Home » Idee »Smart City » Sorpasso storico: la bici corre più veloce dell’auto (nelle vendite):

Sorpasso storico: la bici corre più veloce dell’auto (nelle vendite)

ottobre 1, 2012 Idee, Smart City

Nelle società capitalistiche le rivoluzioni non si fanno (solo e sempre) scendendo in piazza ma anche (e soprattutto) con il portafoglio. Sono le nostre scelte di consumo a cambiare concretamente il mondo: il modo in cui spendiamo i soldi o la semplice scelta di non spenderli affatto (talvolta perché costretti dalla crisi) possono spostare l’ago della bilancia del consumo di territorio, dell’inquinamento dell’aria, della distruzione di risorse ambientali e naturali, della cementificazione delle nostre città e campagne.

La notizia che le vendite di biciclette, nel 2011, hanno superato quelle di auto ci racconta una di queste rivoluzioni, questa volta di proporzioni storiche. Ci racconta di un paese in cui le difficoltà economiche (ma forse anche una mutazione culturale) stanno allontanando sempre più cittadini dall’acquisto e dall’utilizzo di un’autoveicolo; fotografa una realtà in cui il semplice possesso della macchina è diventato di per sé un lusso, tra tasse, bolli, parcheggi e chi più ne ha più ne spenda; e restituisce la realtà di migliaia di persone che semplicemente, con la benzina a 2 euro, non possono più permettersi un pieno e preferiscono uscire a piedi, utilizzare i mezzi pubblici o, appunto, riscoprire la bicicletta.

Ma visto con le lenti della storia, questo sorpasso simbolico delle due ruote sulle quattro, diventa una pietra miliare nella storia del mondo occidentale. Sicuramente è presto per intonare il canto del cigno al sistema dell’automotive, e però forse davvero è arrivato al tramonto quel binomio motorizzazione-petrolio che ha retto per sessant’anni almeno lo sviluppo del capitalismo occidentale: insomma, se le vendite sono ripiombate ai livelli del 1964, è anche vero che negli anni Sessanta nel nostro Paese circolavano 1 milione e 800 mila mezzi, mentre nel 2008 il parco auto ha raggiunto la cifra di 35 milioni. Come si fa a aumentare ancora questa cifra? A chi si può pensare di vendere ancora auto?

Il fatto che nel 2011 si siano vendute più bici è quindi probabilmente frutto, in primo luogo, di un impoverimento generale – più che della maturazione della green economy – che porta a rinunciare a certi acquisti costosi (o quanto meno a dilazionarli nel tempo). E altri dati, come ad esempio l’aumento delle vendite di farina, ci dicono che molte persone stanno anche sfruttando questa crisi come occasione per ripensare il proprio palinsesto di consumi e il proprio stile di vita, cercando proposte e acquisti che guardino anche al benessere del territorio e dell’ambiente, oltre che a quello personale.

Presi per buoni questi dati, sorgono due considerazioni. La prima, è che il sistema dell’automotive, che tra fabbriche finali e indotto occupa nel nostro paese circa 500 mila persone (!), o cambia o muore: in ballo non ci sono solo le scelte industriali di un’azienda (ogni riferimento è puramente voluto), ma centinaia di migliaia di posti di lavoro e soprattutto la direzione che si vuole dare al Paese, al suo futuro produttivo, alla possibilità di intercettare mercati e settori, come quelli della mobilità sostenibile, ad alto tasso di innovazione tecnologica. Si tratta, è evidente, di un problema che interroga anche la politica, oltre che appunto le imprese: che cosa ne pensano in proposito Monti e Passera?

La seconda considerazione è che, forse, è arrivato il momento di ripensare le città per mettere al centro, per la prima volta, i pedoni e i ciclisti e non più le automobili. In Italia, ancora oggi, solo il 4% degli spostamenti viene effettuato sulle due ruote e questo perché la viabilità è ancora pensata principalmente in funzione delle macchine. Le scelte di consumo dei cittadini, a saperle ascoltare, ci stanno chiedendo di cambiare.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

settembre 15, 2018

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

Per il trentunesimo anno consecutivo, domenica 16 settembre torna a Cambiano, in provincia di Torino, la manifestazione “Cambiano come Montmartre“, un evento per stimolare la creatività dei cittadini con una serie di iniziative che quest’anno ruoteranno intorno al tema “Riuso, Riciclo Creativo e Sostenibilità”. Gli artisti, le associazioni del territorio, le scuole e i diversi attori [...]

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

settembre 4, 2018

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

Repower presenterà alla 58° edizione del Salone Nautico di Genova, dal 20 al 25 settembre prossimi, la sua nuova creazione, una delle prime barche nate “full electric”, ricaricabile anche attraverso sistemi di ricarica veloce del mondo e-cars. Con RepowerE, evoluzione cabinata della Reboat, una imbarcazione aperta attiva dal 2016 sul Lago di Garda, l’azienda svizzera – [...]

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

agosto 30, 2018

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

Due giorni incentrati sulle innovazioni che le politiche di sostenibilità generano nella pianificazione urbanistica e territoriale, nella progettazione urbana e architettonica, nelle tecniche costruttive e nella erogazione dei servizi urbani. Per il secondo anno consecutivo, il 20 e 21 settembre, si terrà a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia, Urbanpromo [...]

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

agosto 27, 2018

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

In un periodo in cui inondazioni e siccità devastano comunità e paesi in tutto il mondo, il nuovo rapporto del WWF internazionale “Valuing Rivers” sottolinea la capacità che hanno i fiumi, quando sono in buono stato di salute, di mitigare i disastri naturali: benefici che potremmo perdere se si continua a sottovalutare e trascurare il vero valore dei [...]

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

agosto 24, 2018

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

Oggi ricorre il secondo anniversario di quel 24 agosto 2016, quando un terribile terremoto colpì un’ampia fascia appenninica dell’Italia centrale portando con sé lutti e distruzione. A due anni di distanza il Consiglio Nazionale dei Geologi ha fatto quindi il punto, ricordando innanzitutto chi non c’è più e a chi ha perduto tutto – dai propri [...]

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

agosto 22, 2018

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

GSE, il Gestore Servizi Energetici conferma il suo impegno nell’iniziativa “Premi di Laurea” del Comitato Leonardo, giunta quest’anno alla XXI edizione, mettendo in palio una borsa di studio del valore di 3.000 euro per la migliore tesi di laurea in grado di presentare lo “Sviluppo di sistemi energetici in ambito agro-alimentare per promuovere nuovi modelli di bio-economia [...]

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

agosto 21, 2018

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

Il film documentario di Patagonia, “Blue Heart” – disponibile a partire da oggi, 21 agosto 2018, in tutto il mondo, su piattaforme di streaming come iTunes, Amazon Video, Google Play e Sony PlayStation – racconta della lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale sul potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende