Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » Parla Samuel: il design sistemico ispirazione per la nostra musica:

Parla Samuel: il design sistemico ispirazione per la nostra musica

maggio 14, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Motel Connection, Courtesy of Compagniarock.com“Poter respirare un’aria più pulita e vedere un cielo più blu”. Per i Motel Connection l’impegno per l’ambiente non è solo un verso di una canzone, l’immagine, la speranza del protagonista del loro ultimo singolo H.e.r.o.i.n. E’, per esempio, un concerto a impatto zero, alimentato tutto a pannelli fotovoltaici e energia eolica.

Facile a dirsi, ma quando il leader della band Samuel, insieme agli altri membri del gruppo Pisti e Pierfunk, hanno chiesto al loro produttore di tradurre concretamente quest’idea, ecco l’amara sorpresa: “per trasportare tutta quell’attrezzatura ci sarebbe voluto un tir, noi che ci muoviamo sempre su un modestissimo furgone. Il tutto per riuscire ad alimentare solo qualche monitor, che è un’inezia rispetto al sistema di luci che illuminano i nostri palchi”. Ne vale la pena?

L’ecologismo ortodosso e totale, quello che utilizza solamente il sole e il vento, non è certamente solo un ideale infantile, ma per il momento sogno resta. Dunque meglio cominciare dagli obiettivi raggiungibili. “Meno moralismo e più cose concrete”, come dice il cantante, che col gruppo ha dedicato il nuovo tour di promozione del disco alla sostenibilità ambientale.

D) Da dove cominciano dunque i Motel Connection per fare concretamente musica sostenibile?

R) Dalle bottiglie di plastica. Ma lo sa quante ce ne sono in ogni singolo camerino degli artisti e della produzione tutte le sere? In media cinquanta. Un assurdo, un doppio spreco. Perché molti hanno la cattiva abitudine di aprirne più di una e mollarle lì senza consumarle. Allora noi abbiamo deciso di cominciare proprio da qui la filiera del riciclo. Se non educhiamo prima noi stessi, come possiamo pretendere che lo facciano i nostri fans? Nelle nostre tappe le bottigliette sono contate, non vengono gettate a casaccio.

D) Bisognerebbe dirlo a Madonna o agli U2, che spostano ogni volta 40 camion per ogni concerto. Che ne dice?

R) Tutto si può tagliare, ma la musica è complicata da ridimensionare quanto a sprechi. L’importante è la mentalità, poi le idee per stare vicino all’ambiente vengono. Prendiamo i Radiohead, che sono l’esempio musicale recente in questo senso: all’ultima tournée hanno fatto sul loro sito una campagna mediatica in cui invitavano il pubblico a raggiungere le città dei concerti organizzandosi a gruppi di auto. Noi non mobilitiamo le masse, ma a chi viene a sentirci nei centri storici delle varie città consigliamo di muoversi a piedi o coi mezzi pubblici.

D) Lei al concerto degli altri gurppi ci va a piedi o in pullman?

R) Faccio anche di più. I Subsonica, qualche anno fa avevano suonato per un No Nuke Day al Palaisozaki. Con i Motel l’esperienza si è tradotta attivamente in una collaborazione con il Politecnico di Torino. Eravamo in fase di scrittura del disco, ci siamo innamorati di un progetto di design sistemico messo in piedi da alcuni ricercatori. Uno studio che insegna alle aziende a mettersi in contatto fra di loro per sfruttare i rifiuti l’una dell’altra. Attenzione all’ambiente non vuol dire più  “non consumare”. Anzi il contrario. Loro dicono: consumate pure, ma fatelo in modo intelligente. Cercavamo un canale creativo, l’abbiamo trovato in loro. E’ venuta fuori una bellissima esperienza che abbiamo lanciato anche dal sito: lasciare a disposizione dei visitatori canzoni, testi e altro materiale scaricabile gratuitamente. Chiedendo in cambio un gesto per il mondo che ci circonda. E’ incredibile, sono nati mercatini spontanei di abiti usati, alcuni ragazzi di Firenze hanno messo a disposizione i loro spazi per scambiarsi vecchi oggetti di cui volevano disfarsi e che invece sono stati riciclati.

D) Poche prediche e gesti tangibili sembra essere la vostra ricetta. Siete stati, per molti fans, lo stimolo concreto per sensibilizzarsi all’ambiente. Lo immaginavate?

R) No, è stata una piacevole sorpresa. Per cercare di inquinare di meno avevamo anche provato a fare il packaging dei nostri cd in carta riciclata, ma anche qui una delusione. Avremmo speso di più a farla arrivare alle aziende produttrici che normalmente non la usano. Dunque, ci siamo convinti che la direzione è questa: se c’è la sensibilità a non inquinare, bastano piccole cose, piccole idee meno altisonanti dei grandi progetti, purchè siano messe in pratica davvero. Senza più scuse.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende