Home » Idee »Rubriche » Progetto Guarene: alla ricerca dell’immobile da ristrutturare:

Progetto Guarene: alla ricerca dell’immobile da ristrutturare

aprile 11, 2013 Idee, Rubriche

Cliccate e ingrandite l’immagine qui a fianco. Cosa appare subito all’occhio? La macchia di colore rosso dominante dei coppi e dei mattoni, in primo piano, si scontra con l’addensamento bianco sullo sfondo. Sono i famigerati capannoni, quelli raccontati con disarmante lucidità nel documentario “Langhe Doc: Storie di eretici nell’Italia dei capannoni“, lo sfregio più evidente (insieme ad anonimi complessi residenziali e improbabili villette neohollywoodiane) in un paesaggio baciato da Dio, che oggi, a causa di quella tentazione all’”edilizia facile” e decontestualizzata, vede a rischio la propria candidatura a Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Ogni giorno in Italia, secondo i dati ISPRA, vengono urbanizzati 14.000 metri quadrati di suolo libero, al ritmo crescente di 8 metri quadrati in più ogni secondo che passa. Perché? Sta aumentando la popolazione? Mancano abitazioni o sedi per imprese e attività commerciali? No, anzi, l’offerta è in netto surplus rispetto alla domanda e non si contano più i cartelli vendesi e affittasi, ma anche i siti semplicemente abbandonati. Recuperare e riqualificare il patrimonio edilizio esistente, in questo contesto, è un dovere morale ed estetico, per il committente, e dovrebbe essere un dovere di legge per l’amministratore pubblico.

La scelta non manca di certo. Individuata l’area del Piemonte in cui avremmo avuto l’esigenza di trasferirci, a noi è semplicemente bastato iniziare la ricerca online, scrivendo su Google “rustici in vendita provincia di cuneo”. Immobiliare.it, Casa.it, Trovacasa.net, Bakeca.it e poi tutti i siti dei franchising immobiliari, Tecnocasa.it, Gabetti, it ecc. Non si può dire che in rete manchi l’informazione necessaria a individuare, seduti comodamente in poltrona, quanto si cerca. Tutti i portali richiedono di inserire i parametri di ricerca canonici: tipologia dell’immobile, superficie, fascia di prezzo, eventuali must desiderati (giardino, terrazzo, balcone ecc.). Ovviamente più si è esigenti o si hanno le idee chiare sin dall’inizio e più si restringe la cerchia di risultati, rischiando di perdere il benefico effetto della serendipità: quello per cui cercando qualcos’altro ci si imbatte, a sorpresa, in quello che fa per noi.

Noi siamo incappati in Guarene senza un’idea prefissata. Volevamo solamente restare nei dintorni di Alba, ma non proprio in città, per dare seguito a un desiderio pressante di riavvicinarsi alla campagna. Abbiamo preso una mappa della zona e abbiamo iniziato a inserire a raffica, nel campo di ricerca, i nomi di tutti i paesini della zona, per renderci conto delle disponibilità e comparare i prezzi. Oggi quasi tutti i siti sono molto ricchi di informazioni (inclusa la classe energetica dell’edificio, divenuta obbligatoria), riportate in forma standardizzata e quindi molto facilmente comparabili tra loro. E’finita l’era degli annunci di vendita senza immagini fotografiche, il 99% degli utenti li scarterebbe a priori, anche (e forse soprattutto) se ci fosse scritto “castello in vendita a 50mila euro”.

Non c’è dunque giustificazione per non provare a cercare, trovare e ristrutturare l’esistente, tanto più, come dicevamo, in un paese come l’Italia che scarseggia di suolo in rapporto alla popolazione e che ha un patrimonio edilizio antico tra i più vari e sorprendenti al mondo, anche nelle sue forme rustiche e non necessariamente di pregio architettonico. Ma anche, purtroppo, un’eredità di costruito semplicemente vecchio (il lascito degli anni ’50, ’60 e ’70), che andrebbe perlomeno riqualificato, reso più salubre e confortevole ed efficientato dal punto di vista energetico.

Dopo la ricerca virtuale viene, ovviamente, l’eccitante momento della visita sul posto. E’un po’come il primo appuntamento con una persona di cui hai visto solo le foto e letto qualche dato biografico apparentemente promettente: corrisponderanno al vero? ci sarà feeling? Io, per ottimizzare la trasferta e non rischiare la delusione a colpo secco, ho fissato più appuntamenti in un giorno, nei paesini confinanti. L’agenzia immobiliare, per proseguire la metafora, è il “consulente matrimoniale”, quello che dovrebbe aiutarti a innamorarti della sconosciuta raccontandone i pregi – ma anche i difetti. Qui sta il discrimine tra un agente serio e un piazzista: il primo esercita una professione e ha piacere di mantenere una credibilità (secondo un’ottica di business di lunga distanza), il secondo vuole solo venderti la casa, mordi e fuggi col bottino! Quando state visitando l’immobile in compagnia dell’agenzia ricordatevi che, in caso di buon fine dell’operazione, gli pagherete il 3% del valore di acquisto, quindi non siate timidi nel fare domande e farvi inviare documentazione: planimetrie catastali, copia dell’atto notarile di provenienza, qualsiasi documento scritto che provi inconfutabilmente che quello che vi stanno raccontando corrisponde al vero. E poi non abbiate paura di “disturbare” per tornare e ritornare a vedere l’immobile, a diverse ore del giorno, in differenti condizioni climatiche e di luce: è solo così che potrete, entro certi limiti, “fare esperienza” di come si vivrà in quella casa, quali rumori o silenzi accompagneranno il lavoro nel vostro nuovo ufficio. Andateci con i mezzi che pensate di utilizzare nella vostra futura vita quotidiana, cronometrate i tempi degli spostamenti che immaginate più frequenti, simulate la “logistica”. Solo così (e dopo averci dormito sopra almeno una notte) potrete serenamente pronunciare il fatidico “sì, lo compro“, dal quale inizia ufficialmente la nostra avventura.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende