Home » Idee »Rassegna Stampa » Comunicazione ambientale. Un osservatorio per studiarla:

Comunicazione ambientale. Un osservatorio per studiarla

ottobre 28, 2010 Idee, Rassegna Stampa

Dal convegno organizzato ieri, dall’Istituto IEFE Bocconi, sulla comunicazione e informazione ambientale traspare un panorama variegato. In un’Europa in cui il 75% dei cittadini si dichiara disposto ad acquistare prodotti ambientali, anche se questo comporta un (piccolo) sovrapprezzo  – indagine Eurobarometro 2009, il tema della comunicazione ambientale assume un’importanza cruciale per orientare le scelte dei consumatori. Se a questo aggiungiamo la necessità, per le istituzioni pubbliche, di informare i cittadini sulle politiche, le azioni e le campagne pubbliche, possiamo comprendere quanto ampio sia lo spettro compreso nell’espressione “comunicazione e informazione ambientale”.

Per monitorare lo stato della comunicazione ambientale in Italia, lo IEFE Bocconi ha creato l’Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale (CIA), patrocinato dalla Rappresentanza a Milano della Commissione Europea e dal Ministero dell’Ambiente, con la partecipazione di Assocomunicazione. L’Osservatorio rinasce dalle ceneri dell’Osservatorio sull’Informazione e Partecipazione Ambientale, con il proposito di monitorare sia il settore pubblico che quello privato. “Lo scopo – dichiara Edoardo Croci, coordinatore dell’Osservatorio CIA – è di dare un contributo al miglioramento delle policies” in materia di accesso alle informazioni e di corretta comunicazione ambientale dei privati e “divulgare buone pratiche di comunicazione ambientale, anche attraverso la collaborazione con la Commissione Europea e il Ministero dell’Ambiente”.

E’lo stesso Croci a introdurre il framework normativo delle istituzioni pubbliche, spiegando come l’accesso alle informazioni di carattere ambientale sia regolato dalla Convenzione di Ahrus, siglata nel 1998 dagli Stati aderenti all’UNECE (United Nation Economic Commission for Europe). Questa Convenzione garantisce ai cittadini alcuni diritti fondamentali relativi alle tematiche ambientali, tra cui la possibilità di richiedere l’accesso alle informazioni (senza dover necessariamente fornire una motivazione alla richiesta) e di poter partecipare ai processi decisionali e all’elaborazione di piani e programmi in materia ambientale.

Il quadro è completato da Carlo Corazza, Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione Europea e autore del libro EcoEuropa. L”Unione Europea, speiga Corazza, ha la necessità di mostrarsi ai cittadini come una “casa di vetro”. La trasparenza degli atti e le campagne informative sono infatti un aspetto chiave nelle politiche europee. La Commissione Europea informa sull’ambiente principalmente attraverso il sito ufficiale e i rapporti dell’Agenzia Europea dell’Ambiente, ma anche tramite eventi e conferenze pubbliche. Ed è inoltre tenuta a rispondere, entro 30 giorni - sotto l’occhio vigile dell’Ombudsman – alle richieste di informazioni di associazioni o singoli individui che ne facciano richiesta.

A Tania Molteni e Sabrina Melandri, dello IEFE Bocconi, il compito invece di parlare di un tema al quale Milano è particolarmente sensibile: la comunicazione ambientale dei grandi eventi. La gestione dei flussi di persone, gli aspetti legati alla mobilità, l’impatto delle strutture destinate a rimanere sul territorio anche dopo la fine dell’evento, le risorse naturali utilizzate, sono tutte problematiche di sostenibilità ambientale nell’organizzazione di grandi eventi che si ripercuotono nella comunicazione. Che, con l’arrivo dell’Expo 2015, Milano è obbligata a tenere in considerazione. Così come il coinvolgimento degli stakeholder, che sarà discusso l’11 novembre prossimo durante il  primo Forum della Valutazione Strategica Ambientale.

Se per le Pubbliche Amministrazioni l’aspetto prevalente, nella comunicazione ambientale, è l’accesso alle informazioni e la modalità di diffusione, per i privati i punti salienti sono altri: le aziende comunicano le proprie performance ambientali per usufruire di un vantaggio competitivo e associare l’immagine aziendale a valori positivi. Da uno studio dell’Università Sant’Anna di Pisa è risultato che il 10% dei messaggi pubblicitari in Italia ha una connotazione ambientale. Di questi, sarebbe interessante approfondire quanti siano claim reali, e quanti semplici greenwashing.

A questo proposito interviene Diego Masi, Presidente di Assocomunicazione, che ricorda come in Italia, seppur i canali di comunicazione stiano cambiando, la TV sia il principale mezzo su cui le aziende continuano a investire: dei circa 10 miliardi spesi ogni anno in attività di comunicazione, oltre il 50% va alla TV, il 26% alla stampa e solo il 10% al web. Ma, al di là del mezzo, ciò che conta è l‘integrità del messaggio pubblicitario, illustrata da Masi citando il caso Dove, in cui una famosa pubblicità della campagna Dove Onslaught è stata ripresa e trasformata da Greenpeace in una denuncia verso l’azienda stessa per l’utilizzo dell’olio di palma (battaglia che Greenpeace ha vinto, dimostrando la forza dell’informazione).

Riemerge così, in tutta chiarezza, il tema della diffidenza del cittadino, già riscontrata nell’indagine dell’Eurobarometro: il 47% degli intervistati dichiara di non aver fiducia nei rapporti ambientali delle imprese, mentre solo il 6% dichiara di averne piena fiducia. Un dato su cui le aziende farebbero bene a riflettere.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende