Home » Idee » Uptu: Torino chiede ai cittadini la “big idea” per essere smart:

Uptu: Torino chiede ai cittadini la “big idea” per essere smart

settembre 24, 2012 Idee

Non può esistere una smart city senza una smart community. Più chiaramente: è impossibile ottenere una città intelligente, innovativa, partecipata e inclusiva se questo cambiamento non attraversa anche chi la abita. Certo, la cosa non è una novità e viene ormai data per scontata da tutti gli osservatori e da chi, negli enti pubblici così come nelle aziende, si confronta ogni giorno con i temi della città del futuro. Perché i cittadini diventino smart, però, c’è appunto bisogno di un cambiamento, che passi attraverso un rinnovamento culturale, ma anche di strumenti che consentano di esprimere queste idee nuove.

Uno di questi strumenti, nato a Torino, città che sta percorrendo la strada verso il modello smart city, è Uptu, un social network multilingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese) che ha l’obiettivo di ospitare e costruire le smart communities.

Uptu – spiega Alvise Rossano, AD di At work, la società torinese che ha sviluppato la piattaforma  - nasce come una soluzione che coniuga le nuove tecnologie a fianco di quelli che possono essere i nuovi processi di collaborazione tra cittadini, enti pubblici e altri soggetti del territorio in cui le tecnologie sono a supporto del cambiamento”. Il social permette di raccogliere informazioni geolocalizzate, legate cioè al luogo in cui sono state raccolte, che alimentano quei “meccanismi partecipativi” alla base delle smart city. La vera risorsa è dunque il cittadino: “Come dice un professore americano, è il sensore intelligente, perché vive nel territorio, sa quali sono i problemi e li può comunicare a vantaggio della comunità”. Ma può anche, conoscendo bene un quartiere, inventarsi soluzioni per  renderlo migliore. E magari discuterle su Uptu, comunicarle a un amico, un consigliere di quartiere, a un’amministrazione, ad un’associazione che si occupa di quel settore.  Alla base di Uptu c’è appunto il concetto di comunità, che parte dal condominio e si espande a un territorio, passando per il quartiere e al città. Tutti ambiti in cui, sottolinea Rossano, “il cittadino costruisce la sua progettualità sociale”.

E’ proprio su Uptu che la Città di Torino ha deciso di lanciare, a metà settembre, un contest rivolto alla cittadinanza, dal titolo Torino Smart Idea, con lo scopo di raccogliere idee per una città più smart, con il patrocinio di Fondazione Torino Smart City, delle Circoscrizioni II, IV, VIII e la collaborazione della Social Media Week, in programma dal 24 al 28 settembre. Il termine per presentare le soluzioni smart scade domani, martedì 25 settembre. Quattro le aree tematiche: mobilità intelligente, consumi sostenibili, risparmio energetico e sviluppo delle economie locali. Dalle idee proposte dai cittadini potranno poi nascere progetti di ecosostenibilità urbana e nuovi servizi, “avviando una progettualità partecipata che – spiega il Comune di Torino –  affronti la ridefinizione dei servizi al cittadino a partire dai bisogni concreti e dalle opportunità offerte dalle nuove tecnologie”.

Torino Smart Idea, spiega l’assessore all’Ambiente di Torino Enzo Lavolta, “è una preziosa opportunità per ascoltare le voci dei tanti torinesi che hanno qualcosa da dire. Per fare una smart city ci vogliono smart citiziens e da questo punto di vista Torino può contare su un capitale inestimabile. E’ a loro che mi rivolgo: partecipate numerosi! Abbiamo bisogno delle vostre idee per una Torino sempre più smart”. La prospettiva a cui guarda la città, infatti, è di “una comunità smart connessa in rete, attraverso strumenti quali il social network Uptu, e in costante relazione e contatto con l’amministrazione comunale”.

In questi giorni, e fino al 28 settembre, il team di Uptu incontrerà i torinesi nei luoghi in cui si ritrovano e vivono la città: ci saranno eventi nei locali più frequentati dai giovani, lezioni e riunioni partecipate con gli studenti delle scuole superiori e con i ragazzi disabili, attività con le associazioni di quartiere. La premiazione delle idee smart è prevista per il 28 settembre, nell’ambito della Social Media Week in corso a Torino e in contemporanea in altre 12 città di tutto il mondo: la giuria presieduta dall’assessore Lavolta decreterà i vincitori, che saranno chiamati ad intervenire sul palco della Casa del Quartiere di San Salvario, in un incontro moderato dal direttore editoriale di Greenews.info.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Città Sostenibile 2014: a Rimini Fiera 6.000 metri quadri di innovazioni tecno-ecologiche

ottobre 22, 2014

Città Sostenibile 2014: a Rimini Fiera 6.000 metri quadri di innovazioni tecno-ecologiche

Città Sostenibile 2014, il progetto di Rimini Fiera, in collaborazione con eAmbiente, per la “Città delle reti intelligenti”, si terrà in occasione di Ecomondo, il grande appuntamento fieristico dedicato alla green economy, dal 5 all’8 novembre (insieme a Key Energy, Cooperambiente, Key Wind e H2R). Città Sostenibile occupa il padiglione B7 (6.000 metri quadri di spazio [...]

Coop Voce: i km percorsi a piedi e in bici diventano traffico telefonico e internet gratuito

ottobre 22, 2014

Coop Voce: i km percorsi a piedi e in bici diventano traffico telefonico e internet gratuito

Una applicazione che premia chi si muove in modo sostenibile e amico dell’ambiente: è l’app “ViviBici” di Coop Voce, l’operatore di telefonia mobile Coop, che permette ai suoi clienti di convertire i chilometri percorsi in bicicletta e a piedi in traffico telefonico e internet gratuito. Coop Voce e l’app “ViviBici” sono presenti anche alla fiera [...]

A Venezia nasce lo spin off Crossing: prodotti migliori a partire da composti organici

ottobre 21, 2014

A Venezia nasce lo spin off Crossing: prodotti migliori a partire da composti organici

Un cartone ‘attivo’, che preservi la qualità del latte o del vino senza l’uso di conservanti. Borse della spesa non solo biodegradabili, ma anche resistenti e impermeabili. Sono esempi di prodotti che potranno diffondersi ed entrare nell’uso quotidiano grazie alle intuizioni di un team di scienziati dell’Università Ca’ Foscari di Venezia guidato da Valentina Beghetto, ricercatrice e docente [...]

Università fotovoltaiche: l’energia solare di Ingeteam per la Cornell University

ottobre 21, 2014

Università fotovoltaiche: l’energia solare di Ingeteam per la Cornell University

Si basa sulla nuova power station di Ingeteam, leader mondiale nel mercato dell’elettronica di potenza e dell’ingegneria elettrica, l’impianto fotovoltaico dell’Università di Cornell a Ithaca (New York). L’ateneo ha beneficiato della NY-Sun Initiative, un programma statale diretto a incentivare la conversione delle imprese a sistemi di produzione energetica rinnovabili nello stato di New York. Per questo progetto, [...]

RAEE: nuove regole per monitoraggio e pratiche semplificate

ottobre 20, 2014

RAEE: nuove regole per monitoraggio e pratiche semplificate

Secondo il D.Lgs 49/2014, che recepisce la nuova Direttiva Europea, tutti gli impianti di trattamento e i centri di stoccaggio che gestiscono rifiuti elettrici ed elettronici dovranno iscriversi al Portale del Centro di Coordinamento RAEE. Sono diverse centinaia in Italia le strutture interessate dal provvedimento e, per questo, il CdC RAEE (Centro di Coordinamento RAEE) [...]

Lifebility Award premia le idee innovative per la sostenibilità e la buona qualità della vita

ottobre 20, 2014

Lifebility Award premia le idee innovative per la sostenibilità e la buona qualità della vita

Torna con la quinta edizione il Lifebility Award, concorso nazionale nato nel 2009 per volontà dei Lions, con l’obiettivo di premiare progetti e idee innovative sostenibili e sociali proposte da giovani, orientate al miglioramento, alla semplificazione e alla fruibilità dei servizi pubblici e privati della comunità. Reso possibile anche dalla sponsorizzazione della Camera di Commercio di [...]

Dalla Corte di giustizia UE nuova bocciatura per Malagrotta

ottobre 17, 2014

Dalla Corte di giustizia UE nuova bocciatura per Malagrotta

L’Italia è fuori legge per la gestione dei rifiuti nel Lazio, e di Malagrotta in particolare. Lo dice la Corte di Giustizia dell’Unione Europea che in questi giorni si è pronunciata sulla questione. L’esito è negativo. Al centro dell’attenzione il sistema Lazio e la discarica di Malagrotta. Con sentenza del 15 ottobre (C-323/13 Commissione/Italia), la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO