Home » Idee »Nazionali »Normative »Politiche » Bravo professore, finalmente qualcosa di “green”!:

Bravo professore, finalmente qualcosa di “green”!

settembre 17, 2012 Idee, Nazionali, Normative, Politiche

Da tempo attendevamo che il Presidente del Consiglio più “tecnico” di sempre dicesse qualcosa di veramente “green”. Nulla nel discorso di insediamento, nulla di significativo negli interventi in sede europea, uso quasi inesistente del termine “green economy” (a quanto ci risulta – e saremmo felici di sbagliarci), nessun endorsement al Ministro Passera quando, nel dicembre scorso, si sbilanciò sulla fiscalità ecologica. Venerdì 14 settembre, Mario Monti ha invece commentato il ddl quadro in materia di valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo di suolo, presentato insieme al Ministro delle Politiche Agricole Mario Catania: «negli ultimi 40 anni – ha ricordato il professore – è stata cementificata un’area pari all’estensione di Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna: un fenomeno di proporzioni sempre più preoccupanti».

Monti ha anche precisato che la superficie agricola coltivabile è scesa, negli ultimi 40 anni, da 18 a 13 milioni di ettari. Da qui l’importanza di un provvedimento che «mira anzitutto a garantire l’equilibrio tra i terreni agricoli e le zone edificate o edificabili, ponendo un limite massimo al consumo di suolo e stimolando il riutilizzo delle zone già urbanizzate».  Un sacrosanto e attesissimo intervento, dunque, che ripaga gli sforzi decennali delle associazioni ambientaliste che si sono battute su questo difficilissimo fronte, da Italia Nostra a Legambiente, dal Wwf al FAI e molte altre, senza dimenticare gli eroici amministratori della “cubatura zero”, ben rappresentati dal sindaco di Cassinetta di Lugagnano, Domenico Finiguerra.

Il ddl quadro emerso dall’ultimo Consiglio dei Ministri, se approvato in via definitiva dal Parlamento, dovrà servire a contrastare lo sperpero di terreni agricoli, particolarmente critico in aree altamente produttive e, al tempo stesso, fertili, come la Pianura Padana. Uno scempio che ha, per altro, «effetti negativi sul paesaggio, sul turismo, oltre a minare la sicurezza dei territori incidendo sull’assetto idrogeologico». Ma servirà anche, indirettamente, a rilanciare il mercato delle ristrutturazioni, come rilevato dal Sole 24 Ore. Riqualificare il patrimonio immobiliare esistente (in gran parte obsoleto e risalente agli anni ’60 e ’70), risulterà infatti più vantaggioso anche dal punto di vista economico e consentirà di migliorare l’efficienza energetica degli edifici.

Fondamentale sarà la revisione (prevista dal ddl) del sistema degli oneri di urbanizzazione, con l’abrogazione – scrive sempre Il Sole 24 Ore – della norma che consente ai comuni di fare cassa con i contributi di costruzione, distogliendoli dal finanziamento delle opere per le quali sono richiesti.”  Ovvero l’interruzione di un circolo vizioso devastante e pericolosissimo che, di fatto, ha visto, negli anni, molti amministratori pubblici complici – per furbizia o disperazione – dei costruttori più spregiudicati.

Plaude all’iniziativa del Governo anche l’Istituto Nazionale di Urbanistica, che auspica, tuttavia, un iter di legge in cui «vengano superati alcuni limiti presenti nella proposta, come l’individuazione delle aree agricole sulla base delle previsioni della strumentazione urbanistica o la stessa proposta di contenimento del consumo di suolo alle sole aree agricole, dimenticando l’ampio patrimonio naturalistico non coltivato, anch’esso fonte di equilibrio ecologico e qualità paesaggistica». Ma soprattutto sollecita l’applicazione di strumenti di contrasto al consumo di suolo più efficaci, come «un nuovo regime fiscale che penalizzi tale consumo e incentivi il necessario processo di riqualificazione urbana, sulla scorta delle migliori esperienze europee in materia».

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende