Home » Normative » Detrazioni del 55% confermate dal Senato:

Detrazioni del 55% confermate dal Senato

dicembre 9, 2010 Normative

Senato, Courtesy of prontoazienda.comE’ ufficiale, la detrazione fiscale del 55% è legge dello Stato. E, addirittura, potrebbe diventare una misura permanente, cioè strutturale, prevista dall’ ordinamento fiscale vigente e non più, dunque, soggetta a continue proroghe.

Come anticipato in un precedente articolo, già la Camera dei Deputati (in sede di approvazione della Legge di Stabilità) si era pronunciata a favore della proroga del “bonus” fiscale, che premia chi effettua interventi di riqualificazione energetica degli edifici, favorendo economia ed ambiente. Anche il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre, ha approvato, senza alcuna modifica, il testo già licenziato dalla Camera. Il meccanismo delle detrazioni fiscali del 55% è prorogato dunque per tutto il 2011.

Chi (privato, libero professionista o azienda) deciderà di effettuare lavori di riqualificazione energetica dei propri immobili (che si dovranno concludere entro il 31 dicembre 2011) potrà portare in detrazione dalla propria dichiarazione dei redditi ( Irpef o Ires, a seconda che si tratti di reddito di persone fisiche o di reddito derivante dalla attività di impresa) il 55% delle spese sostenute. Ma, se le procedure per ottenere i benefici (compreso l’invio della documentazione all’Enea), le tipologie di lavori ammessi e i limiti massimi di spesa ammissibili per la detrazione rimangono gli stessi, tuttavia cambia il periodo temporale su cui le spese possono essere ripartite, con successive dichiarazioni di redditi da cui potranno essere detratte. Non più, dunque, in cinque rate annuali di pari importo, come in precedenza, bensì, nella nuova formulazione appena approvata, in dieci rate di pari importo, da portare in detrazione con dieci successive dichiarazioni dei redditi.

La modifica è positiva o negativa ? Difficile dirlo, dipenderà soprattutto dai redditi di ciascun contribuente che, quindi, rivolgendosi al proprio commercialista, dovrà attentamente ponderare la propria situazione. E’ probabile, tuttavia, che i contribuenti con maggior reddito e, quindi, con maggior pressione fiscale, trovassero più conveniente portare in detrazione le spese in cinque anni e, quindi, con delle rate più alte da sottrarre ad una dichiarazione dei redditi già gravosa. Chi ha minori redditi o, addirittura, è fiscalmente incapiente o vanta un credito di imposta nei confronti dello Stato, potrebbe trovare più conveniente, al contrario, spalmare la detrazione su più dichiarazioni, anche perché non è data la possibilità di recuperare la parte di detrazione che dovesse rimanere esclusa dalla dichiarazione dei redditi dell’anno di riferimento, essendo le rate obbligatoriamente  fisse e di pari importo.

Se, ad esempio, un contribuente deve pagare allo Stato mille euro di tasse, ma ha diritto a detrarre duemila euro per quell’anno fiscale, non pagherà nulla per l’anno in questione ma non potrà sommare i mille euro rimasti con l’importo da detrarre con la dichiarazione dei redditi dell’anno di imposta successivo. Quei mille euro, dunque, andrebbero per cosi dire, persi…

La ripartizione temporale delle detrazioni, del resto, è un punto piuttosto delicato ( è stato anche oggetto di polemica politica)  perché deve necessariamente tenere di conto di questioni di equità fiscale con i problemi legati al gettito fiscale necessario allo Stato. E infatti gli interventi volti a modificare, dal 2007 ad oggi, il meccanismo delle detrazioni, si sono concentrati perlopiù sulla ripartizione temporale. Si tratta, infatti, della quarta modifica in cinque anni. Nel 2007 le rate erano tre, poi sono aumentate (2008)  fino a dieci, con possibilità di scegliere se aderire all’uno piuttosto che all’altro sistema di ripartizione . L’anno scorso, poi, la modifica a cinque rate, per finire con l’attuale ritorno, obbligatorio per tutti, senza possibilità di scelta, a dieci rate. Agendo sul numero di rate, infatti, il legislatore ha via via modulato l’impatto dell’agevolazione per le casse pubbliche. Insomma, anche fare del bene all’economia e all’ambiente, è un costo per lo Stato, che deve compensare le minori entrate derivanti dal minor gettito fiscale. Di contro, a parziale compensazione, ci si attendono benefici dall’ emersione del sommerso, con maggiori entrate Iva, nonché benefici ambientali ed economici per il “Sistema Paese” e l’indotto che le detrazioni del 55% hanno dimostrato, in questi anni, di poter creare. Importantissima, da questo punto di vista, l’annunciata stabilizzazione del meccanismo delle detrazioni fiscali. Viste le richieste degli operatori del settore, infatti, il Governo ha annunciato che il meccanismo delle 55% potrebbe essere messo a regime ed inserito, addirittura, nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

settembre 15, 2018

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

Per il trentunesimo anno consecutivo, domenica 16 settembre torna a Cambiano, in provincia di Torino, la manifestazione “Cambiano come Montmartre“, un evento per stimolare la creatività dei cittadini con una serie di iniziative che quest’anno ruoteranno intorno al tema “Riuso, Riciclo Creativo e Sostenibilità”. Gli artisti, le associazioni del territorio, le scuole e i diversi attori [...]

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

settembre 4, 2018

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

Repower presenterà alla 58° edizione del Salone Nautico di Genova, dal 20 al 25 settembre prossimi, la sua nuova creazione, una delle prime barche nate “full electric”, ricaricabile anche attraverso sistemi di ricarica veloce del mondo e-cars. Con RepowerE, evoluzione cabinata della Reboat, una imbarcazione aperta attiva dal 2016 sul Lago di Garda, l’azienda svizzera – [...]

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

agosto 30, 2018

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

Due giorni incentrati sulle innovazioni che le politiche di sostenibilità generano nella pianificazione urbanistica e territoriale, nella progettazione urbana e architettonica, nelle tecniche costruttive e nella erogazione dei servizi urbani. Per il secondo anno consecutivo, il 20 e 21 settembre, si terrà a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia, Urbanpromo [...]

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

agosto 27, 2018

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

In un periodo in cui inondazioni e siccità devastano comunità e paesi in tutto il mondo, il nuovo rapporto del WWF internazionale “Valuing Rivers” sottolinea la capacità che hanno i fiumi, quando sono in buono stato di salute, di mitigare i disastri naturali: benefici che potremmo perdere se si continua a sottovalutare e trascurare il vero valore dei [...]

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

agosto 24, 2018

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

Oggi ricorre il secondo anniversario di quel 24 agosto 2016, quando un terribile terremoto colpì un’ampia fascia appenninica dell’Italia centrale portando con sé lutti e distruzione. A due anni di distanza il Consiglio Nazionale dei Geologi ha fatto quindi il punto, ricordando innanzitutto chi non c’è più e a chi ha perduto tutto – dai propri [...]

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

agosto 22, 2018

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

GSE, il Gestore Servizi Energetici conferma il suo impegno nell’iniziativa “Premi di Laurea” del Comitato Leonardo, giunta quest’anno alla XXI edizione, mettendo in palio una borsa di studio del valore di 3.000 euro per la migliore tesi di laurea in grado di presentare lo “Sviluppo di sistemi energetici in ambito agro-alimentare per promuovere nuovi modelli di bio-economia [...]

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

agosto 21, 2018

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

Il film documentario di Patagonia, “Blue Heart” – disponibile a partire da oggi, 21 agosto 2018, in tutto il mondo, su piattaforme di streaming come iTunes, Amazon Video, Google Play e Sony PlayStation – racconta della lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale sul potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende