Home » Green Economy »Idee » Valentino Fresia: attenzione, lo “smog” non è solo fuori dalla finestra!:

Valentino Fresia: attenzione, lo “smog” non è solo fuori dalla finestra!

febbraio 1, 2016 Green Economy, Idee

L’aria che respiriamo per strada è pericolosa, come ci confermano ancora una volta le cronache di questi giorni, ma purtroppo non basta chiudere la finestra, perché quella che circola dentro casa o negli ambienti di lavoro non è meno velenosa. Lo sanno bene nonne e mamme, che le finestre, al contrario, le hanno sempre spalancate per “cambiare l’aria” e far uscire quella “viziata”. Saggezza popolare, tramandata di generazione in generazione, che oggi, in un ambiente indoor sempre più appestato da emissioni nocive aiuta, ma non basta certo, a risolvere il problema dell’inquinamento tra le mura domestiche.

Ne abbiamo parlato con Valentino Fresia, un imprenditore la cui vita, privata e professionale, si è intrecciata – anche drammaticamente – con la qualità dell’aria e che, per questo, si batte da tempo per una maggiore attenzione verso l’”atmosfera casalinga”. Gli danno ragione, del resto, anche i numeri, visto che la cattiva aria che respiriamo negli spazi chiusi, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, provoca addirittura più decessi di quella esterna:  circa 4,3 milioni contro i 3,7 milioni negli spazi aperti.

Fresia non è solo un imprenditore della green economy – da oltre dieci anni produce e vende prodotti per l’edilizia nati dal recupero e dalla rigenerazione dell’alluminio - ma anche un uomo che lotta per nuovi stili di vita orientati alla salute e ad una migliore qualità ambientale.Sono un ex malato di tumore al sangue, Linfoma non Hodgkin, mi sono sottoposto a pesanti cicli di chemioterapia, ho fatto l’autotrapianto, poi ho combattuto con la setticemia e la guarigione“, ci confessa. La sua storia, per certi versi simile a tante altre testimonianze sul cancro, ha una particolarità: per battere la malattia e soprattutto per prevenire altri problemi di salute si è immerso nello studio della “medicina naturale”.

Una svolta umana profonda nel 2013 – cinquant’anni appena festeggiati, sposato e con due figli – anno in cui si è ammalato, che lo ha portato a prendere decisioni importanti: “Sono diventato vegetariano, mi sono curato con le medicine naturali, ho studiato le componenti psicologiche della malattia, ho sperimentato l’autoipnosi, sono diventato molto sensibile ai temi psicologici e ai conflitti interiori. La malattia mi ha portato ad una maggiore sensibilità ai temi della salute. Prima ero attento, ma in modo superficiale…“.

La crisi provocata dal tumore Valentino l’ha affrontata con “energia, determinazione e competenze acquisite”, quelle della “scienza ecologica” che oggi lo portano, più di prima, ad impegnarsi nella green economy – sia attraverso la sua azienda che con una comunicazione continua sui rischi ambientali. “Penso ad una società dove i genitori insegnino ai propri figli non solo l’importanza di lavarsi i denti e le mani ma anche di stare attenti all’aria della propria stanza!“. Educazione e informazione. Nel sito internet della sua azienda (a cui Greenews.info già nel 2013 dedicò una puntata di Campioni d’Italia) la comunicazione commerciale non esaurisce i contenuti, ma si dedicano uno spazio e un’attenzione non comuni a notizie scientifiche e ambientali: dalla conferenza sul clima di Parigi al collegato ambientale del governo, dallo scandalo Volkswagen alle Smart City.

“Sono particolarmente legato ai temi della salute, alla prevenzione. L’esperienza del tumore è stata una esperienza forte, ma positiva. Il tumore si può e si deve prevenire. Grazie, per esempio, alla corretta alimentazione. Purtroppo poca attenzione, invece, viene data dai mass media alla qualità dell’aria interna. Il 27 Ottobre l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS ) ha dichiarato che la carne rossa ha conseguenze sui tumori, ma i media non hanno dato lo stesso risalto ai milioni di morti provocati dall’inquinamento dell’aria interna“. Per Valentino c’è ancora molto da lottare per una corretta ventilazione. Problema sottovalutato, ma come certificano anche gli organismi internazionali, tutto da risolvere. Gli uffici pubblici sono sottoposti di frequente a controlli per verificare la qualità dell’aria, negli ospedali l’aria è filtrata, ma c’è da investire anche sulla buona aria quotidiana di casa. “La tecnologia del filtraggio dell’aria oggi è alla portata di tutti. Il nostro obiettivo è proporre il lavaggio dell’aria negli alloggi dove viviamo e trascorriamo il 90% del nostro tempo. Esistono delle soluzioni in commercio, disponibili, a costo negativo (recuperabile cioè con gli incentivi, NdR) che filtrano l’inquinamento dell’aria interna e esterna“.

L’assunto fondamentale è che ridurre l’inquinamento permette il risparmio energetico e quindi minori costi economici.Io propongo un innovativo sistema di Ventilazione Meccanica Controllata, dotato di filtri molto efficienti, che assicura il corretto ricambio dell’aria perché immette aria nuova e filtrata e permette l’espulsione per sovrapressione di quella inquinata. Un dispositivo, posizionato tra il traverso superiore del telaio finestra e il muro, preleva l’aria dall’esterno, la filtra e la immette nell’ambiente tramite il ventilatore. Un sistema “leggero”, facile da applicare, con cui Fresia intende portare avanti una battaglia che non è solo commerciale, ma anche culturale.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende