Home » Idee » Sull’ozio: sostenibilità ambientale dello stare in poltrona:

Sull’ozio: sostenibilità ambientale dello stare in poltrona

giugno 17, 2014 Idee

Creativo, ricreativo, meditativo, intellettuale, salutare… L’elogio dell’ozio ha raccolto negli ultimi anni una nutrita schiera di voci e testimonial, tra filosofi, scrittori, artisti, sociologi e persino economisti. Tanto che il festival Architettura in Città di Torino, riflettendo sull’uso del tempo e dello spazio nel prossimo futuro, ha voluto chiudere l’edizione 2014 proprio con un dialogo sull’oziare, protagonisti il regista Davide Ferrario e l’architetto Patricia Urquiola.

Insomma, altro che “padre del vizio”: se non fosse per la fortunata assonanza che ne ha garantito la persistenza per secoli (meglio di uno slogan del caffè!), nessuno ormai citerebbe più l’ingiuriosa nomea con cui Catone il Vecchio rovinò la reputazione a questa sacrosanta (in)attività.

Oziare è intelligente, o meglio – aggiornando la terminologia – è smart. Chiunque sia chiamato a far parte del citato club di estimatori dell’indolenza, come minimo farà partire la sua apologia del tempo inoperoso dal concetto latino di otium, nobile attività intellettuale, di studio e di cura del corpo, prerogativa dell’uomo libero. Poi magari citerà Seneca, che vedeva l’ozio come una scelta di saggezza e di vita incorrotta; Petrarca e il suo ascetico isolamento letterario; o Bertrand Russell, che ammoniva contro i danni dell’eccesso di zelo e invitava alla riflessione. Per arrivare infine a deprecare, con Silvano Agosti, un sistema di vita fondato essenzialmente sul lavoro e a elogiare, secondo le teorie di sociologi come Domenico De Masi, le grandi possibilità creative delle ore passate a oziare.

Slow down, direbbe allora il vecchio Bertrand, rallentate, che vi fa bene al corpo, all’anima e al cervello. E non solo. Perché i benefici dell’ozio non riguardano esclusivamente l’esistenza individuale. Basta provare a ribaltare la prospettiva e pensare a cosa noi possiamo fare per l’ambiente che ci circonda, semplicemente non facendo niente. Oziare è, fra tutte le attività umane, la più sostenibile, la più ecologica e la più prossima all’impatto zero. Ebbene sì, l’ozio è green.

Tutta l’infelicità del mondo deriva dalla nostra incapacità di starcene seduti tranquilli in una stanza, scrisse Blaise Pascal. Lui probabilmente aveva in mente la Guerra dei Trent’anni, i maneggi di Richelieu, l’Inquisizione spagnola e altre amenità simili. Ma anche senza uscire di casa per dare inizio a una guerra di religione, la giornata tipo di un qualsiasi lavoratore, in gran parte del nostro mondo, ha comunque un impatto sull’ambiente, in termini di risorse ed energia consumate, di inquinamento, di CO2 prodotta. Il gas per fare il caffè, l’acqua per la doccia, l’elettricità per caricare il cellulare, la benzina per l’automobile e i suoi scarichi inquinanti immessi nell’aria (e ancora non si è nemmeno arrivati sul posto di lavoro); e poi luci, ascensori, computer, riscaldamento o aria condizionata, carta e inchiostro per stampare, ordini e spedizioni con relativi trasporti e imballaggi, trasferte d’affari in treno o in aereo…

D’accordo, si può obiettare che è inevitabile, che la maggior parte delle volte non se ne può fare a meno perché viviamo in questo sistema e la decrescita, con tutta la sua apologia della lentezza, benché sia oggi molto propagandata e quasi di moda, è in realtà messa in pratica solo da sparuti gruppetti di pionieri. Ma almeno nel weekend, quando non è necessario correre e spostarsi, perché non accontentarsi del divano o del prato vicino a casa, invece di imbottigliarsi in interminabili code in autostrada per raggiungere spiagge affollate o piste da sci?

Secondo il giornalista americano David Owen, fautore di un’idea piuttosto radicale di stile di vita sostenibile, il vero problema ambientale della mobilità non sono l’efficienza dei mezzi di trasporto e il consumo di carburante, ovvero i chilometri per litro: sono i chilometri stessi. Insomma, con buona pace degli iperattivi, dei workaholic e degli stakanovisti della domenica, per il bene del pianeta bisognerebbe smetterla di consumare asfalto e macinare chilometri e imparare a starsene un po’ tranquilli.

Non è facile, certo. “Siamo così presi dai ritmi frenetici del sistema, che presto inizieremo a frequentare centri per imparare a oziare”, suggerisce Patricia Urquiola. I corsi, volendo, già esistono, ma prima di spendere soldi per un master in poltroneria avanzata, provate con un semplice esercizio: la prossima domenica non toglietevi il pigiama, prendete un libro, buttatevi sul divano e oziate, sapendo che l’ambiente vi è grato per la vostra inattività. Non accendete l’aria condizionata però, altrimenti non vale!

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende