Home » Idee » Secondo la Duke University il fotovoltaico batte il nucleare:

Secondo la Duke University il fotovoltaico batte il nucleare

luglio 29, 2010 Idee

Courtesy of nicoska, Flickr.comSorpasso storico. Mentre in Italia si discute accanitamente sul nucleare, si crea un Forum presieduto dal “sempreverde” Chicco Testa (che riunisce imprese ed enti  di ricerca) e ci si accapiglia per nominare il  presidente dell’ Agenzia per la Sicurezza Nucleare (Umberto Veronesi?), dagli Usa, e precisamente dalla Carolina del  Nord, arriva una notizia importantissima: l’energia fotovoltaica, ormai, sarebbe più conveniente di quella nucleare, almeno sul suolo americano.

Secondo uno studio della Duke University, infatti,  a parità di potenza erogata il soprasso sarebbe già avvenuto e l’energia  prodotta da impianti fotovoltaici sarebbe, a conti fatti, più conveniente se confrontata con i costi  delle future centrali nucleari.

Lo studio si è reso necessario dopo che il presidente Barack Obama ha interrotto uno stop di circa trent’anni, autorizzando la creazione di due nuove centrali nucleari in Georgia, nella città di Burke, che saranno ultimate presumibilmente entro il 2017. Consapevole delle polemiche e della sorpresa con cui sarebbe stata accolta la notizia della costruzione di nuove centrali nucleari, il presidente Obama si era affrettato a dichiarare che il nucleare rimane, allo stato attuale, l’unica forma di energia “pulita” in grado di garantire l’approvvigionamento energetico ai nostri ritmi di paesi industrializzati diminunedo, allo stesso tempo, la dipendenza dalle fonti fossili e, quindi, le emissioni di CO2.

Anche il verde Obama, tuttavia, così come i sostenitori italiani del nucleare, si è “dimenticato” di citare il problema delle scorie e di chiarire come sarà gestito.

“Le opinioni diverse - ha detto Obama - non possono impedirci di fare passi avanti. Su una questione come quella energetica che condiziona la nostra economia, la nostra sicurezza e il futuro del nostro pianeta, non possiamo continuare a essere bloccati nel vecchio dibattito tra destra e sinistra, tra ambientalisti e imprenditori. Giustissimo.

Per soddisfare i nostri bisogni crescenti di energia ed evitare le conseguenze dei cambiamenti climatici – continua Obama – avremo bisogno di centrali nucleari“.  Sul sillogismo ci permettiamo di dissentire. Il presidente del we can tradisce infatti, in questo passaggio, una visione, tutt’altro che innovativa, ignara del modello di generazione diffusa (caro all’amico Al Gore) e supina rispetto all’attuale modello di produzione e sviluppo economico.

Obama è irremovibile: “Per lungo tempo si è dato per scontato che chi si batte per l’ambiente deve essere contrario al nucleare, ma il fatto è che, anche se negli ultimi trent’anni non sono state costruite centrali, l’energia nucleare rimane la nostra principale fonte di energia pulita“. E la più economica, aggiunge in un altro passaggio del panegirico.

I risultati dello studio della Duke University potrebbero però smentire, almeno in parte, questo caposaldo ed aprire nuovi scenari di sviluppo, confronto e dibattito. Secondo John Blackburn, docente di economia della Duke University, infatti “il solare fotovoltaico ha raggiunto le altre alternative low cost al nucleare”.

Nel suo articolo intitolato “ Solar and Nuclear Costs: the Historic Crossover”, pubblicato sul sito dell’ateneo, Blackburn sostiene, dati alla mano, che “il sorpasso è avvenuto da quando il solare costa meno di 16 centesimi di dollaro a kilowattora”. Lo studio evidenzia per altro come negli ultimi otto anni il costo del fotovoltaico sia sempre diminuito, mentre quello di un singolo reattore nucleare è passato da 2 miliardi di dollari nel 2002 a 10 miliardi nel 2010.

Blackburn non è nuovo nell’esprimersi a favore della sostenibilità, anche economica, delle fonti di energia rinnovabile rispetto al nucleare: in un’altro articolo ha infatti cercato di dimostrare come solare ed eolico, lavorando in sinergia, possano  tranquillamente sopperire alle esigenze energetiche di uno stato come il Nord Carolina, senza le interruzioni di erogazione dovute all’instabilità tipica di queste fonti.

Le cifre e i dati dell’articolo di Blackburn si riferiscono, come è evidente, solo al caso americano, ma ciò non vieta di valutarne l’applicabilità anche ad altri scenari, come ad esempio quello italiano. A questo proposito Blackburn sollecita le istituzioni e i politici ricordando che il settore pubblico è l’unico in grado di calamitare i grossi capitali necessari al finanziamento delle centrali nucleari, mentre laddove il mercato è più libero si investe di più nell’efficientamento energetico delle reti elettriche, nell’eolico, nel fotovoltaico, nella cogenerazione e nel solare in generale:  “questo report potrebbe essere il cambio di passo se solo le nostre istituzioni democratiche faranno il loro lavoro”.

Andrea Marchetti

Si veda anche: Umberto Veronesi, “Perchè sto dalla parte del nucleare”, La Stampa 29 luglio 2010

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende