Home » Idee »Nazionali »Normative »Politiche » AIAB: un biologico inclusivo e a misura di contadino. Con una certificazione unica:

AIAB: un biologico inclusivo e a misura di contadino. Con una certificazione unica

novembre 28, 2012 Idee, Nazionali, Normative, Politiche

Dieci anni fa avevamo una Ferrari, oggi invece, conduciamo una vettura che speriamo almeno non ci lasci a piedi”. Nell’amara constatazione contenuta in quest’immagine, è possibile leggere, in controluce, tanto il bilancio degli “errori politici” commessi in passato quanto una prospettiva di riforma: se l’analisi del passato, infatti, rivela un mondo – quello del biologico italiano – che potenzialmente avrebbe avuto tutti gli strumenti per crescere ed essere competitivo sul mercato internazionale e che, finora, a causa di regole penalizzanti è stato al contrario frenato e compresso, una corretta visione del futuro dovrebbe interrogarsi sui passi da compiere per rimetterlo in moto. Quale futuro dunque per l’agricoltura biologica nel 2020? Se lo è chiesto AIAB – l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica – venerdì scorso, provando anche a stilare una lista di proposte in vista della revisione dell’impianto di regole che entrerà in vigore nel 2016: il primo regolamento europeo che disciplinava il settore risale al 1991, successivamente integrato nel 2007 con il Reg. 834/07. L’esigenza dell’associazione di produttori bio guidata dal presidente Alessandro Triantafyllidis è dunque di “guidare un percorso di riflessione in modo propositivo”.

Anche perché i segnali ricevuti fin qui, non lasciano ben sperare i produttori: le proposte avanzate nella bozza di decreto presentato dal Ministero dell’Agricoltura per contribuire alla programmazione della nuova PAC – la Politica Agricola Comune che entrerà in vigore nel 2014 – sono modeste, evasive e generiche, i tagli al budget massicci: “E’ assente un’idea di governo del territorio che passi attraverso il protagonismo degli agricoltori, di coloro cioè che lavorano la terra e non dei proprietari terrieri, che vivono di rendite di posizione” sottolinea, nel suo intervento, il presidente Lipu (Bird Life Italia), Fulvio Mamone Capria. Ma uno dei principali punti critici, per gli operatori del settore, pare essere proprio un sistema delle regole che “semplifichi le procedure, ma che allo stesso tempo garantisca sicurezza al consumatore, e metta a punto sanzioni certe, ripensi tutto il sistema di certificazione e di controllo, condivida i dati e li metta a disposizione di tutti i produttori, allo scopo di facilitarne il lavoro”, interviene Emilio Gatto, direttore generale ICQRF (l’organo di controllo del Ministero delle Politiche Agricole).

Servirebbe dunque, in sintesi, che ciascuno facesse bene il proprio lavoro: è necessario, a monte, un indirizzo politico – sostengono i produttori – che dia la direzione e indichi i criteri a cui attenersi; ma c’è naturalmente la necessità che controllati e controllori siano due categorie distinte, senza commistioni tra l’una e l’altra, con un sistema di certificazione che non diventi una “gabella obbligatoria” per il produttore, ma un “valore aggiunto” che, sulla base di precise regole che esistono e sono sancite sul piano internazionale stabilisca chiaramente quello che è bio da quello che non lo è e non lasci il consumatore nel dubbio.

Ecco la necessità, tira le somme la vicepresidente dell’AIAB, Cristina Micheloni, di “guidare l’intero processo di elaborazione del regolamento: perché questo non si limiti a una lista della spesa, ma accompagni la crescita del bio”. Accanto alle esigenze di semplificazione, dunque, e di sicurezza e flessibilità (un regolamento inclusivo delle piccole aziende), c’è il nodo dell’adeguatezza “ai fattori di rischio”, spiega Micheloni, “e cioè far valere il famoso principio dell’equivalenza applicandolo, ad esempio, all’import delle materie prime provenienti dai paesi non europei”.

Più in generale, sembra di capire, che, a questo punto del percorso, esista da parte dei produttori del biologico “l’esigenza di fare sistema” e non cadere nella trappola (anche comunicativa) del “biologico di serie A e di serie B”: “Il biologico è uno solo”, prosegue Cristina Micheloni”, “e sarebbe il caso di portare anche in Italia il dibattito sulla convenzionalizzazione del bio”.

Tornando quindi alla domanda iniziale, come dovrebbe essere il biologico del 2020? “Grande ma a misura di contadino, rispettoso dei principi di green economy e cioè, consolidato, e inclusivo dei ruoli e delle competenze di tutti, e naturalmente dotato di un sistema di certificazione unico, senza falle pericolose”, chiosa Micheloni. Per rendere possibile tutto questo, si sono ripromessi i produttori bio, “occorrerà darsi delle scadenze ed essere consapevoli dei tempi – perché fare una cosa ottima quando è troppo tardi è inutile – ed essere attivi su molti livelli: quello europeo, nazionale e regionale”.

Ilaria Donatio

Chi volesse intervenire nel dibattito su “biologico e dintorni” sollevato da Greenews.info può farlo nella nostra pagina Facebook o su Twitter, con l’hashtag #bioedintorni.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende