Home » Idee »Rubriche » Progetto Guarene: l’avventura di una ristrutturazione in bioedilizia ai tempi della crisi:

Progetto Guarene: l’avventura di una ristrutturazione in bioedilizia ai tempi della crisi

aprile 4, 2013 Idee, Rubriche

Un progetto “dimostrativo” di ristrutturazione in bioedilizia certificata che durerà un anno, forse più (mi auguro meno). L’esperienza diretta di un committente privato che decide di “cambiare vita” – coerentemente con la propria professione e per esigenze famigliari – e si avventura (in un periodo sicuramente non fiorente per l’economia) nella selva delle agenzie immobiliari, dei rogiti notarili, dei mutui bancari, dei regolamenti edilizi, degli incentivi fiscali, della scelta di progettisti, imprese, fornitori e materiali. Sarà questo “Progetto Guarene“, l’avventura per il trasferimento della redazione di Greenews.info e degli uffici del network Greengooo! dalla metropoli torinese alla nuova sede di Guarene, lo stupendo paesino di 3.457 abitanti sulla collina che domina Alba, al confine tra le Langhe e il Roero, i territori piemontesi candidati a diventare, dal 2014, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, insieme al Monferrato.

Racconteremo questa esperienza – appassionante ed ansiogena al tempo stesso – attraverso il magazine e i social networks, partecipando a fiere e convegni, come pochi hanno fatto prima in Italia, un paese dove, troppo spesso, le cose si fanno e non si dicono – o si dicono diverse da quelle che si fanno, per timore delle conseguenze (legali, fiscali, economiche) e per non condividere pienamente con gli altri il proprio “know how”. Soprattutto in un mondo ancora “oscuro” ai profani come quello dell’edilizia, pieno di luci ma anche di tante ombre e oggi vittima di una crisi senza precedenti, che sta decimando le imprese al ritmo di un’epidemia. A stupirsi della nostra scelta, ma anche ad incoraggiarci nell’intraprendere questa strada di fedele documentazione, sono stati proprio i primi operatori del settore con i quali abbiamo parlato, che hanno colto l’importanza, in termini di comunicazione, di far toccare con mano, al possibile committente, sia le opportunità che le difficoltà di un progetto di ristrutturazione secondo i criteri del “green building” e, più nello specifico, della bioedilizia.

Il nostro viaggio sarà lungo e particolareggiato, per restituire, nella maniera più completa possibile, l’esperienza concreta che altri cittadini e imprenditori potrebbero trovarsi a intraprendere, nella speranza di offrire loro un utile vademecum pratico. Partiremo dai preliminari di individuazione dell’immobile giusto per le proprie esigenze (che anche noi abbiamo affrontato nei mesi scorsi) in rapporto con le agenzie immobiliari del territorio, per passare attraverso le fasi del compromesso con “la parte venditrice”, la richiesta di mutuo alla banca, i costi da sostenere, l’atto notarile, le tasse, e poi la scelta dei progettisti e dell’impresa, la stesura del progetto e la presentazione agli uffici comunali, fino alla tanto agognata partenza dei lavori, l’allestimento del cantiere, l’avanzamento passo dopo passo, i materiali, le tecniche di posa, il recupero e la trasformazione dell’esistente e, infine, la consegna delle chiavi, l’arredamento e l’ingresso nella nuova casa e nei nuovi uffici. Un percorso apparentemente lineare che tuttavia – ci hanno avvertiti – proprio del tutto lineare e liscio non lo è mai, con imprevisti e varianti in corso d’opera che devono essere prontamente gestite, tenendo bene a mente l’obiettivo finale che si desidera ottenere.

Sullo sfondo di questa avventura il fantasma della scelta di fondo: stiamo facendo la cosa giusta? Facciamo bene a trasferirci in “campagna” fuggendo dalla metropoli che ambisce a diventare smart city? O dovremmo invece ascoltare gli avvertimenti di quel David Owen che con “Green Metropolis” ha cercato di scardinare il mito della comunità rurale tutta relax e aria pulita a favore della grande città? E ancora, sono maturi i tempi per il telelavoro con i propri collaboratori e per il ritorno a una casa-bottega di ispirazione medievale ma supportata dalle nuove tecnologie o si tratta di un’utopia romantica destinata al naufragio? Ovviamente io, i miei collaboratori e la mia famiglia siamo oggi convinti della bontà della nostra scelta e dell’opportunità di “prendere due piccioni con una fava”, migliorando la qualità della propria vita e del proprio lavoro. Ma vogliamo essere onesti e, se avrete la pazienza di seguirci, tra un anno (o più) vi confermeremo se il risultato sarà quello atteso, se l’ADSL nell’ex fienile funzionerà, se i cellulari schermati dalla collina “prenderanno”,  se riuscirò a restare fermo nel mio intento di non riacquistare una seconda auto, ma muovermi solamente (anche in inverno) con una bicicletta elettrica a pedalata assistita, ricaricata con il fotovoltaico di casa, da e verso la stazione dei treni di Alba, per andare ovunque. Ma soprattutto vi diremo se la vista, al mattino, di questo panorama, che abbraccia le vigne e le Alpi Marittime, sarà stata capace di far dimenticare  il colossale lavoro e gli investimenti.

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecomondo 2019 apre nel segno del “Green New Deal”

novembre 5, 2019

Ecomondo 2019 apre nel segno del “Green New Deal”

Perché si realizzi davvero un Green New Deal serve cambiare marcia, in tutto il mondo. Sarà questo il messaggio diffuso alla Fiera di Rimini, dove Italian Exhibition Group, dal 5 all’8 novembre, organizza Ecomondo 2019 la grande piattaforma fieristica dedicata alla circular economy, affiancata da Key Energy il salone delle energie rinnovabili, dal biennale Sal.Ve. salone [...]

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende