Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » Parla Samuel: il design sistemico ispirazione per la nostra musica:

Parla Samuel: il design sistemico ispirazione per la nostra musica

maggio 14, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Motel Connection, Courtesy of Compagniarock.com“Poter respirare un’aria più pulita e vedere un cielo più blu”. Per i Motel Connection l’impegno per l’ambiente non è solo un verso di una canzone, l’immagine, la speranza del protagonista del loro ultimo singolo H.e.r.o.i.n. E’, per esempio, un concerto a impatto zero, alimentato tutto a pannelli fotovoltaici e energia eolica.

Facile a dirsi, ma quando il leader della band Samuel, insieme agli altri membri del gruppo Pisti e Pierfunk, hanno chiesto al loro produttore di tradurre concretamente quest’idea, ecco l’amara sorpresa: “per trasportare tutta quell’attrezzatura ci sarebbe voluto un tir, noi che ci muoviamo sempre su un modestissimo furgone. Il tutto per riuscire ad alimentare solo qualche monitor, che è un’inezia rispetto al sistema di luci che illuminano i nostri palchi”. Ne vale la pena?

L’ecologismo ortodosso e totale, quello che utilizza solamente il sole e il vento, non è certamente solo un ideale infantile, ma per il momento sogno resta. Dunque meglio cominciare dagli obiettivi raggiungibili. “Meno moralismo e più cose concrete”, come dice il cantante, che col gruppo ha dedicato il nuovo tour di promozione del disco alla sostenibilità ambientale.

D) Da dove cominciano dunque i Motel Connection per fare concretamente musica sostenibile?

R) Dalle bottiglie di plastica. Ma lo sa quante ce ne sono in ogni singolo camerino degli artisti e della produzione tutte le sere? In media cinquanta. Un assurdo, un doppio spreco. Perché molti hanno la cattiva abitudine di aprirne più di una e mollarle lì senza consumarle. Allora noi abbiamo deciso di cominciare proprio da qui la filiera del riciclo. Se non educhiamo prima noi stessi, come possiamo pretendere che lo facciano i nostri fans? Nelle nostre tappe le bottigliette sono contate, non vengono gettate a casaccio.

D) Bisognerebbe dirlo a Madonna o agli U2, che spostano ogni volta 40 camion per ogni concerto. Che ne dice?

R) Tutto si può tagliare, ma la musica è complicata da ridimensionare quanto a sprechi. L’importante è la mentalità, poi le idee per stare vicino all’ambiente vengono. Prendiamo i Radiohead, che sono l’esempio musicale recente in questo senso: all’ultima tournée hanno fatto sul loro sito una campagna mediatica in cui invitavano il pubblico a raggiungere le città dei concerti organizzandosi a gruppi di auto. Noi non mobilitiamo le masse, ma a chi viene a sentirci nei centri storici delle varie città consigliamo di muoversi a piedi o coi mezzi pubblici.

D) Lei al concerto degli altri gurppi ci va a piedi o in pullman?

R) Faccio anche di più. I Subsonica, qualche anno fa avevano suonato per un No Nuke Day al Palaisozaki. Con i Motel l’esperienza si è tradotta attivamente in una collaborazione con il Politecnico di Torino. Eravamo in fase di scrittura del disco, ci siamo innamorati di un progetto di design sistemico messo in piedi da alcuni ricercatori. Uno studio che insegna alle aziende a mettersi in contatto fra di loro per sfruttare i rifiuti l’una dell’altra. Attenzione all’ambiente non vuol dire più  “non consumare”. Anzi il contrario. Loro dicono: consumate pure, ma fatelo in modo intelligente. Cercavamo un canale creativo, l’abbiamo trovato in loro. E’ venuta fuori una bellissima esperienza che abbiamo lanciato anche dal sito: lasciare a disposizione dei visitatori canzoni, testi e altro materiale scaricabile gratuitamente. Chiedendo in cambio un gesto per il mondo che ci circonda. E’ incredibile, sono nati mercatini spontanei di abiti usati, alcuni ragazzi di Firenze hanno messo a disposizione i loro spazi per scambiarsi vecchi oggetti di cui volevano disfarsi e che invece sono stati riciclati.

D) Poche prediche e gesti tangibili sembra essere la vostra ricetta. Siete stati, per molti fans, lo stimolo concreto per sensibilizzarsi all’ambiente. Lo immaginavate?

R) No, è stata una piacevole sorpresa. Per cercare di inquinare di meno avevamo anche provato a fare il packaging dei nostri cd in carta riciclata, ma anche qui una delusione. Avremmo speso di più a farla arrivare alle aziende produttrici che normalmente non la usano. Dunque, ci siamo convinti che la direzione è questa: se c’è la sensibilità a non inquinare, bastano piccole cose, piccole idee meno altisonanti dei grandi progetti, purchè siano messe in pratica davvero. Senza più scuse.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende