Home » Idee » Un paese nucleare basato sui numeri: non ci resta che piangere:

Un paese nucleare basato sui numeri: non ci resta che piangere

ottobre 18, 2010 Idee

Un'immagine del film "Non ci resta che piangere", Courtesy of Movieplayer.itChe bella prospettiva per noi trentenni amanti della green economy! Cerco sempre di tenermi a margine delle questioni “politiche” o politicamente strumentalizzabili, perché sono orgoglioso dell’indipendenza e del carattere apartitico del nostro magazine. In alcuni casi però è difficile tacere. Come di fronte a simili prospettive bipartisan:

1) Le scorie prodotte dalle centrali nucleari, ha detto ieri il professor Umberto Veronesi (Pd), noto oncologo in corsa per la presidenza dell’Agenzia per la Sicurezza Nucleare, “non emettono radiazioni pericolose”, e per la loro sistemazione “ci sono tante soluzioni”. Un’affermazione di scientificità impeccabile – non come tutte quelle balle degli antinuclearisti, che il professore attribuisce alla deprecabile circostanza che “l’Italia non ha mai avuto una grande tradizione di amore per la scienza”. L’On. Veronesi , novello Candide e positivista ottocentesco, dichiara invece di avere “una grande fiducia nella scienza e nella tecnologia”. Tutti argomenti forti e inoppugnabili, che ci tranquillizzano. Soprattutto per l’età del venerando maestro che, a 84 anni, può permettersi il rischio di una scommessa pascaliana: al peggio, se si fosse sbagliato, lui non ci sarà più per chiedere scusa. Ermete Realacci, suo compagno di partito e fautore della green economy, lo ha definito una “foglia di fico” sul progetto nucleare italiano. Bontà sua. “Le scorie – prosegue il professore – vengono vetrificate e poste in zone protette, dove possono restare per sempre. Naturalmente – ha ribadito – bisogna pensare ad una sistemazione definitiva. A questo fine esistono tante soluzioni e tutte fattibili“. Professore, ce ne elenca cortesemente qualcuna? Ricordandosi che siamo in Italia, dove un’opera pubblica “normale” viene abitualmente realizzata nel triplo del tempo necessario, al doppio del costo e con un’inconfessabile timore di fondo: “funzionerà?”. E, per massima trasparenza, dica anche agli Italiani – come ha fatto il suo collega Carlo Rubbia (non esattamente un antiscientista) – che, per raggiungere il 30% del fabbisogno nazionale, di centrali ne serviranno 15 o 20 e non 3 o 4.

2) Per fugare qualsiasi sospetto di faziosità, passiamo sull’altra sponda politica, alla dichiarazione resa dal ministro Giulio Tremonti (Pdl), ospite del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio. Con magnifico senso dell’opportunità il divo Giulio ha detto: “anni fa la politica veniva prima dei numeri, era l’arte di inventare i numeri, ora si deve adattare ai numeri”. Nobilissima concezione della politica di una volta. Quella attuale, invece, sì che è pragmatica ed efficace: “prima recuperi, poi spendi, non viceversa”. In termini ragionieristici non fa una piega. Ma siamo sicuri di arrivare a quel poi in cui potremo spendere? La mia impressione è che le piccole e medie imprese non possano aspettare molto. E forse nemmeno il cittadino medio. Sicuramente non può attendere l’ambiente. Non possono attendere i Parchi, la tutela della biodiversità, le politiche di riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, la mobilità sostenibile, il contrasto ai cambiamenti climatici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Ma soprattutto non può attendere la ricerca scientifica e tecnologica in questa direzione. Proprio quella ricerca invocata da Veronesi, che non può però esaurire tutte le risorse sul nucleare. Va bene il rigore di bilancio, ministro, ma ci conceda qualche visione un po’ più lungimirante!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende