Home » Idee » Per le feste stiamo…vicini vicini.:

Per le feste stiamo…vicini vicini.

dicembre 22, 2009 Idee

Mercato di Rialto, Courtesy of CorbyImperversano da un paio di settimane a questa parte su giornali e siti internet variopinti e, a volte, strampalati menu di Natale e consigli per la tavola nel periodo delle feste. Ma la ricerca dell’esotico a tutti i costi ha, scusate la ripetizione, dei costi. Non solo in termini strettamente economici (oltre al prodotto si pagano anche le spese dei chilometri del trasporto) ma anche, ahimè, ambientali.

Un chilo di ciliegie in volo dall’Argentina all’Europa per una distanza di 12 mila km produce 16,82 kg di CO2.

Stesso problema se prendiamo in considerazione la produzione in serra: un chilo di pomodori ottenuto con un ecosistema artificiale che riproduce, fuori stagione, la temperatura di coltivazione, rilascia 3,5 kg di gas serra. La stessa quantità prodotta in un campo sarebbe di 0,05 kg, cioè oltre 70 volte più bassa.

Dunque, nel paese della dieta mediterranea e del cibo d’eccellenza, la domanda sorge spontanea, perché non evitare  o cercare di ridurre al minimo l’impatto dei nostri consumi sull’ambiente preparando un bel cenone esclusivamente con  prodotti locali e stagionali? I tempi di crisi, per altro, sembrano invocarlo.

Niente aragoste, salmone, mango, papaja proveniente da paesi oltreoceano né  asparagi o fragole forzati a crescere quando fuori (come in questi giorni) la temperatura crolla sotto lo zero. Sì invece alle ricette regionali e alla riscoperta dei sapori della nonna che, andando quotidianamente a far la spesa al mercato, difficilmente avrebbe portato in tavola ostriche e champagne francese.

Prima di recarvi, armati di sporte (rigorosamente ecologiche), a fare gli acquisti necessari per imbandire la vostra tavola, di Natale o Capodanno , informatevi dunque su quelli che sono i prodotti tipici della regione in cui vivete e quali sono le ricette più gustose che potrete realizzare in questo periodo dell’anno, utilizzando possibilmente solo ciò che sta in un raggio chilometrico limitato. Ne rimarrete piacevolmente sorpresi, scoprirete eccellenze nascoste e curiosi abbinamenti che potrete proporre ad amici e parenti convertendoli alla filosofia del Km zero!

Per fugare ogni dubbio in merito alla territorialità dei prodotti è sufficiente navigare nelle dettagliatissime sezioni a esse dedicate nei siti internet delle singole regioni. Noi lo abbiamo fatto e, evitando eccessi di fanatismo vegetariano, abbiamo estrapolato tre esempi di menu natalizi tipici del Belpaese, tre tavole che potreste trovare imbandite al nord, al centro o al sud della penisola.

Nord Italia. Il viaggio culinario in Piemonte può iniziare con un antipasto misto a base di carne, affettati e frittate di erbe, seguito dai primi piatti all’insegna di agnolotti o tajarin (tagliatelle fatte in casa) e minestre di vario genere.

Tra i prodotti tipici del Piemonte si ricordano il tartufo, le nocciole delle Langhe e del Monferrato e il salame di Turgia (prodotto con carne di vacca da latte, che non ha avuto vitelli), mentre, tra i formaggi si fanno spazio il taleggio e la robiola e il castelmagno, formaggio Dop e Doc.

Il piatto simbolo per eccellenza della regione è la bagna cauda, un “sugo” preparato con olio, aglio e acciughe servito in un recipiente di terracotta detto tianet, appoggiato su un piccolo braciere, comune a tutti i commensali, nel quale gli stessi possono intingere diversi tipi di verdure oppure crostini e pane.

Il tutto può essere allietato dagli ottimi e famosi vini del Piemonte tra cui il Barbera, il Dolcetto d’Alba, il Barolo, il Brachetto d’Acqui, il Bonarda, il Gattinara, il Ghemme e il Sizzano.

Eccellenti anche i dolci, sui quali svettano la panna cotta (budino ricoperto di caramello), lo zabajone (crema di uova e zucchero che si accompagna a biscotti secchi), i krumiri, i marron glaces e il famoso gianduiotto, squisito cioccolatino nato a Torino nel 1865. Nella zona di Cuneo sono tipici i baci di dama, le paste di meliga mentre, in provincia di Alessandria, i famosi savoiardi.

Centro Italia. Della cucina della Toscana è nota la semplicità e la veracità. Piatti preparati con sapiente maestria, utilizzando ingredienti genuini e di provenienza naturale.

Proprio uno degli alimenti tradizionalmente più poveri, il pane, è uno dei prodotti regionali tipici: si presenta in varie forme, dal filone alla ruota, dai crostini alle focacce, dalla schiacciata con olio d’oliva al pan di ramerino, fino alla pagnotta aromatizzata con uvetta e rosmarino. Adatissima al periodo invernale è la ribollita, un classico piatto di recupero: il cui nome nasce dal fatto che gli ingredienti principali sono le verdure cotte avanzate dai giorni precedenti che vengono, appunto, fatte ribollire tutte insieme, con l’aggiunta di pane raffermo.

Ma il menù toscano è molto vario: spazia dal pesce alla carne e comprende anche insaccati come il prosciutto (tipico quello di cinghiale), le soppressate, il lardo. Inoltre ogni città si tramanda dei piatti tipici. Firenze, ad esempio, è famosissima per la bistecca alla fiorentina (lombata di vitellone di razza chianina o maremmana), la trippa, i bomboloni, la schiacciata con l’uva. I famosi cantucci, da bagnare nel vin santo sono tipici di Prato. A Pistoia troviamo una semplice minestra fatta di pochi ingredienti ben armonizzati: la minestra di rigaglie (anche detta “il carcerato” perché veniva distribuita ai reclusi), la briachina, un’insalata verde-rossa e i bertoli, appetitosi spicchi di mela seccati al sole. A Lucca si possono gustare il buccellato, un dolce impastato con acqua, farina lievitata, zucchero, anice e uvetta mentre specifica della Garfagnana è la zuppa di farro. A Pisa, invece, dominano il tartufo e alcuni pesci semplici come le anguille e lo stoccafisso.

Nella Maremma protagonista, ancora una volta,è la semplicità e piatto simbolo è la famosissima acquacotta (utilizzata in passato come piatto unico dei butteri della Maremma – a base di patate, cicoria, uova, baccalà e pane casereccio). Tra i dolci tipici si preparano i birilli, una ciambellina con il miele, i sospiri, chiara d’uovo montata a zucchero, e la zuccata, un’energetica marmellata. Da non perdere anche i deliziosi necci, schiacciatine di farina di castagne cotte tra due piastre di ferro, magari servite con la ricotta.

Sud Italia. Quando pensiamo ai piatti tipici della Puglia ci vengono subito in mente le orecchiette alle cime di rapa, l’olio pugliese e il pane di Altamura. Ma la regione offre molto di più e associa alla tradizione mediterranea una lunga storia fatta di dominazioni diverse che hanno lasciato, ognuna, delle influenze anche a tavola.

La Puglia regala tantissimi piatti dal gusto semplice ma saporito nati da un miscuglio di pesce e frutti di mare, verdure e frutta, il tutto completato da un eccellente olio extra vergine e da ottimi vini salentini.

Specialità locali sono le gnemeridde (interiora d’agnello tagliate a strisce e strette a gomitolo), il coniglio con i capperi ma anche piatti a base di cozze, ostriche, aragoste delle Tremiti, ricci di scoglio, ricciole, cefali, spigole e rane pescatrici.

Tra le eccellenze pugliesi, i lampascioni (cipolline selvatiche dal sapore amarognolo) e i funghi cardoncelli e paparuli (dall’odore di pepe).

Tra i dolci meritano i cauciuni (pasta farcita con ceci, cioccolata, canditi e vino cotto), il gelato caldo (gelato, canditi e frutta secca stretti tra due fette di pan di Spagna passate velocemente al forno) e le carteddate (dolci di pasta sfoglia insaporiti con miele e cannella).

Sognate ancora specialità fuori (s)porta?

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende