Home » Idee » Uptu: Torino chiede ai cittadini la “big idea” per essere smart:

Uptu: Torino chiede ai cittadini la “big idea” per essere smart

settembre 24, 2012 Idee

Non può esistere una smart city senza una smart community. Più chiaramente: è impossibile ottenere una città intelligente, innovativa, partecipata e inclusiva se questo cambiamento non attraversa anche chi la abita. Certo, la cosa non è una novità e viene ormai data per scontata da tutti gli osservatori e da chi, negli enti pubblici così come nelle aziende, si confronta ogni giorno con i temi della città del futuro. Perché i cittadini diventino smart, però, c’è appunto bisogno di un cambiamento, che passi attraverso un rinnovamento culturale, ma anche di strumenti che consentano di esprimere queste idee nuove.

Uno di questi strumenti, nato a Torino, città che sta percorrendo la strada verso il modello smart city, è Uptu, un social network multilingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese) che ha l’obiettivo di ospitare e costruire le smart communities.

Uptu – spiega Alvise Rossano, AD di At work, la società torinese che ha sviluppato la piattaforma  - nasce come una soluzione che coniuga le nuove tecnologie a fianco di quelli che possono essere i nuovi processi di collaborazione tra cittadini, enti pubblici e altri soggetti del territorio in cui le tecnologie sono a supporto del cambiamento”. Il social permette di raccogliere informazioni geolocalizzate, legate cioè al luogo in cui sono state raccolte, che alimentano quei “meccanismi partecipativi” alla base delle smart city. La vera risorsa è dunque il cittadino: “Come dice un professore americano, è il sensore intelligente, perché vive nel territorio, sa quali sono i problemi e li può comunicare a vantaggio della comunità”. Ma può anche, conoscendo bene un quartiere, inventarsi soluzioni per  renderlo migliore. E magari discuterle su Uptu, comunicarle a un amico, un consigliere di quartiere, a un’amministrazione, ad un’associazione che si occupa di quel settore.  Alla base di Uptu c’è appunto il concetto di comunità, che parte dal condominio e si espande a un territorio, passando per il quartiere e al città. Tutti ambiti in cui, sottolinea Rossano, “il cittadino costruisce la sua progettualità sociale”.

E’ proprio su Uptu che la Città di Torino ha deciso di lanciare, a metà settembre, un contest rivolto alla cittadinanza, dal titolo Torino Smart Idea, con lo scopo di raccogliere idee per una città più smart, con il patrocinio di Fondazione Torino Smart City, delle Circoscrizioni II, IV, VIII e la collaborazione della Social Media Week, in programma dal 24 al 28 settembre. Il termine per presentare le soluzioni smart scade domani, martedì 25 settembre. Quattro le aree tematiche: mobilità intelligente, consumi sostenibili, risparmio energetico e sviluppo delle economie locali. Dalle idee proposte dai cittadini potranno poi nascere progetti di ecosostenibilità urbana e nuovi servizi, “avviando una progettualità partecipata che – spiega il Comune di Torino –  affronti la ridefinizione dei servizi al cittadino a partire dai bisogni concreti e dalle opportunità offerte dalle nuove tecnologie”.

Torino Smart Idea, spiega l’assessore all’Ambiente di Torino Enzo Lavolta, “è una preziosa opportunità per ascoltare le voci dei tanti torinesi che hanno qualcosa da dire. Per fare una smart city ci vogliono smart citiziens e da questo punto di vista Torino può contare su un capitale inestimabile. E’ a loro che mi rivolgo: partecipate numerosi! Abbiamo bisogno delle vostre idee per una Torino sempre più smart”. La prospettiva a cui guarda la città, infatti, è di “una comunità smart connessa in rete, attraverso strumenti quali il social network Uptu, e in costante relazione e contatto con l’amministrazione comunale”.

In questi giorni, e fino al 28 settembre, il team di Uptu incontrerà i torinesi nei luoghi in cui si ritrovano e vivono la città: ci saranno eventi nei locali più frequentati dai giovani, lezioni e riunioni partecipate con gli studenti delle scuole superiori e con i ragazzi disabili, attività con le associazioni di quartiere. La premiazione delle idee smart è prevista per il 28 settembre, nell’ambito della Social Media Week in corso a Torino e in contemporanea in altre 12 città di tutto il mondo: la giuria presieduta dall’assessore Lavolta decreterà i vincitori, che saranno chiamati ad intervenire sul palco della Casa del Quartiere di San Salvario, in un incontro moderato dal direttore editoriale di Greenews.info.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecoturismo e glamping: i servizi “bio” di Gitav nelle strutture della Maremma

giugno 24, 2016

Ecoturismo e glamping: i servizi “bio” di Gitav nelle strutture della Maremma

Il bio-turismo sarà protagonista nella Maremma Tosco-Laziale con il gruppo Gitav, operatore che gestisce strutture ricettive in Toscana, Lazio e Veneto e che ha deciso di dedicarne alcune, corredate da servizi ecosostenibili, al pubblico più sensibile al rispetto ambientale e alle caratteristiche del territorio. Il fenomeno delle “vacanze biologiche ed ecologiche“, è infatti in crescita, capace di attrarre [...]

Cinque Terre: un caso studio di restauro paesaggistico con l’agricoltura biodinamica

giugno 24, 2016

Cinque Terre: un caso studio di restauro paesaggistico con l’agricoltura biodinamica

Il “restauro paesaggistico” di Punta Mesco, area abbandonata per anni nel cuore delle Cinque Terre, si fa con la biodinamica.  A inaugurare una collaborazione tra cultura e agricoltura che si allargherà ad altri beni culturali e paesaggistici del nostro Paese, sono oggi il FAI- Fondo Ambiente Italiano e l’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, che ha offerto [...]

Energiesprong: il nuovo modello di riqualificazione energetica che arriva dall’Olanda

giugno 23, 2016

Energiesprong: il nuovo modello di riqualificazione energetica che arriva dall’Olanda

Ad un anno della presentazione del modello olandese di riqualificazione – un team di sviluppo no profit indipendente, incaricato dal governo nazionale dei Paesi Bassi di sviluppare soluzioni di efficientamento energetico per gli edifici destinati al mercato immobiliare – prende il via Energiesprong Italia, nuovo modello industriale che ambisce a rivoluzionare il mondo dell’edilizia, anche [...]

Klimahouse goes to China. La prima edizione del congresso all’ISH

giugno 23, 2016

Klimahouse goes to China. La prima edizione del congresso all’ISH

Nell’ambito della fiera ISH China, che con 1.200 espositori e più di 45.000 visitatori è diventata la principale fiera in Cina sul riscaldamento, il condizionamento e la tecnica idrosanitaria, il 31 maggio ha avuto luogo il primo Klimahouse China Congress, in collaborazione con la Fiera di Francoforte. Il congresso è stato aperto dall’intervento di Li [...]

G.A.M.E. il Gruppo di Acquisto per la Mobilità Elettrica a firma Legambiente

giugno 23, 2016

G.A.M.E. il Gruppo di Acquisto per la Mobilità Elettrica a firma Legambiente

In Italia l’anno scorso si sono vendute circa 10 mila bici a pedalata assistita, contro le 500 mila in Germania. Nella sola Olanda ce ne sono un milione in circolazione. La micromobilità elettrica è infatti una alternativa pulita, comoda ed economica in tutte le città del mondo. Il G.A.M.E. (Gruppo d’Acquisto Mobilità Elettrica), promosso da Legambiente in [...]

Il 25 e 26 giugno “Per-corsi di recupero 2.0″ lungo le vie di Sinio, nelle Langhe

giugno 22, 2016

Il 25 e 26 giugno “Per-corsi di recupero 2.0″ lungo le vie di Sinio, nelle Langhe

Il 25 e il 26 giugno, a Sinio, piccolo borgo immerso nelle colline patrimonio UNESCO delle Langhe, si terrà Per-corsi di Recupero 2.0, un intero week-end dedicato al tema del recupero, non solo di oggetti ma anche di cibi e delle tradizioni, durante il quale si susseguiranno laboratori, iniziative culturali, artistiche e gastronomiche, concerti, dibattiti, momenti di [...]

“Innovation for change”: 50.000 euro alla start up AquaSmart

giugno 21, 2016

“Innovation for change”: 50.000 euro alla start up AquaSmart

Sensori automatici che rilasciano la minima quantità di fertilizzanti nei campi agricoli riducendo l’impatto sulle falde idriche. Sistemi integrati per smart cities che individuano perdite d’acqua potabile negli acquedotti e indirizzano con tempestività l’intervento di riparazione. Soluzioni per edilizia urbana che usano le alghe per purificare l’acqua, riducendone i consumi. E poi ancora: sistemi di crowdsourcing [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO