Home » Idee » Uptu: Torino chiede ai cittadini la “big idea” per essere smart:

Uptu: Torino chiede ai cittadini la “big idea” per essere smart

settembre 24, 2012 Idee

Non può esistere una smart city senza una smart community. Più chiaramente: è impossibile ottenere una città intelligente, innovativa, partecipata e inclusiva se questo cambiamento non attraversa anche chi la abita. Certo, la cosa non è una novità e viene ormai data per scontata da tutti gli osservatori e da chi, negli enti pubblici così come nelle aziende, si confronta ogni giorno con i temi della città del futuro. Perché i cittadini diventino smart, però, c’è appunto bisogno di un cambiamento, che passi attraverso un rinnovamento culturale, ma anche di strumenti che consentano di esprimere queste idee nuove.

Uno di questi strumenti, nato a Torino, città che sta percorrendo la strada verso il modello smart city, è Uptu, un social network multilingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese) che ha l’obiettivo di ospitare e costruire le smart communities.

Uptu – spiega Alvise Rossano, AD di At work, la società torinese che ha sviluppato la piattaforma  - nasce come una soluzione che coniuga le nuove tecnologie a fianco di quelli che possono essere i nuovi processi di collaborazione tra cittadini, enti pubblici e altri soggetti del territorio in cui le tecnologie sono a supporto del cambiamento”. Il social permette di raccogliere informazioni geolocalizzate, legate cioè al luogo in cui sono state raccolte, che alimentano quei “meccanismi partecipativi” alla base delle smart city. La vera risorsa è dunque il cittadino: “Come dice un professore americano, è il sensore intelligente, perché vive nel territorio, sa quali sono i problemi e li può comunicare a vantaggio della comunità”. Ma può anche, conoscendo bene un quartiere, inventarsi soluzioni per  renderlo migliore. E magari discuterle su Uptu, comunicarle a un amico, un consigliere di quartiere, a un’amministrazione, ad un’associazione che si occupa di quel settore.  Alla base di Uptu c’è appunto il concetto di comunità, che parte dal condominio e si espande a un territorio, passando per il quartiere e al città. Tutti ambiti in cui, sottolinea Rossano, “il cittadino costruisce la sua progettualità sociale”.

E’ proprio su Uptu che la Città di Torino ha deciso di lanciare, a metà settembre, un contest rivolto alla cittadinanza, dal titolo Torino Smart Idea, con lo scopo di raccogliere idee per una città più smart, con il patrocinio di Fondazione Torino Smart City, delle Circoscrizioni II, IV, VIII e la collaborazione della Social Media Week, in programma dal 24 al 28 settembre. Il termine per presentare le soluzioni smart scade domani, martedì 25 settembre. Quattro le aree tematiche: mobilità intelligente, consumi sostenibili, risparmio energetico e sviluppo delle economie locali. Dalle idee proposte dai cittadini potranno poi nascere progetti di ecosostenibilità urbana e nuovi servizi, “avviando una progettualità partecipata che – spiega il Comune di Torino –  affronti la ridefinizione dei servizi al cittadino a partire dai bisogni concreti e dalle opportunità offerte dalle nuove tecnologie”.

Torino Smart Idea, spiega l’assessore all’Ambiente di Torino Enzo Lavolta, “è una preziosa opportunità per ascoltare le voci dei tanti torinesi che hanno qualcosa da dire. Per fare una smart city ci vogliono smart citiziens e da questo punto di vista Torino può contare su un capitale inestimabile. E’ a loro che mi rivolgo: partecipate numerosi! Abbiamo bisogno delle vostre idee per una Torino sempre più smart”. La prospettiva a cui guarda la città, infatti, è di “una comunità smart connessa in rete, attraverso strumenti quali il social network Uptu, e in costante relazione e contatto con l’amministrazione comunale”.

In questi giorni, e fino al 28 settembre, il team di Uptu incontrerà i torinesi nei luoghi in cui si ritrovano e vivono la città: ci saranno eventi nei locali più frequentati dai giovani, lezioni e riunioni partecipate con gli studenti delle scuole superiori e con i ragazzi disabili, attività con le associazioni di quartiere. La premiazione delle idee smart è prevista per il 28 settembre, nell’ambito della Social Media Week in corso a Torino e in contemporanea in altre 12 città di tutto il mondo: la giuria presieduta dall’assessore Lavolta decreterà i vincitori, che saranno chiamati ad intervenire sul palco della Casa del Quartiere di San Salvario, in un incontro moderato dal direttore editoriale di Greenews.info.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Expocasa a Torino dal 7 al 15 marzo: protagonisti sostenibilità e vita all’aperto

marzo 2, 2015

Expocasa a Torino dal 7 al 15 marzo: protagonisti sostenibilità e vita all’aperto

Dal 7 al 15 marzo 2015 a Lingotto Fiere di Torino si svolge la 52° edizione di Expocasa, la più importante fiera del nord-ovest dedicata al mondo dell’arredo e alle soluzioni per la casa, punto di riferimento per chi desidera avere a disposizione in un unico luogo un ampio panorama di opportunità, idee, stili di [...]

All’Università di Siena torna l’insegnamento “Sostenibilità”

marzo 2, 2015

All’Università di Siena torna l’insegnamento “Sostenibilità”

Dopo il successo dell’edizione passata, l’Università di Siena organizza anche per l’anno accademico 2014-2015 l’insegnamento “Sostenibilità”,  aperto agli studenti di tutti i corsi di studio e al pubblico esterno. Il corso si inserisce nell’ambito del crescente impegno dell’Ateneo senese sui temi della sostenibilità, anche in relazione all’importante ruolo assunto all’interno del progetto dell’ONU Sustainable Development Solutions [...]

I locali promuovono il riuso con “Legno e Rilegno”

marzo 2, 2015

I locali promuovono il riuso con “Legno e Rilegno”

Quante cose si possono fare con un imballaggio di legno? Quante vite può vivere, dopo la prima? Per rispondere serve un numero con almeno tre zeri. C’è chi è in grado di farne una libreria, chi un tavolo e chi -scomponendolo – ne usa le parti per creare oggetti del tutto nuovi. Partendo dall’iniziativa lanciata [...]

Ecobnb: il nuovo portale per il turismo sostenibile

febbraio 27, 2015

Ecobnb: il nuovo portale per il turismo sostenibile

Tra le tante ricerche sulla felicità c’è uno studio inglese che dimostra come il verde e la natura influiscano positivamente sul nostro umore. La ricerca della Exeter University – riferisce la rivista Psychological Science – conferma infatti che chi trascorre più tempo a contatto con la natura è meno stressato, più efficiente sul lavoro e meno [...]

Riuso a scuola: 300 studenti al Senato per “Immagini per la Terra”

febbraio 27, 2015

Riuso a scuola: 300 studenti al Senato per “Immagini per la Terra”

Giovani in azione che invadono pacificamente il Senato per reclamare un’Italia più sostenibile attraverso alcuni simboli: l’orto verticale realizzato con bottiglie di plastica, vecchi computer sottratti alla discarica che diventano accessori, il teatrino con i burattini, fatti di ritagli di stoffa, buste, cartoni. Sono alcuni esempi concreti di riuso e recupero di materiali che saranno [...]

“ECOalTERZO”: quattro domeniche ecologiche al Parco delle Valli di Roma

febbraio 26, 2015

“ECOalTERZO”: quattro domeniche ecologiche al Parco delle Valli di Roma

Il primo marzo inizia “ECOalTERZO”​, un ciclo di quattro domeniche di eventi (le altre saranno 8, 15 e 22 marzo) su ecologia, sostenibilità e riattivazione degli spazi pubblici, al Parco delle Valli a Roma. Dalle 10 alle 17,30​, ognuna delle quattro giornate presenterà un fitto programma di laboratori,passeggiate nel quartiere (a piedi e in bicicletta), [...]

Convegno CIA e Anabio: i PSR strumento per raddoppiare superfici e operatori del biologico

febbraio 26, 2015

Convegno CIA e Anabio: i PSR strumento per raddoppiare superfici e operatori del biologico

Non si può parlare del futuro del biologico senza parlare dei PSR, i Piani di Sviluppo Regionale, e del sostegno che la nuova politica di sviluppo rurale 2014-2020 ha riservato al settore. Un “aiuto” che ora deve servire al bio italiano per consolidarsi e rafforzarsi. Partendo dall’obiettivo, ambizioso ma realizzabile, di raddoppiare, nei prossimi 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO