Home » Idee » Un paese nucleare basato sui numeri: non ci resta che piangere:

Un paese nucleare basato sui numeri: non ci resta che piangere

ottobre 18, 2010 Idee

Un'immagine del film "Non ci resta che piangere", Courtesy of Movieplayer.itChe bella prospettiva per noi trentenni amanti della green economy! Cerco sempre di tenermi a margine delle questioni “politiche” o politicamente strumentalizzabili, perché sono orgoglioso dell’indipendenza e del carattere apartitico del nostro magazine. In alcuni casi però è difficile tacere. Come di fronte a simili prospettive bipartisan:

1) Le scorie prodotte dalle centrali nucleari, ha detto ieri il professor Umberto Veronesi (Pd), noto oncologo in corsa per la presidenza dell’Agenzia per la Sicurezza Nucleare, “non emettono radiazioni pericolose”, e per la loro sistemazione “ci sono tante soluzioni”. Un’affermazione di scientificità impeccabile – non come tutte quelle balle degli antinuclearisti, che il professore attribuisce alla deprecabile circostanza che “l’Italia non ha mai avuto una grande tradizione di amore per la scienza”. L’On. Veronesi , novello Candide e positivista ottocentesco, dichiara invece di avere “una grande fiducia nella scienza e nella tecnologia”. Tutti argomenti forti e inoppugnabili, che ci tranquillizzano. Soprattutto per l’età del venerando maestro che, a 84 anni, può permettersi il rischio di una scommessa pascaliana: al peggio, se si fosse sbagliato, lui non ci sarà più per chiedere scusa. Ermete Realacci, suo compagno di partito e fautore della green economy, lo ha definito una “foglia di fico” sul progetto nucleare italiano. Bontà sua. “Le scorie – prosegue il professore – vengono vetrificate e poste in zone protette, dove possono restare per sempre. Naturalmente – ha ribadito – bisogna pensare ad una sistemazione definitiva. A questo fine esistono tante soluzioni e tutte fattibili“. Professore, ce ne elenca cortesemente qualcuna? Ricordandosi che siamo in Italia, dove un’opera pubblica “normale” viene abitualmente realizzata nel triplo del tempo necessario, al doppio del costo e con un’inconfessabile timore di fondo: “funzionerà?”. E, per massima trasparenza, dica anche agli Italiani – come ha fatto il suo collega Carlo Rubbia (non esattamente un antiscientista) – che, per raggiungere il 30% del fabbisogno nazionale, di centrali ne serviranno 15 o 20 e non 3 o 4.

2) Per fugare qualsiasi sospetto di faziosità, passiamo sull’altra sponda politica, alla dichiarazione resa dal ministro Giulio Tremonti (Pdl), ospite del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio. Con magnifico senso dell’opportunità il divo Giulio ha detto: “anni fa la politica veniva prima dei numeri, era l’arte di inventare i numeri, ora si deve adattare ai numeri”. Nobilissima concezione della politica di una volta. Quella attuale, invece, sì che è pragmatica ed efficace: “prima recuperi, poi spendi, non viceversa”. In termini ragionieristici non fa una piega. Ma siamo sicuri di arrivare a quel poi in cui potremo spendere? La mia impressione è che le piccole e medie imprese non possano aspettare molto. E forse nemmeno il cittadino medio. Sicuramente non può attendere l’ambiente. Non possono attendere i Parchi, la tutela della biodiversità, le politiche di riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, la mobilità sostenibile, il contrasto ai cambiamenti climatici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Ma soprattutto non può attendere la ricerca scientifica e tecnologica in questa direzione. Proprio quella ricerca invocata da Veronesi, che non può però esaurire tutte le risorse sul nucleare. Va bene il rigore di bilancio, ministro, ma ci conceda qualche visione un po’ più lungimirante!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende