Home » Normative » Detrazioni del 55% confermate dal Senato:

Detrazioni del 55% confermate dal Senato

dicembre 9, 2010 Normative

Senato, Courtesy of prontoazienda.comE’ ufficiale, la detrazione fiscale del 55% è legge dello Stato. E, addirittura, potrebbe diventare una misura permanente, cioè strutturale, prevista dall’ ordinamento fiscale vigente e non più, dunque, soggetta a continue proroghe.

Come anticipato in un precedente articolo, già la Camera dei Deputati (in sede di approvazione della Legge di Stabilità) si era pronunciata a favore della proroga del “bonus” fiscale, che premia chi effettua interventi di riqualificazione energetica degli edifici, favorendo economia ed ambiente. Anche il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre, ha approvato, senza alcuna modifica, il testo già licenziato dalla Camera. Il meccanismo delle detrazioni fiscali del 55% è prorogato dunque per tutto il 2011.

Chi (privato, libero professionista o azienda) deciderà di effettuare lavori di riqualificazione energetica dei propri immobili (che si dovranno concludere entro il 31 dicembre 2011) potrà portare in detrazione dalla propria dichiarazione dei redditi ( Irpef o Ires, a seconda che si tratti di reddito di persone fisiche o di reddito derivante dalla attività di impresa) il 55% delle spese sostenute. Ma, se le procedure per ottenere i benefici (compreso l’invio della documentazione all’Enea), le tipologie di lavori ammessi e i limiti massimi di spesa ammissibili per la detrazione rimangono gli stessi, tuttavia cambia il periodo temporale su cui le spese possono essere ripartite, con successive dichiarazioni di redditi da cui potranno essere detratte. Non più, dunque, in cinque rate annuali di pari importo, come in precedenza, bensì, nella nuova formulazione appena approvata, in dieci rate di pari importo, da portare in detrazione con dieci successive dichiarazioni dei redditi.

La modifica è positiva o negativa ? Difficile dirlo, dipenderà soprattutto dai redditi di ciascun contribuente che, quindi, rivolgendosi al proprio commercialista, dovrà attentamente ponderare la propria situazione. E’ probabile, tuttavia, che i contribuenti con maggior reddito e, quindi, con maggior pressione fiscale, trovassero più conveniente portare in detrazione le spese in cinque anni e, quindi, con delle rate più alte da sottrarre ad una dichiarazione dei redditi già gravosa. Chi ha minori redditi o, addirittura, è fiscalmente incapiente o vanta un credito di imposta nei confronti dello Stato, potrebbe trovare più conveniente, al contrario, spalmare la detrazione su più dichiarazioni, anche perché non è data la possibilità di recuperare la parte di detrazione che dovesse rimanere esclusa dalla dichiarazione dei redditi dell’anno di riferimento, essendo le rate obbligatoriamente  fisse e di pari importo.

Se, ad esempio, un contribuente deve pagare allo Stato mille euro di tasse, ma ha diritto a detrarre duemila euro per quell’anno fiscale, non pagherà nulla per l’anno in questione ma non potrà sommare i mille euro rimasti con l’importo da detrarre con la dichiarazione dei redditi dell’anno di imposta successivo. Quei mille euro, dunque, andrebbero per cosi dire, persi…

La ripartizione temporale delle detrazioni, del resto, è un punto piuttosto delicato ( è stato anche oggetto di polemica politica)  perché deve necessariamente tenere di conto di questioni di equità fiscale con i problemi legati al gettito fiscale necessario allo Stato. E infatti gli interventi volti a modificare, dal 2007 ad oggi, il meccanismo delle detrazioni, si sono concentrati perlopiù sulla ripartizione temporale. Si tratta, infatti, della quarta modifica in cinque anni. Nel 2007 le rate erano tre, poi sono aumentate (2008)  fino a dieci, con possibilità di scegliere se aderire all’uno piuttosto che all’altro sistema di ripartizione . L’anno scorso, poi, la modifica a cinque rate, per finire con l’attuale ritorno, obbligatorio per tutti, senza possibilità di scelta, a dieci rate. Agendo sul numero di rate, infatti, il legislatore ha via via modulato l’impatto dell’agevolazione per le casse pubbliche. Insomma, anche fare del bene all’economia e all’ambiente, è un costo per lo Stato, che deve compensare le minori entrate derivanti dal minor gettito fiscale. Di contro, a parziale compensazione, ci si attendono benefici dall’ emersione del sommerso, con maggiori entrate Iva, nonché benefici ambientali ed economici per il “Sistema Paese” e l’indotto che le detrazioni del 55% hanno dimostrato, in questi anni, di poter creare. Importantissima, da questo punto di vista, l’annunciata stabilizzazione del meccanismo delle detrazioni fiscali. Viste le richieste degli operatori del settore, infatti, il Governo ha annunciato che il meccanismo delle 55% potrebbe essere messo a regime ed inserito, addirittura, nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende