Home » Idee » Secondo la Duke University il fotovoltaico batte il nucleare:

Secondo la Duke University il fotovoltaico batte il nucleare

luglio 29, 2010 Idee

Courtesy of nicoska, Flickr.comSorpasso storico. Mentre in Italia si discute accanitamente sul nucleare, si crea un Forum presieduto dal “sempreverde” Chicco Testa (che riunisce imprese ed enti  di ricerca) e ci si accapiglia per nominare il  presidente dell’ Agenzia per la Sicurezza Nucleare (Umberto Veronesi?), dagli Usa, e precisamente dalla Carolina del  Nord, arriva una notizia importantissima: l’energia fotovoltaica, ormai, sarebbe più conveniente di quella nucleare, almeno sul suolo americano.

Secondo uno studio della Duke University, infatti,  a parità di potenza erogata il soprasso sarebbe già avvenuto e l’energia  prodotta da impianti fotovoltaici sarebbe, a conti fatti, più conveniente se confrontata con i costi  delle future centrali nucleari.

Lo studio si è reso necessario dopo che il presidente Barack Obama ha interrotto uno stop di circa trent’anni, autorizzando la creazione di due nuove centrali nucleari in Georgia, nella città di Burke, che saranno ultimate presumibilmente entro il 2017. Consapevole delle polemiche e della sorpresa con cui sarebbe stata accolta la notizia della costruzione di nuove centrali nucleari, il presidente Obama si era affrettato a dichiarare che il nucleare rimane, allo stato attuale, l’unica forma di energia “pulita” in grado di garantire l’approvvigionamento energetico ai nostri ritmi di paesi industrializzati diminunedo, allo stesso tempo, la dipendenza dalle fonti fossili e, quindi, le emissioni di CO2.

Anche il verde Obama, tuttavia, così come i sostenitori italiani del nucleare, si è “dimenticato” di citare il problema delle scorie e di chiarire come sarà gestito.

“Le opinioni diverse - ha detto Obama - non possono impedirci di fare passi avanti. Su una questione come quella energetica che condiziona la nostra economia, la nostra sicurezza e il futuro del nostro pianeta, non possiamo continuare a essere bloccati nel vecchio dibattito tra destra e sinistra, tra ambientalisti e imprenditori. Giustissimo.

Per soddisfare i nostri bisogni crescenti di energia ed evitare le conseguenze dei cambiamenti climatici – continua Obama – avremo bisogno di centrali nucleari“.  Sul sillogismo ci permettiamo di dissentire. Il presidente del we can tradisce infatti, in questo passaggio, una visione, tutt’altro che innovativa, ignara del modello di generazione diffusa (caro all’amico Al Gore) e supina rispetto all’attuale modello di produzione e sviluppo economico.

Obama è irremovibile: “Per lungo tempo si è dato per scontato che chi si batte per l’ambiente deve essere contrario al nucleare, ma il fatto è che, anche se negli ultimi trent’anni non sono state costruite centrali, l’energia nucleare rimane la nostra principale fonte di energia pulita“. E la più economica, aggiunge in un altro passaggio del panegirico.

I risultati dello studio della Duke University potrebbero però smentire, almeno in parte, questo caposaldo ed aprire nuovi scenari di sviluppo, confronto e dibattito. Secondo John Blackburn, docente di economia della Duke University, infatti “il solare fotovoltaico ha raggiunto le altre alternative low cost al nucleare”.

Nel suo articolo intitolato “ Solar and Nuclear Costs: the Historic Crossover”, pubblicato sul sito dell’ateneo, Blackburn sostiene, dati alla mano, che “il sorpasso è avvenuto da quando il solare costa meno di 16 centesimi di dollaro a kilowattora”. Lo studio evidenzia per altro come negli ultimi otto anni il costo del fotovoltaico sia sempre diminuito, mentre quello di un singolo reattore nucleare è passato da 2 miliardi di dollari nel 2002 a 10 miliardi nel 2010.

Blackburn non è nuovo nell’esprimersi a favore della sostenibilità, anche economica, delle fonti di energia rinnovabile rispetto al nucleare: in un’altro articolo ha infatti cercato di dimostrare come solare ed eolico, lavorando in sinergia, possano  tranquillamente sopperire alle esigenze energetiche di uno stato come il Nord Carolina, senza le interruzioni di erogazione dovute all’instabilità tipica di queste fonti.

Le cifre e i dati dell’articolo di Blackburn si riferiscono, come è evidente, solo al caso americano, ma ciò non vieta di valutarne l’applicabilità anche ad altri scenari, come ad esempio quello italiano. A questo proposito Blackburn sollecita le istituzioni e i politici ricordando che il settore pubblico è l’unico in grado di calamitare i grossi capitali necessari al finanziamento delle centrali nucleari, mentre laddove il mercato è più libero si investe di più nell’efficientamento energetico delle reti elettriche, nell’eolico, nel fotovoltaico, nella cogenerazione e nel solare in generale:  “questo report potrebbe essere il cambio di passo se solo le nostre istituzioni democratiche faranno il loro lavoro”.

Andrea Marchetti

Si veda anche: Umberto Veronesi, “Perchè sto dalla parte del nucleare”, La Stampa 29 luglio 2010

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende