Home » Normative » Bombe a orologeria: in Italia più di 1.000 impianti industriali a rischio incidente:

Bombe a orologeria: in Italia più di 1.000 impianti industriali a rischio incidente

gennaio 30, 2013 Normative

Impianti chimici, petrolchimici, depositi esplosivi, di gpl o composti e raffinerie: sono questi i 1.152 impianti a rischio di incidente rilevante (Rir) posizionati in 739 comuni italiani e concentrati, per lo più, in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna. Una vera e propria bomba a orologeria analizzata nel dossier Ecosistema rischio industrie presentato a Roma da Legambiente e Protezione civile.

La legge prevede che per queste specifiche tipologie di stabilimenti, le aree circostanti vengano perimetrate per evitare, nel caso di un incidente, conseguenze sull’ambiente e sui cittadini. Purtroppo, però, tra i 210 comuni (sui 739 indicati dall’inventario nazionale del Ministero dell’Ambiente) che hanno risposto al questionario inviato da Legambiente, 104 amministrazioni presentano sul territorio nelle “aree di danno” strutture vulnerabili o sensibili: nel 18% dei casi sono presenti scuole, nel 13% centri commerciali, nell’8% strutture ricettive e turistiche, nel 7% luoghi di culto e nel 2% ospedali. Inoltre, in queste “aree di danno” ci sono anche abitazioni, isolate o insediamenti residenziali, stabilimenti industriali e attività produttive in genere. Per il capo del dipartimento di Protezione Civile, Franco Gabrielli, è preoccupante il fatto che “siamo un Paese poco sensibile su questi temi: siamo in una sorta di limbo, quello che mi allarma è la mancanza di consapevolezza”.

“Anche se la gestione del rischio non compete ai Comuni – spiega Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente – abbiamo deciso di puntare su di loro per far leva sulla consapevolezza dei cittadini. Cittadini consapevoli e informati sono cittadini che reagiscono meglio in caso di incidenti”. Il rapporto, infatti, fotografa una situazione non positiva dell’informazione dei cittadini: solo 105 Comuni, quindi il 50% di quelli che hanno risposto al questionario, hanno dichiarato di aver realizzato campagne informative sui comportamenti da tenere in caso di emergenza, per dare a coloro che lavorano e vivono in prossimità degli impianti “Rir” informazioni pratiche su come riconoscere i segnali di allarme e mettersi in salvo. Sono 122 i comuni che hanno stretto una collaborazione con associazioni di volontariato o con sezioni di protezione civile, 96 amministrazioni hanno realizzato opuscoli informativi, 59 hanno puntato sul sito internet creando delle pagine ad hoc, 30 hanno organizzato iniziative nelle scuole e 58 degli incontri pubblici. “Le esercitazioni sono le pratiche più importanti da fare”, aggiunge Muroni, ma solo 75 Comuni del campione hanno dichiarato di aver proposto delle esercitazioni o partecipato a esercitazioni sul rischio industriale, 34 le amministrazioni che hanno coinvolto anche la popolazione.

“La prima cosa che un comune dovrebbe fare è individuare le fasce di rischio attorno allo stabilimento: ‘di sicuro impatto’, ‘di danno’, ‘di attenzione’ – prosegue Muroni -. In questo, centrale è la pianificazione urbanistica di quelle zone che sono più a rischio”. Esemplare è il caso della legge 100/2012 sul riordino della Protezione civile. Spiega Gabrielli: “La legge 100 ha introdotto la norma per la quale i piani di pianificazione del territorio devono essere sottoposti alla Protezione civile. Finora, solo il Comune di Alessandria lo ha fatto”. Si tratta, aggiunge Simone Andreotti, responsabile Protezione civile di Legambiente, di “un problema diffuso, c’è un pezzo di Italia dove ci sono impianti industriali vicini alle case. E’ necessario prendere coscienza del rischio con il quale si convive”.

“I dati non ci confortano – aggiunge Gabrielli – pochi Comuni hanno risposto e quelli sono coloro i quali hanno qualcosa da dire: Taranto, per esempio, non ha risposto e non ci risulta essere un Comune non implicato da questo punto di vista. Le esercitazioni sono state previste solo da 34 amministrazioni: un maturo sistema di Protezione civile è tale se ha un ottimale piano di prevenzione. Il giorno in cui avremo la gente consapevole che capisce una serie di informazioni, avremo il compimento dello sforzo di un maturo piano di Protezione civile”.

Le situazioni più pericolose? “Esistono dove ci sono strutture nelle aree di danno, e in questo la criticità è omogenea, non c’è un nord o un sud”. E nelle agende dei candidati alle prossime elezioni, poco (o per niente) spazio è dedicato a questi temi: “Sono questioni alle quali l’elettore si appassiona poco, ci arrabbiamo quando poi accade la tragedia o quando c’è l’emergenza. Ma quando le persone saranno consapevoli e sapranno cosa fare in caso di pericolo, avremo un Paese più sicuro”, dice ancora Gabrielli facendo l’esempio del trasporto di merci pericolose. “Non immaginiamo quante di queste merci viaggiano ogni giorno, ad esempio, sul Grande Raccordo Anulare di Roma. Stiamo studiando una soluzione con i colleghi del Ministero dell’Interno. Lì c’è un mondo che è impressionante”, e pericoloso: “Un conto – aggiunge – è sapere che quell’insediamento è statico, altro è sapere di questa movimentazione. Pensando ai numeri ho la sensazione che le tragedie siano poi minori di quanto si potrebbe prevedere. Ci verrebbero i brividi – conclude il capo della Protezione Civile – se sapessimo quello che viaggia sui treni. Forse ci siamo dimenticati troppo presto di quanto successo a Viareggio”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende