bio realizzati dai “nostri” produttori. Poi sarà la volta, a fine ottobre, dei medici, a cui presenterò la piattaforma durante le 8° Giornate Mediche dell’Ambiente organizzate ad Arezzo dall’ISDE e, a fine novembre, ai geometri, architetti e ingegneri riuniti a Torino per la 27°edizione di Restructura. Perché un buon progetto “green” può nascere in qualsiasi settore!

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende