Home » Idee »Rubriche » Progetto Guarene: l’avventura di una ristrutturazione in bioedilizia ai tempi della crisi:

Progetto Guarene: l’avventura di una ristrutturazione in bioedilizia ai tempi della crisi

aprile 4, 2013 Idee, Rubriche

Un progetto “dimostrativo” di ristrutturazione in bioedilizia certificata che durerà un anno, forse più (mi auguro meno). L’esperienza diretta di un committente privato che decide di “cambiare vita” – coerentemente con la propria professione e per esigenze famigliari – e si avventura (in un periodo sicuramente non fiorente per l’economia) nella selva delle agenzie immobiliari, dei rogiti notarili, dei mutui bancari, dei regolamenti edilizi, degli incentivi fiscali, della scelta di progettisti, imprese, fornitori e materiali. Sarà questo “Progetto Guarene“, l’avventura per il trasferimento della redazione di Greenews.info e degli uffici del network Greengooo! dalla metropoli torinese alla nuova sede di Guarene, lo stupendo paesino di 3.457 abitanti sulla collina che domina Alba, al confine tra le Langhe e il Roero, i territori piemontesi candidati a diventare, dal 2014, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, insieme al Monferrato.

Racconteremo questa esperienza – appassionante ed ansiogena al tempo stesso – attraverso il magazine e i social networks, partecipando a fiere e convegni, come pochi hanno fatto prima in Italia, un paese dove, troppo spesso, le cose si fanno e non si dicono – o si dicono diverse da quelle che si fanno, per timore delle conseguenze (legali, fiscali, economiche) e per non condividere pienamente con gli altri il proprio “know how”. Soprattutto in un mondo ancora “oscuro” ai profani come quello dell’edilizia, pieno di luci ma anche di tante ombre e oggi vittima di una crisi senza precedenti, che sta decimando le imprese al ritmo di un’epidemia. A stupirsi della nostra scelta, ma anche ad incoraggiarci nell’intraprendere questa strada di fedele documentazione, sono stati proprio i primi operatori del settore con i quali abbiamo parlato, che hanno colto l’importanza, in termini di comunicazione, di far toccare con mano, al possibile committente, sia le opportunità che le difficoltà di un progetto di ristrutturazione secondo i criteri del “green building” e, più nello specifico, della bioedilizia.

Il nostro viaggio sarà lungo e particolareggiato, per restituire, nella maniera più completa possibile, l’esperienza concreta che altri cittadini e imprenditori potrebbero trovarsi a intraprendere, nella speranza di offrire loro un utile vademecum pratico. Partiremo dai preliminari di individuazione dell’immobile giusto per le proprie esigenze (che anche noi abbiamo affrontato nei mesi scorsi) in rapporto con le agenzie immobiliari del territorio, per passare attraverso le fasi del compromesso con “la parte venditrice”, la richiesta di mutuo alla banca, i costi da sostenere, l’atto notarile, le tasse, e poi la scelta dei progettisti e dell’impresa, la stesura del progetto e la presentazione agli uffici comunali, fino alla tanto agognata partenza dei lavori, l’allestimento del cantiere, l’avanzamento passo dopo passo, i materiali, le tecniche di posa, il recupero e la trasformazione dell’esistente e, infine, la consegna delle chiavi, l’arredamento e l’ingresso nella nuova casa e nei nuovi uffici. Un percorso apparentemente lineare che tuttavia – ci hanno avvertiti – proprio del tutto lineare e liscio non lo è mai, con imprevisti e varianti in corso d’opera che devono essere prontamente gestite, tenendo bene a mente l’obiettivo finale che si desidera ottenere.

Sullo sfondo di questa avventura il fantasma della scelta di fondo: stiamo facendo la cosa giusta? Facciamo bene a trasferirci in “campagna” fuggendo dalla metropoli che ambisce a diventare smart city? O dovremmo invece ascoltare gli avvertimenti di quel David Owen che con “Green Metropolis” ha cercato di scardinare il mito della comunità rurale tutta relax e aria pulita a favore della grande città? E ancora, sono maturi i tempi per il telelavoro con i propri collaboratori e per il ritorno a una casa-bottega di ispirazione medievale ma supportata dalle nuove tecnologie o si tratta di un’utopia romantica destinata al naufragio? Ovviamente io, i miei collaboratori e la mia famiglia siamo oggi convinti della bontà della nostra scelta e dell’opportunità di “prendere due piccioni con una fava”, migliorando la qualità della propria vita e del proprio lavoro. Ma vogliamo essere onesti e, se avrete la pazienza di seguirci, tra un anno (o più) vi confermeremo se il risultato sarà quello atteso, se l’ADSL nell’ex fienile funzionerà, se i cellulari schermati dalla collina “prenderanno”,  se riuscirò a restare fermo nel mio intento di non riacquistare una seconda auto, ma muovermi solamente (anche in inverno) con una bicicletta elettrica a pedalata assistita, ricaricata con il fotovoltaico di casa, da e verso la stazione dei treni di Alba, per andare ovunque. Ma soprattutto vi diremo se la vista, al mattino, di questo panorama, che abbraccia le vigne e le Alpi Marittime, sarà stata capace di far dimenticare  il colossale lavoro e gli investimenti.

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende