Home » Normative » Detrazioni del 55% confermate dal Senato:

Detrazioni del 55% confermate dal Senato

dicembre 9, 2010 Normative

Senato, Courtesy of prontoazienda.comE’ ufficiale, la detrazione fiscale del 55% è legge dello Stato. E, addirittura, potrebbe diventare una misura permanente, cioè strutturale, prevista dall’ ordinamento fiscale vigente e non più, dunque, soggetta a continue proroghe.

Come anticipato in un precedente articolo, già la Camera dei Deputati (in sede di approvazione della Legge di Stabilità) si era pronunciata a favore della proroga del “bonus” fiscale, che premia chi effettua interventi di riqualificazione energetica degli edifici, favorendo economia ed ambiente. Anche il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre, ha approvato, senza alcuna modifica, il testo già licenziato dalla Camera. Il meccanismo delle detrazioni fiscali del 55% è prorogato dunque per tutto il 2011.

Chi (privato, libero professionista o azienda) deciderà di effettuare lavori di riqualificazione energetica dei propri immobili (che si dovranno concludere entro il 31 dicembre 2011) potrà portare in detrazione dalla propria dichiarazione dei redditi ( Irpef o Ires, a seconda che si tratti di reddito di persone fisiche o di reddito derivante dalla attività di impresa) il 55% delle spese sostenute. Ma, se le procedure per ottenere i benefici (compreso l’invio della documentazione all’Enea), le tipologie di lavori ammessi e i limiti massimi di spesa ammissibili per la detrazione rimangono gli stessi, tuttavia cambia il periodo temporale su cui le spese possono essere ripartite, con successive dichiarazioni di redditi da cui potranno essere detratte. Non più, dunque, in cinque rate annuali di pari importo, come in precedenza, bensì, nella nuova formulazione appena approvata, in dieci rate di pari importo, da portare in detrazione con dieci successive dichiarazioni dei redditi.

La modifica è positiva o negativa ? Difficile dirlo, dipenderà soprattutto dai redditi di ciascun contribuente che, quindi, rivolgendosi al proprio commercialista, dovrà attentamente ponderare la propria situazione. E’ probabile, tuttavia, che i contribuenti con maggior reddito e, quindi, con maggior pressione fiscale, trovassero più conveniente portare in detrazione le spese in cinque anni e, quindi, con delle rate più alte da sottrarre ad una dichiarazione dei redditi già gravosa. Chi ha minori redditi o, addirittura, è fiscalmente incapiente o vanta un credito di imposta nei confronti dello Stato, potrebbe trovare più conveniente, al contrario, spalmare la detrazione su più dichiarazioni, anche perché non è data la possibilità di recuperare la parte di detrazione che dovesse rimanere esclusa dalla dichiarazione dei redditi dell’anno di riferimento, essendo le rate obbligatoriamente  fisse e di pari importo.

Se, ad esempio, un contribuente deve pagare allo Stato mille euro di tasse, ma ha diritto a detrarre duemila euro per quell’anno fiscale, non pagherà nulla per l’anno in questione ma non potrà sommare i mille euro rimasti con l’importo da detrarre con la dichiarazione dei redditi dell’anno di imposta successivo. Quei mille euro, dunque, andrebbero per cosi dire, persi…

La ripartizione temporale delle detrazioni, del resto, è un punto piuttosto delicato ( è stato anche oggetto di polemica politica)  perché deve necessariamente tenere di conto di questioni di equità fiscale con i problemi legati al gettito fiscale necessario allo Stato. E infatti gli interventi volti a modificare, dal 2007 ad oggi, il meccanismo delle detrazioni, si sono concentrati perlopiù sulla ripartizione temporale. Si tratta, infatti, della quarta modifica in cinque anni. Nel 2007 le rate erano tre, poi sono aumentate (2008)  fino a dieci, con possibilità di scegliere se aderire all’uno piuttosto che all’altro sistema di ripartizione . L’anno scorso, poi, la modifica a cinque rate, per finire con l’attuale ritorno, obbligatorio per tutti, senza possibilità di scelta, a dieci rate. Agendo sul numero di rate, infatti, il legislatore ha via via modulato l’impatto dell’agevolazione per le casse pubbliche. Insomma, anche fare del bene all’economia e all’ambiente, è un costo per lo Stato, che deve compensare le minori entrate derivanti dal minor gettito fiscale. Di contro, a parziale compensazione, ci si attendono benefici dall’ emersione del sommerso, con maggiori entrate Iva, nonché benefici ambientali ed economici per il “Sistema Paese” e l’indotto che le detrazioni del 55% hanno dimostrato, in questi anni, di poter creare. Importantissima, da questo punto di vista, l’annunciata stabilizzazione del meccanismo delle detrazioni fiscali. Viste le richieste degli operatori del settore, infatti, il Governo ha annunciato che il meccanismo delle 55% potrebbe essere messo a regime ed inserito, addirittura, nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende