Home » Finanziamenti »Green Economy »Greeneria »Normative » Finalmente la canapa ha una legge! Soddisfazione per tutta la filiera:

Finalmente la canapa ha una legge! Soddisfazione per tutta la filiera

Il 14 gennaio è entrata in vigore la legge n. 242 del 2 dicembre 2016 “per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa”. L’iter di approvazione era iniziato con il passaggio all’unanimità alla Camera nel novembre 2015, per poi essere completato al Senato lo scorso 22 novembre. Dopo il progressivo annientamento della filiera negli anni ’50, l’Italia dispone dunque nuovamente di una legge che regola il settore della canapa.

Grande soddisfazione da parte di Assocanapa, il Coordinamento Nazionale per la Canapicoltura, di Carmagnola (TO), che ha portato tenacemente avanti la battaglia per quasi un ventennio. ”Fin dal 1998 – racconta la presidente Margherita Baravalle, che ha recentemente sostituito il fondatore Felice Giraudo - avevamo ottenuto il riconoscimento che in Italia, per coltivare canapa industriale, non occorresse autorizzazione. Ma questo discendeva dalla regolamentazione europea che lasciava ad ogni stato la facoltà di decidere se assoggettare oppure no ad autorizzazione preventiva la coltivazione. La situazione quindi rimaneva oscura per le Forze dell’Ordine e questo spesso ha complicato la vita agli agricoltori richiedendo il nostro intervento e talvolta anche l’assistenza di un avvocato. Per questa ragione fin dal 2006 abbiamo perseguito ogni anno, con costanza, l’obiettivo di ottenere una legge che affermasse che alla canapa industriale non si applica la normativa antidroga. Negli ultimi anni con la diffusione della coltura la situazione era migliorata perlomeno nelle zone in cui la canapa da lenzuola ormai era conosciuta”.

Con la legge approvata lo Stato Italiano sceglie ora, in tutta chiarezza, di non assoggettare più ad alcuna autorizzazione la coltivazione della canapa, riconoscendole, al contrario, una valenza di interesse pubblico e promuovendone la coltivazione. “Riteniamo che l’Italia sia il primo paese al mondo ad avere una legge chiara come questa – aggiunge la presidente – sulla quale bisognerà impiantare rapidamente procedure e provvedimenti attuativi. E noi ci saremo, con l’impegno di sempre”.

Il Ministero delle Politiche Agricole, da parte sua, prevede anche la promozione di un sistema di qualità alimentare per i prodotti derivati dalla canapa, argomento che interessa un numero crescente di associati di Assocanapa e altri produttori nazionali, che da tempo si dedicano allo sviluppo delle opportunità di questa versatile materia prima nel settore alimentare. Secondo il ministro Maurizio Martina, grazie a questa legge ”per l’Italia si apre la strada per recuperare la leadership del passato”. Basti pensare che all’inizio del 1900, in Italia, si coltivavano più di 100.000 ettari di canapa, mentre nel 2015 si è ritornati a poco più di 3.000. Una strada, dunque, molto lunga, che prevede anche l’intervento del Ministero della Salute, il quale avrà ora 6 mesi di tempo per legiferare su una questione che – ricorda il sito Canapaindustriale.it – sta a cuore a tutti i produttori di canapa ad uso alimentare e cosmetico: la percentuale di THC che può essere contenuta nei prodotti per la cura del corpo e nei cibi.

Le principali novità introdotte dalla nuove legge sono tre: oltre a non essere più necessaria alcuna autorizzazione per la semina di varietà di canapa certificate (i coltivatori dovranno conservare i cartellini e le fatture della semente acquistata per un periodo non inferiore a dodici mesi), la percentuale di THC nelle piante analizzate potrà oscillare dallo 0,2% allo 0,6% senza comportare sanzioni per l’agricoltore. Nel caso in cui la percentuale di THC dovesse superare la soglia dello 0,6%, l’autorità giudiziaria potrà disporre il sequestro o la distruzione della coltivazione, ma anche in questo caso “è esclusa la responsabilità dell’agricoltore“. Sono infine previsti finanziamenti, fino ad un massimo di 700.000 euro l’anno, “per favorire il miglioramento delle condizioni di produzione e trasformazione nel settore della canapa”.

Rimangono alcuni interrogativi - aggiunge Baravalle – che andranno a chiarirsi prossimamente. Auspichiamo con l’ulteriore modifica del DPR 309/1990 o meglio ancora con la sua sostituzione con una normativa più adeguata ai tempi. Per quanto riguarda i controlli non possiamo che condividere l’idea di affidare alla Forestale (ora Carabinieri) l’attuazione del sistema dei controlli amministrativi, temiamo pero’ che si possano riscontrare difficoltà insormontabili a farlo già  per la prossima stagione perché si tratta di una vera e propria rivoluzione, che richiede risorse umane preparate e dotate di mezzi adeguati e quindi una tempistica che non mi sembra possibile ridurre a tre mesi”. E conclude: “Per l’agricoltura e in generale per tutta la popolazione la portata di questa legge può essere molto più importante di quello che oggi si può immaginare”.

Soddisfatto anche il presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo:Oggi si ha finalmente un quadro legislativo che può valorizzare le caratteristiche distintive della canapa in Italia, dove si sta verificando una rapida diffusione della coltivazione dalla Puglia al Piemonte, dal Veneto alla Basilicata, ma anche in Lombardia, Friuli, Sicilia e Sardegna”.

Redazione Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende