Home » Idee » Riscaldamento globale: “solo una religione”?:

Riscaldamento globale: “solo una religione”?

agosto 22, 2012 Idee

Sul sito della World Federation of Scientists - fondata dal fisico italiano Antonino Zichichi, nel 1973, a Erice - gli organizzatori dei Seminari Internazionali sulle Emergenze Planetarie, in corso in questi giorni nella “ridente cittadina in provincia di Trapani”, vantano nientemeno di aver contribuito alla fine della Guerra Fredda e della proliferazione atomica. E’una di quelle occasioni in cui mi viene spontaneo pensare: speriamo che costoro non mi vogliano mai salvare!

Già, perchè i cervelloni riuniti sotto il cocente sole siciliano, quest’anno, sono già riusciti a partorirne delle belle sulle questioni ambientali. La Stampa ha riportato ieri uno stralcio dell’intervento a Erice del Presidente della Repubblica Ceca ed economista,Vaclav Klaus, che vale la pena riprendere, a costo di rimanere nuovamente increduli e storditi. Klaus, già autore dell’eloquente saggio “Pianeta blu, non verde“, è notoriamente, oltre che un euroscettico, un negazionista convinto delle teorie sui cambiamenti climatici. “Il vero problema del nostro pianeta - esordisce il Presidente – non è il clima o il riscaldamento globale, ma la Dottrina del Riscaldamento Globale e delle sue conseguenze. Questa dottrina, in quanto insieme di credenze, è un’ideologia, se non una religione“. Curiosa accusa per chi partecipa ai Seminari organizzati dal professor Zichichi, autore di pensieri ispirati come il seguente: “Nata con un atto di Fede nel Creato, la Scienza non ha mai tradito il Suo Padre. Essa ha scoperto – nell’Immanente- nuove leggi, nuovi fenomeni, inaspettate regolarità, senza però mai scalfire, anche in minima parte, il Trascendente” (A. Zichichi, “Perchè io credo in Colui che ha fatto il mondo“, Il Saggiatore, 1999).  

Klaus rivendica il valore di razionalità dell’economia come disciplina scientifica e pur riconoscendo che “il mercato faccia errori” (la crisi attuale è ovviamente solo un’insignificante conseguenza di questi errori…), ribadisce che gli economisti non credono nel “principio di precauzione“,  e che “quindi bisognerebbe cominciare dal costo-beneficio di una riduzione delle emissioni di anidride carbonica”. Dunque, sentenzia, ”chi vuole ridurre le emissioni di CO2 deve anche mettere nel conto una rivoluzione nell’efficienza economica oppure cominciare a organizzare il declino dell’economia mondiale”. Ma visto che “di rivoluzioni nell’efficienza economica – prendendo un orizzonte temporale sufficiente – non se ne conoscono nel passato. E non ce ne saranno nel futuro“, l’aut-aut è presto risolto dal Presidente-economista, che aggiunge l’unico pensiero forse condivisibile: “È stata la crisi economica di questi anni a provocare una riduzione nelle emissioni di anidride carbonica (probabilmente temporanea) e non i miracoli tecnologici o le preghiere dell’Ipcc”. Vero, ma allora? Esiste qualcosa che forse il Presidente non ama (o conosce poco) che si chiama green economy e che, forse, potrebbe salvare capra e cavoli. A patto di compiere uno sforzo mentale oltre il modello attuale del PIL, oltre la produzione come viene intesa all’Ilva di Taranto e oltre una vetusta contrapposizione comunismo-capitalismo che può solamente sopravvivere nella testa di chi, come Klaus, non ha ancora sconfitto i demoni del passato e vede l’ambientalismo (da lui chiamato anche eco-dittatura), come l’estrema trasformazione del comunismo, nemico della libertà e dei mercati.

“Gli adepti della dottrina del riscaldamento globale – continua il Presidente – dovrebbero spiegare al popolo che mettere in atto i loro piani garantisce il declino planetario”, e conclude dicendosi d’accordo con quanto affermano ”molti seri climatologi” (quali, di grazia?) e cioè che “il riscaldamento prevedibile sarà molto piccolo“. ”Fermo restando che non si possono mettere in atto tentativi irrazionali di mitigare l’effetto umano sulla temperatura globale, le perdite economiche connesse col riscaldamento globale saranno prevedibilmente molto basse. Le perdite generate da una lotta senza quartiere al riscaldamento globale sarebbero molto, molto più grandi”.

Caro Presidente Klaus, la prossima estate, prima di andare a Erice, faccia una camminata lungo i ghiacciai delle Alpi.      

Andrea Gandiglio

Ieri i Seminari di Erice hanno invece trattato un altro grande cavallo di battaglia di Zichichi, il nucleare. Il professore si dichiara infatti, da sempre, a favore del “nucleare sicuro” (un po’come dirsi a favore dell’inquinamento non inquinante). I relatori, con un certo compiacimento, hanno sottolineato che nel mondo sono attive 433 centrali e, secondo le stime, altre 558 sarebbero “in arrivo”, una formula molto giornalistica e molto poco scientifica per impressionare il pubblico sulla bontà di questa tecnologia (se tutti la scelgono…) mischiando i dati degli impianti in costruzione, quelli in fase di progettazione e quelli “proposti” per la realizzazione.

Leggi anche Valerio Gualerzi, “Richard Muller, la lezione di un ex scettico“, Repubblica.it, 22 agosto 2012

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende