Home » Idee »Nazionali »Normative »Politiche » AIAB: un biologico inclusivo e a misura di contadino. Con una certificazione unica:

AIAB: un biologico inclusivo e a misura di contadino. Con una certificazione unica

novembre 28, 2012 Idee, Nazionali, Normative, Politiche

Dieci anni fa avevamo una Ferrari, oggi invece, conduciamo una vettura che speriamo almeno non ci lasci a piedi”. Nell’amara constatazione contenuta in quest’immagine, è possibile leggere, in controluce, tanto il bilancio degli “errori politici” commessi in passato quanto una prospettiva di riforma: se l’analisi del passato, infatti, rivela un mondo – quello del biologico italiano – che potenzialmente avrebbe avuto tutti gli strumenti per crescere ed essere competitivo sul mercato internazionale e che, finora, a causa di regole penalizzanti è stato al contrario frenato e compresso, una corretta visione del futuro dovrebbe interrogarsi sui passi da compiere per rimetterlo in moto. Quale futuro dunque per l’agricoltura biologica nel 2020? Se lo è chiesto AIAB – l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica – venerdì scorso, provando anche a stilare una lista di proposte in vista della revisione dell’impianto di regole che entrerà in vigore nel 2016: il primo regolamento europeo che disciplinava il settore risale al 1991, successivamente integrato nel 2007 con il Reg. 834/07. L’esigenza dell’associazione di produttori bio guidata dal presidente Alessandro Triantafyllidis è dunque di “guidare un percorso di riflessione in modo propositivo”.

Anche perché i segnali ricevuti fin qui, non lasciano ben sperare i produttori: le proposte avanzate nella bozza di decreto presentato dal Ministero dell’Agricoltura per contribuire alla programmazione della nuova PAC – la Politica Agricola Comune che entrerà in vigore nel 2014 – sono modeste, evasive e generiche, i tagli al budget massicci: “E’ assente un’idea di governo del territorio che passi attraverso il protagonismo degli agricoltori, di coloro cioè che lavorano la terra e non dei proprietari terrieri, che vivono di rendite di posizione” sottolinea, nel suo intervento, il presidente Lipu (Bird Life Italia), Fulvio Mamone Capria. Ma uno dei principali punti critici, per gli operatori del settore, pare essere proprio un sistema delle regole che “semplifichi le procedure, ma che allo stesso tempo garantisca sicurezza al consumatore, e metta a punto sanzioni certe, ripensi tutto il sistema di certificazione e di controllo, condivida i dati e li metta a disposizione di tutti i produttori, allo scopo di facilitarne il lavoro”, interviene Emilio Gatto, direttore generale ICQRF (l’organo di controllo del Ministero delle Politiche Agricole).

Servirebbe dunque, in sintesi, che ciascuno facesse bene il proprio lavoro: è necessario, a monte, un indirizzo politico – sostengono i produttori – che dia la direzione e indichi i criteri a cui attenersi; ma c’è naturalmente la necessità che controllati e controllori siano due categorie distinte, senza commistioni tra l’una e l’altra, con un sistema di certificazione che non diventi una “gabella obbligatoria” per il produttore, ma un “valore aggiunto” che, sulla base di precise regole che esistono e sono sancite sul piano internazionale stabilisca chiaramente quello che è bio da quello che non lo è e non lasci il consumatore nel dubbio.

Ecco la necessità, tira le somme la vicepresidente dell’AIAB, Cristina Micheloni, di “guidare l’intero processo di elaborazione del regolamento: perché questo non si limiti a una lista della spesa, ma accompagni la crescita del bio”. Accanto alle esigenze di semplificazione, dunque, e di sicurezza e flessibilità (un regolamento inclusivo delle piccole aziende), c’è il nodo dell’adeguatezza “ai fattori di rischio”, spiega Micheloni, “e cioè far valere il famoso principio dell’equivalenza applicandolo, ad esempio, all’import delle materie prime provenienti dai paesi non europei”.

Più in generale, sembra di capire, che, a questo punto del percorso, esista da parte dei produttori del biologico “l’esigenza di fare sistema” e non cadere nella trappola (anche comunicativa) del “biologico di serie A e di serie B”: “Il biologico è uno solo”, prosegue Cristina Micheloni”, “e sarebbe il caso di portare anche in Italia il dibattito sulla convenzionalizzazione del bio”.

Tornando quindi alla domanda iniziale, come dovrebbe essere il biologico del 2020? “Grande ma a misura di contadino, rispettoso dei principi di green economy e cioè, consolidato, e inclusivo dei ruoli e delle competenze di tutti, e naturalmente dotato di un sistema di certificazione unico, senza falle pericolose”, chiosa Micheloni. Per rendere possibile tutto questo, si sono ripromessi i produttori bio, “occorrerà darsi delle scadenze ed essere consapevoli dei tempi – perché fare una cosa ottima quando è troppo tardi è inutile – ed essere attivi su molti livelli: quello europeo, nazionale e regionale”.

Ilaria Donatio

Chi volesse intervenire nel dibattito su “biologico e dintorni” sollevato da Greenews.info può farlo nella nostra pagina Facebook o su Twitter, con l’hashtag #bioedintorni.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende