Home » Idee » Un paese nucleare basato sui numeri: non ci resta che piangere:

Un paese nucleare basato sui numeri: non ci resta che piangere

ottobre 18, 2010 Idee

Un'immagine del film "Non ci resta che piangere", Courtesy of Movieplayer.itChe bella prospettiva per noi trentenni amanti della green economy! Cerco sempre di tenermi a margine delle questioni “politiche” o politicamente strumentalizzabili, perché sono orgoglioso dell’indipendenza e del carattere apartitico del nostro magazine. In alcuni casi però è difficile tacere. Come di fronte a simili prospettive bipartisan:

1) Le scorie prodotte dalle centrali nucleari, ha detto ieri il professor Umberto Veronesi (Pd), noto oncologo in corsa per la presidenza dell’Agenzia per la Sicurezza Nucleare, “non emettono radiazioni pericolose”, e per la loro sistemazione “ci sono tante soluzioni”. Un’affermazione di scientificità impeccabile – non come tutte quelle balle degli antinuclearisti, che il professore attribuisce alla deprecabile circostanza che “l’Italia non ha mai avuto una grande tradizione di amore per la scienza”. L’On. Veronesi , novello Candide e positivista ottocentesco, dichiara invece di avere “una grande fiducia nella scienza e nella tecnologia”. Tutti argomenti forti e inoppugnabili, che ci tranquillizzano. Soprattutto per l’età del venerando maestro che, a 84 anni, può permettersi il rischio di una scommessa pascaliana: al peggio, se si fosse sbagliato, lui non ci sarà più per chiedere scusa. Ermete Realacci, suo compagno di partito e fautore della green economy, lo ha definito una “foglia di fico” sul progetto nucleare italiano. Bontà sua. “Le scorie – prosegue il professore – vengono vetrificate e poste in zone protette, dove possono restare per sempre. Naturalmente – ha ribadito – bisogna pensare ad una sistemazione definitiva. A questo fine esistono tante soluzioni e tutte fattibili“. Professore, ce ne elenca cortesemente qualcuna? Ricordandosi che siamo in Italia, dove un’opera pubblica “normale” viene abitualmente realizzata nel triplo del tempo necessario, al doppio del costo e con un’inconfessabile timore di fondo: “funzionerà?”. E, per massima trasparenza, dica anche agli Italiani – come ha fatto il suo collega Carlo Rubbia (non esattamente un antiscientista) – che, per raggiungere il 30% del fabbisogno nazionale, di centrali ne serviranno 15 o 20 e non 3 o 4.

2) Per fugare qualsiasi sospetto di faziosità, passiamo sull’altra sponda politica, alla dichiarazione resa dal ministro Giulio Tremonti (Pdl), ospite del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio. Con magnifico senso dell’opportunità il divo Giulio ha detto: “anni fa la politica veniva prima dei numeri, era l’arte di inventare i numeri, ora si deve adattare ai numeri”. Nobilissima concezione della politica di una volta. Quella attuale, invece, sì che è pragmatica ed efficace: “prima recuperi, poi spendi, non viceversa”. In termini ragionieristici non fa una piega. Ma siamo sicuri di arrivare a quel poi in cui potremo spendere? La mia impressione è che le piccole e medie imprese non possano aspettare molto. E forse nemmeno il cittadino medio. Sicuramente non può attendere l’ambiente. Non possono attendere i Parchi, la tutela della biodiversità, le politiche di riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, la mobilità sostenibile, il contrasto ai cambiamenti climatici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Ma soprattutto non può attendere la ricerca scientifica e tecnologica in questa direzione. Proprio quella ricerca invocata da Veronesi, che non può però esaurire tutte le risorse sul nucleare. Va bene il rigore di bilancio, ministro, ma ci conceda qualche visione un po’ più lungimirante!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende