Home » Normative » Biometano, il via libera dell’Autorità per l’Energia apre il mercato:

Biometano, il via libera dell’Autorità per l’Energia apre il mercato

marzo 5, 2015 Normative

Non sarà indipendenza energetica ma è forse un passo in questa direzione e nell’affrancamento dai combustibili fossili. Con la delibera dell’Autorità dell’energia elettrica, gas e sistema idrico (Aeegsi) del 12 febbraio (n.46/2015/R/gas) si fa concreta la prospettiva di un’industria nazionale per il metano rinnovabile. Grazie alla decisione dell’Autorità, il biometano, ottenuto dalla raffinazione del biogas – il gas prodotto da fonti rinnovabili, come le biomasse, e derivante dalla decomposizione anaerobica di sostanze organiche -, si potrà allacciare alle reti del gas naturale, e potrà quindi essere impiegato anche per il riscaldamento civile e nei trasporti.

Cosa comporterà questa novità? Come interagiranno i produttori di biometano, interessati a questa apertura, e i precedenti protagonisti del mercato (gestori di rete, società di vendita e produttori)?

I benefici del biometano si misureranno in termini di riduzione dei gas climalteranti derivanti dall’utilizzo delle fonti fossili – spiega Piero Gattoni,  presidente del Consorzio italiano biogas (Cib), che conta oltre 500 aderenti - Un veicolo alimentato a biometano ha le stesse emissioni di un’auto elettrica dall’energia prodotta in un parco eolico, quindi a bassissimo impatto. Inoltre il biometano si può stoccare, accumulare: è possibile gestire con facilità il suo utilizzo”. Le diverse tecnologie disponibili per la produzione (membrane filtranti o lavaggio con acqua, derivate da quelle che usa già l’industria) sono tutte rispettose dell’ambiente, assicurano dal Cib. “Il biogas è costituito per circa due terzi da metano e il resto da anidride carbonica – continua Gattoni – L’ “upgrading” del biogas, dal quale si ottiene biometano, non è nient’altro che un processo di assorbimento del biossido di carbonio. Il metano ottenuto può sostituire, sia nei gasdotti che nell’autotrazione, quello fossile”.

Cambia l’origine, rinnovabile o meno, ma la formula chimica del biometano è la stessa del metano da gas naturale. L’immissione nelle reti sembra quindi logica e scontata. Ma così non è stato, finora, tanto che solo le aziende più avanzate del settore, concentrate in alcune regioni, si sono già attrezzate per produrlo. “La produzione di biometano si concentrerà laddove è più alta la produzione di biogas – prevede Gattoni – anche per la possibilità di convertire gli impianti esistenti dalla produzione di energia elettrica a quella di biometano”. Quindi Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte sembrano candidate a far da capofila. “Anche al Sud si registra un certo interesse, in Puglia o Sicilia in particolare. Ci aspettiamo che le regioni che non hanno colto l’opportunità del biogas, anche per i problemi legati alla connessione alla rete elettrica, possano sfruttare i vantaggi del biometano. Nel mezzogiorno ci sono interessanti potenzialità inespresse”.

Quello del gas è un settore in continua ristrutturazione: dopo la liberalizzazione del mercato del 2003, si è stabilito un sistema di 6.400 concessioni di dimensione sostanzialmente comunale e detenute da 247 operatori (dati Nomisma Energia). Il Decreto sui criteri di gara del 2011 riorganizza però la distribuzione in 177 ambiti, ciascuno dei quali gestito da un unico operatore. Un processo lungo, in cui ora s’inserirà l’ulteriore tassello relativo al metano rinnovabile.

Il biometano immesso in rete dovrà avere, infatti, “caratteristiche compatibili con le specifiche previste per il gas naturale”, chiarisce la delibera Aeegsi. Si tratta delle qualità chimico-fisiche del gas e di altri componenti fissate dal decreto del Ministero dello sviluppo economico 19 febbraio 2007 e da altri standard come le norme UNI. Il decreto, dell’allora ministro Bersani, prevede determinati valori di pressione, temperatura e potere calorifico del gas, e fa riferimento al gas naturale immesso o prelevato nella rete di trasporto nazionale e in quelle regionali – con esplicita esclusione dei canali di distribuzione -. Sono inoltre dettagliati i “valori di accettabilità” dei componenti, la densità e le soglie per i composti ammissibili in tracce, come lo zolfo, nonchè altre proprietà del gas, che deve essere “tecnicamente libero” da alcune sostenze.

E mentre si attendono nuove indicazioni dalla legislazione europea, l’Associazione nazionale industriali gas (Anigas) pone i primi paletti a tutela dei gestori delle reti: “Dato il carattere innovativo della tecnologia e del gas da immettere – si legge nel position paper presentato da Anigas a novembre scorso – gli adempimenti a carico del gestore (…) dovranno essere definiti con congruo anticipo rispetto all’entrata in vigore della normativa”. Ma soprattutto, in vista delle richieste di connessione alla rete gas, l’associazione industriali mette le mani avanti e propone una “cauzione” a carico dei produttori di biometano. Una barriera all’ingresso di un mercato troppo ghiotto? Anigas ritiene la misura congrua con le responsabilità del gestore dell’infrastruttura: “Si propone che nel momento in cui il produttore richiede la fattibilità di connessione formalizzi contestualmente anche la richiesta di preventivo con il versamento di una cauzione, il cui valore (…) sia adeguato alle attività svolte dal gestore di rete, quali le verifiche di fattibilità e la predisposizione del preventivo e della progettazione esecutiva”.

Garantire la sicurezza degli impianti resta infatti una responsabilità dei gestori, che pertanto rivendicano la legittimità dell’adozione di misure cautelative. C’è il rischio che questo meccanismo si traduca in balzelli disincentivanti per il consumatore? “I costi di produzione del biometano, grazie ai certificati di immissione al consumo, non peseranno sul consumatore – assicura Gattoni – Il prezzo del biometano verosimilmente si allineerà a quello del metano di origine fossile. Sensibili, invece, saranno i vantaggi dal punto di vista ambientale. L’utilizzo del biometano è uno dei processi più virtuosi nella riduzione dei gas climalteranti” conclude Gattoni, citando un video virale recentemente diffuso dal Wwf sul biogas svedese.

Nel settore dei trasporti, per esempio, si prospettano sviluppi interessanti, dato che l’Italia già detiene il primato europeo del parco mezzi a metano: secondo dati dal Consorzio italiano di biogas, i due terzi dei veicoli a metano  del Vecchio continente circola nel Belpaese. Il biometano promette così di contribuire notevolmente agli obiettivi sulle quote di energie rinnovabili nel settore dei trasporti.

Delle sfide del nuovo business, dagli aspetti tecnici della produzione del biogas agli scenari economici della filiera, si parlerà al Biometano Day, il 5 marzo a Tortona, appuntamento promosso da Agroenergia per fare il punto con gli stakeholders del comparto.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende