Home » Idee »Top Contributors » Un Mea culpa per il degrado degli ecosistemi:

Un Mea culpa per il degrado degli ecosistemi Top Contributors

marzo 30, 2010 Idee, Top Contributors

Su gentile concessione dell’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano, ripubblichiamo l’articolo di Stefano Pogutz, Direttore del MEMAE – Master in Economia e Management dell’Ambiente e dell’Energia, e di Monika Winn, Associate Professor di Business Strategy alla University of Victoria (Canada), originariamente pubblicato su Via Sarfatti 25, Il Quotidiano della Bocconi.

ecosistema, Courtesy of n4n0Quando si parla di ambiente e di sviluppo sostenibile, l’effetto serra e i cambiamenti climatici dominano la scena mediatica. Un altro tema sta però acquisendo rilevanza nell’agenda politica internazionale: il crescente degrado degli ecosistemi e della loro capacità di generare servizi fondamentali per la vita dell’uomo.

La nozione di ecosistema rappresenta uno dei concetti più importanti in ambito scientifico. Può essere piccolo come uno stagno, o grande come un’area boschiva, una regione o l’intera biosfera. Gli ecosistemi svolgono una serie di funzioni che contribuiscono in maniera decisiva al benessere e alla salute dell’uomo, sia in modo diretto che indiretto.

Queste funzioni generano servizi che non vengono pienamente catturati dai meccanismi di mercato. Di conseguenza, per anni la protezione degli ecosistemi è stata trascurata dalle scelte dei policy maker e delle imprese. Una prima stima prudenziale del valore degli eco-servizi venne effettuata solo nel 1997, quantificando in 33.000 miliardi di dollari il valore medio annuo prodotto dagli ecosistemi del pianeta.

Nel 2000 le Nazioni Unite avviarono il primo monumentale programma di ricerca per censire lo stato di salute dei nostri ecosistemi. Il progetto coinvolse 1.360 scienziati. Dal risultato, pubblicato nel 2005 con il nome di Millennium Ecosystem AssessmentMea, si evince che i 2/3 degli ecosistemi risultano danneggiati o seriamente compromessi.

Anche il mondo delle imprese ha sottovalutato la criticità dei servizi generati dagli ecosistemi. Se da un lato, infatti, l’attività di trasformazione ne modifica gli equilibri e la capacità di generare servizi, dall’altro intere industrie dipendono dai benefici generati dal capitale naturale. Una degradazione di quest’ultimo è in grado di alterare la redditività dell’impresa fino a compromettere la sua capacità di sopravvivenza. Per esempio, l’impollinazione, la disponibilità di acqua non contaminata e il mantenimento della fertilità dei terreni condizionano intere filiere agro-alimentari quali la produzione di tè, caffè, vino, olio d’oliva. Altre attività economiche, invece, sono condizionate indirettamente dal degrado degli ecosistemi. Il turismo dipende dalla regolazione climatica globale, regionale e locale: la variazione delle precipitazioni come effetto congiunto di deforestazione e diffusione dei gas serra aumenta in alcune zone l’esposizione ai rischi naturali, in altre modifica la durata delle stagioni (ad esempio, riducendo la stagione sciistica in diverse località alpine) con effetti sulla redditività delle imprese che vi operano.

Come esaminato in un recente rapporto del World Resource Institute (2008), realizzato con la collaborazione del World Business Council for Sustainable Development, la relazione tra impresa ed ecosistemi è complessa e di difficile valutazione. I rischi possono essere molteplici e possono condizionare l’attività aziendale a più livelli: dall’improvvisa indisponibilità di una risorsa critica per l’impresa, come effetto di una degradazione irreversibile degli ecosistemi che la producono, che condiziona l’attività operativa aziendale e la qualità del prodotto finale, a nuove norme a protezione degli ecosistemi, che regolamentano il servizio ambientale di cui l’impresa beneficia, riducendo la disponibilità della risorsa, oppure aumentando il costo di utilizzo.

La consapevolezza di dipendere da servizi che rischiano di essere irrimediabilmente compromessi si sta dunque diffondendo nella business community. Le risposte sono molteplici e vanno dalla creazione di certificazioni ambientali per una gestione sostenibile degli eco-servizi (ad esempio, il Forest Stewardship Council per la gestione sostenibile delle foreste), allo sviluppo di nuove strategie attive di conservazione del capitale naturale e di recupero di zone contaminate.

Si tratta di una nuova lettura del rapporto tra impresa e ambiente naturale, che dovrebbe portare a una maggiore attenzione alla protezione degli ecosistemi. Le imprese devono imparare a tutelare l’habitat da cui dipendono quando è in gioco la loro sostenibilità nel tempo.

Stefano Pogutz e Monika Winn

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende