Home » Nazionali »Normative »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Green economy e tribunali: “fregatura” retroattiva per i pionieri del Primo Conto Energia:

Green economy e tribunali: “fregatura” retroattiva per i pionieri del Primo Conto Energia Top Contributors

Nelle ultime settimane le rinnovabili sono tornate alla ribalta sui media a più riprese, prima in positivo – come possibile punto di incontro e di accordo programmatico tra forze politiche lontane ma non inavvicinabili – poi, in negativo, per la più grande confisca mai fatta in Italia: un miliardo e trecento milioni di euro di beni sequestrati in Sicilia occidentale, Lombardia, Lazio e Calabria. I sigilli sono stati apposti al patrimonio riconducibile a Vito Nicastri di Alcamo, imprenditore leader nel settore della produzione di energia fotovoltaica ed eolica che, secondo gli investigatori della Direzione Investigativa Antimafia, si sarebbe «relazionato costantemente con esponenti di Cosa Nostra».

Le indagini economico-finanziarie hanno consentito di stabilire che la posizione di vertice nel settore dell’energie verdi da parte dell’imprenditore trapanese è stata acquisita grazie alla «contiguità consapevole e costante agli interessi della criminalità organizzata». Indubbiamente una brutta pagina della green economy, che specie per quanto riguarda la produzione di energia da fonti rinnovabili ha spesso avuto a che fare con i giudici, ma quasi sempre per questioni di diritto amministrativo e non certo penale.

L’intervento dei Tribunali Amministrativi Regionali e del Consiglio di Stato è stato, invece, molte volte richiesto per problemi autorizzativi e per dispute sull’accesso ai regimi di incentivazione o nella gestione dei Conti Energia stessi. Tra queste dispute rientra quella relativa alle tariffe previste nel Primo Conto Energia, che devono essere considerate fisse a livello nominale e decrescenti in termini reali, senza possibilità di adeguamento al tasso di inflazione annuo rilevato dall’Istat.

A comunicarlo è stato il GSE sulla base di una decisione del Consiglio di Stato (9/2012), riunito in Adunanza Plenaria, che ha completamente ribaltato quanto stabilito in prima battuta dal Tar Lombardia e in una precedente sentenza dello stesso Consiglio di Stato. Al centro della contesa la legittimità delle modifiche apportate dal D.M 6 febbraio 2006 al precedente D.M. 28 luglio 2005. A sei mesi di distanza dall’emanazione del primo decreto, infatti, il Ministero dello Sviluppo Economico era intervenuto nuovamente, cancellando l’aggiornamento tariffario all’inflazione per quegli impianti fotovoltaici che avessero fatto domanda prima del febbraio 2006.

Ad impegnare tanto la magistratura amministrativa è stata la corretta individuazione della natura, innovativa o meramente interpretativa, di quanto disposto nel decreto ministeriale 6 febbraio 2006. Per il giudice di primo grado, il TAR Lombardia (sent. 2126/2006) le modifiche stabilite dal decreto 2006 hanno portata innovativa: in questo caso, l’articolo incriminato deve essere annullato perché altrimenti avrebbe effetto retroattivo. Arriva alla stessa conclusione il Consiglio di Stato (Sez. VI 1435/2008), rigettando l’appello promosso dal GSE. Secondo la Corte “è lo stesso Ministero a qualificare l’intervento quale modifica e integrazione del precedente decreto, e non come interpretazione o semplice precisazione”.

La questione però non si è risolta tanto che dopo una nuova impugnazione della sentenza di primo grado il contrasto giurisprudenziale è diventato di così notevole rilievo da richiedere l’intervento dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato (decisione 9/2012), il Presidente riunito insieme a dodici consiglieri si sono espressi in maniera differente rispetto alle suddette sentenze. Per l’Adunanza Plenaria, infatti, la norma del D.M. 6 febbraio 2006 è valida perché ha valore prettamente interpretativo.

La legge, infatti, non può disporre che non per l’avvenire. Ma se essa, invece di disporre, si limita a interpretare quanto già disposto, allora deve essere considerata legittima. Secondo l’Adunanza Plenaria, dunque, il decreto ministeriale del 2006 ha chiarito un’intricata situazione: le tariffe per gli impianti entrati in esercizio con il Primo Conto Energia devono rimanere fisse per vent’anni, pur diminuendo in termini reali. Altrimenti, i gestori percepirebbero incentivi crescenti e non decrescenti, come stabilisce, invece, il D.Lgs 387/2008 di cui i decreti sono diretta attuazione.

Tecnicamente la questione dovrebbe essere così (definitivamente) risolta, l’intervento dell’Adunanza Plenaria, infatti, non ammette ulteriori gradi ed è solo un’ipotesi di scuola quella di sezioni che in futuro si pronuncino al di fuori della traccia definita dall’Adunanza. Va notato, tuttavia, che non sono mancate le voci di dissenso secondo le quali la decisione del Consiglio di Stato andrebbe sottoposta alla Commissione Europea, perché in contrasto con il principio di affidamento e di illegittimità delle modifiche delle tariffe con effetto retroattivo. La partita, dunque, potrebbe non essere chiusa.

Antonio Sileo* e Manuela Mischitelli**

*Ricercatore IEFE Bocconi e I-COM

**Ricercatore I-COM

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende