Home » Idee » Secondo la Duke University il fotovoltaico batte il nucleare:

Secondo la Duke University il fotovoltaico batte il nucleare

luglio 29, 2010 Idee

Courtesy of nicoska, Flickr.comSorpasso storico. Mentre in Italia si discute accanitamente sul nucleare, si crea un Forum presieduto dal “sempreverde” Chicco Testa (che riunisce imprese ed enti  di ricerca) e ci si accapiglia per nominare il  presidente dell’ Agenzia per la Sicurezza Nucleare (Umberto Veronesi?), dagli Usa, e precisamente dalla Carolina del  Nord, arriva una notizia importantissima: l’energia fotovoltaica, ormai, sarebbe più conveniente di quella nucleare, almeno sul suolo americano.

Secondo uno studio della Duke University, infatti,  a parità di potenza erogata il soprasso sarebbe già avvenuto e l’energia  prodotta da impianti fotovoltaici sarebbe, a conti fatti, più conveniente se confrontata con i costi  delle future centrali nucleari.

Lo studio si è reso necessario dopo che il presidente Barack Obama ha interrotto uno stop di circa trent’anni, autorizzando la creazione di due nuove centrali nucleari in Georgia, nella città di Burke, che saranno ultimate presumibilmente entro il 2017. Consapevole delle polemiche e della sorpresa con cui sarebbe stata accolta la notizia della costruzione di nuove centrali nucleari, il presidente Obama si era affrettato a dichiarare che il nucleare rimane, allo stato attuale, l’unica forma di energia “pulita” in grado di garantire l’approvvigionamento energetico ai nostri ritmi di paesi industrializzati diminunedo, allo stesso tempo, la dipendenza dalle fonti fossili e, quindi, le emissioni di CO2.

Anche il verde Obama, tuttavia, così come i sostenitori italiani del nucleare, si è “dimenticato” di citare il problema delle scorie e di chiarire come sarà gestito.

“Le opinioni diverse - ha detto Obama - non possono impedirci di fare passi avanti. Su una questione come quella energetica che condiziona la nostra economia, la nostra sicurezza e il futuro del nostro pianeta, non possiamo continuare a essere bloccati nel vecchio dibattito tra destra e sinistra, tra ambientalisti e imprenditori. Giustissimo.

Per soddisfare i nostri bisogni crescenti di energia ed evitare le conseguenze dei cambiamenti climatici – continua Obama – avremo bisogno di centrali nucleari“.  Sul sillogismo ci permettiamo di dissentire. Il presidente del we can tradisce infatti, in questo passaggio, una visione, tutt’altro che innovativa, ignara del modello di generazione diffusa (caro all’amico Al Gore) e supina rispetto all’attuale modello di produzione e sviluppo economico.

Obama è irremovibile: “Per lungo tempo si è dato per scontato che chi si batte per l’ambiente deve essere contrario al nucleare, ma il fatto è che, anche se negli ultimi trent’anni non sono state costruite centrali, l’energia nucleare rimane la nostra principale fonte di energia pulita“. E la più economica, aggiunge in un altro passaggio del panegirico.

I risultati dello studio della Duke University potrebbero però smentire, almeno in parte, questo caposaldo ed aprire nuovi scenari di sviluppo, confronto e dibattito. Secondo John Blackburn, docente di economia della Duke University, infatti “il solare fotovoltaico ha raggiunto le altre alternative low cost al nucleare”.

Nel suo articolo intitolato “ Solar and Nuclear Costs: the Historic Crossover”, pubblicato sul sito dell’ateneo, Blackburn sostiene, dati alla mano, che “il sorpasso è avvenuto da quando il solare costa meno di 16 centesimi di dollaro a kilowattora”. Lo studio evidenzia per altro come negli ultimi otto anni il costo del fotovoltaico sia sempre diminuito, mentre quello di un singolo reattore nucleare è passato da 2 miliardi di dollari nel 2002 a 10 miliardi nel 2010.

Blackburn non è nuovo nell’esprimersi a favore della sostenibilità, anche economica, delle fonti di energia rinnovabile rispetto al nucleare: in un’altro articolo ha infatti cercato di dimostrare come solare ed eolico, lavorando in sinergia, possano  tranquillamente sopperire alle esigenze energetiche di uno stato come il Nord Carolina, senza le interruzioni di erogazione dovute all’instabilità tipica di queste fonti.

Le cifre e i dati dell’articolo di Blackburn si riferiscono, come è evidente, solo al caso americano, ma ciò non vieta di valutarne l’applicabilità anche ad altri scenari, come ad esempio quello italiano. A questo proposito Blackburn sollecita le istituzioni e i politici ricordando che il settore pubblico è l’unico in grado di calamitare i grossi capitali necessari al finanziamento delle centrali nucleari, mentre laddove il mercato è più libero si investe di più nell’efficientamento energetico delle reti elettriche, nell’eolico, nel fotovoltaico, nella cogenerazione e nel solare in generale:  “questo report potrebbe essere il cambio di passo se solo le nostre istituzioni democratiche faranno il loro lavoro”.

Andrea Marchetti

Si veda anche: Umberto Veronesi, “Perchè sto dalla parte del nucleare”, La Stampa 29 luglio 2010

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende