Home » Finanziamenti »Nazionali »Normative »Politiche » Cos’è un bosco? La nuova definizione che “semplifica” il taglio degli alberi:

Cos’è un bosco? La nuova definizione che “semplifica” il taglio degli alberi

In linea generale può essere considerato bosco “un terreno coperto di alberi d’alto fusto sotto i quali si sviluppano anche arbusti e piante erbacee”. A livello giuridico esiste invece una definizione che elenca le aree che rientrano nei vincoli previsti dalla normativa forestale. Nel 2012 il Decreto Semplificazioni (art. 26) ha modificato la definizione di bosco escludendo alcune tipologie di aree. Tra le aree escluse ci sono tutte quelle zone che sono state oggetto di riforestazione attraverso i fondi previsti dalle misure agroambientali delle politiche di sviluppo rurale dell’Unione europea.

La modifica fu accolta con “estremo favore” da Coldiretti: «L’introduzione della norma risolve in questo modo l’annoso problema legato al fatto che fino a prima dell’entrata in vigore di tali regole gli impianti di arboricoltura da legno, ricadendo nella definizione di bosco, rientravano nel regime vincolistico che la legislazione ambientale riserva ai boschi e ciò comportava notevoli limitazioni per quanto riguardava l’esercizio da parte dell’agricoltore, ad esempio, del taglio colturale sottoposto a regime autorizzativo, creando così una situazione incompatibile con la gestione economica di tali superfici e che ha sempre limitato l’impatto positivo di tale tipologia di investimento nel contesto del sistema legno nazionale».

Non è dello stesso avviso WWF Italia che vede in quella norma un modo per snellire le procedure al fine di favorire la creazione di filiere del legno a scopo energetico. «La finalità principale – ha dichiarato Franco Ferroni, Responsabile Policy Biodiversità, Aree protette e Agricoltura del WWF Italia – è svincolare queste aree per renderle produttive soprattutto nella prospettiva dell’avvio delle filiere legno-energie su cui si sta puntando molto soprattutto in vista del prossimo periodo di programmazione delle risorse comunitarie (2014-2020). Nei prossimi anni, infatti, l’energia da fonti rinnovabili che riceverà la quantità più consistente di sussidi sarà quella derivante dal legno. Questa modifica della normativa forestale è di fatto finalizzata a semplificare e ridurre il sistema dei vincoli e delle procedure amministrative a cui dovrebbe adeguarsi chi decide di sviluppare una filiera legno con finalità energetica (es. pellet e cippato destinato alla produzione di energie da biomasse)».

Ma quali sono le dimensioni di queste aree? «Di quanta superficie si tratti – ha sottolineato Franco Ferroni – è difficile dirlo. Il decreto non dà un riferimento esplicito. Sostanzialmente dice che non sono più classificate “bosco” quelle aree che sono state oggetto di interventi di riforestazione ma non dà un anno preciso di riferimento. E potrebbe essere una qualsiasi area entrata all’interno delle misure comunitarie negli ultimi 20 anni».

Occorre ricordare che la gestione forestale non è una materia di carattere esclusivo dello Stato, ma viene gestita con le Regioni. Di conseguenza le Regioni stanno adeguando la normativa a quella statale. Il decreto tuttavia non stabiliva un termine entro il quale adeguarsi e lascia alle Regioni massima libertà e autonomia. Ad avere già adeguato la propria normativa c’è la Regione Piemonte. Anche in questo caso non sono mancate le perplessità sulla norma. Quando era ancora in fase di discussione, il Corpo Forestale dello Stato aveva presentato le proprie osservazioni alla proposta piemontese e aveva sottolineato che «la definizione nazionale di bosco vale solo se le Regioni non hanno legiferato in maniera autonoma. Avendolo invece la Regione Piemonte effettuato (grazie all’art. 3 della Legge regionale 4/2009), non c’è obbligo di recepimento delle novità introdotte nella norma nazionale». Per quanto riguarda i rimboschimenti finanziati attraverso contributi europei, sottolinea il Corpo Forestale dello Stato, «la Regione Piemonte aveva nei bandi chiaramente definito come impianti destinati a formare boschi non reversibili, per distinguerli da altri reversibili a compimento del programma finanziato. Inoltre l’art. 4 della L.r. 4/2009 già dà la definizione di arboricoltura da legno, escludendola dalla definizione di bosco. Il comma quindi introduce confusione in una normativa piemontese che, allo stato dei fatti, è ben chiara e di facile applicazione».

Nononostante le osservazioni, sulla definizione di bosco la Regione Piemonte ha tirato dritto. Secondo il WWF Piemonte, che riprende le osservazioni del Corpo Forestale dello Stato, in questo modo si mette a rischio il 50% dei boschi piemontesi. La norma approvata il 12 agosto 2013, seguendo la norma nazionale, ha escluso dalla definizione di bosco anche “i paesaggi agrari e pastorali di interesse storico coinvolti da processi di forestazione, naturale o artificiale, oggetto di recupero a fini produttivi” e i “terrazzamenti”. Nel primo caso, come hanno denunciato gli ambientalisti, preoccupano le dimensioni delle aree che non verrebbero più comprese nella definizione di bosco. Nelle sue osservazioni il Corpo Forestale dello Stato aveva precisato che «metà dell’attuale superficie forestale piemontese si è accresciuta su ex coltivi o pascoli, e quindi potenzialmente è a rischio di essere abbattuta senza formalità quasi la metà dei boschi piemontesi». Nel secondo caso, preoccupano invece le conseguenze che il taglio degli alberi può avere in termini di dissesto idrogeologico: «Moltissimi terrazzamenti – sottolinea WWF Piemonte – sono stati realizzati per stabilizzare i versanti, e la successiva colonizzazione da parte del bosco li ha resi ancora più efficaci contro frane e smottamenti. Quando queste aree saranno disboscate non ci sarà più alcuna copertura forestale a impedire alla pioggia battente di scavare il terreno instabile, e a frenare il ruscellamento, con conseguenze facilmente immaginabili».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende