Home » Nazionali »Normative »Politiche »Rassegna Stampa » I sette virtuosi del PAN:

I sette virtuosi del PAN

Il dio Pan in un affresco alla Reggia di CasertaNonostante l’immagine non stiamo parlando dell’antico flauto a canne, noto anche, nella mitologia greca, come “siringa”. Ma pur sempre di ambiente si tratta e dei sette stati membri dell’Unione che, oltre a compiacere la divinità silvestre, hanno soddisfatto la Commissione Europea consegnando in tempo i “compiti” pre-estivi.

Il 30 giugno è scaduto infatti il termine fissato per presentare i PAN, i Piani di Azione Nazionale per le Energie Rinnovabili, contenenti le misure concrete che gli stati membri si impegnano ad adottare, da qui al 2020, per rispettare, secondo le proprie caratteristiche nazionali, quanto previsto dalla direttiva europea sulle energie rinnovabili.

I piani, elaborati secondo lo schema fornito dalla Commissione, dovranno contenere informazioni dettagliate sugli obiettivi da raggiungere nei vari settori, sul mix tecnologico che si intende utilizzare, ma anche sull’ evoluzione delle misure e delle riforme che gli stati dovranno adottare per superare le barriere che oggi frenano lo sviluppo delle rinnovabili.

Benché il termine di presentazione sia ormai scaduto da quasi due settimane, sul tavolo dei funzionari comunitari, alla fine della scorsa settimana, non erano arrivati che sette programmi nazionali: quelli di Austria, Danimarca, Finlandia, Olanda, Svezia, Gran Bretagna e Spagna.

Secondo quanto assicura l’addetto stampa della Direzione Energia all’Ansa, la maggioranza dei documenti mancanti è attesa “in tempi brevi” e pare non ci sia per il momento intenzione, da parte della Commissione, di attivare procedure di infrazione nei confronti dei ritardatari. Il calendario comunitario consente infatti, grazie alla pausa estiva, di accordare due mesi in più per presentare i piani, visto che la prossima riunione utile della Commissione, per decidere eventuali azioni contro i paesi in difetto, non potrà tenersi prima di settembre.

Una volta ricevuti i piani Bruxelles dovrà emettere un primo giudizio di completezza e credibilità, riservandosi una valutazione complessiva entro la fine dell’anno.

Che solo 7 stati su 27 abbiano rispettato la scadenza, dimostrando di aver ragionato per tempo sulla valenza strategica delle rinnovabili nel proprio percorso di sviluppo sostenibile, lascia tuttavia una certa amarezza e ripropone l’immagine un po’stereotipata – ma forse non del tutto errata - dei paesi nordici (più la Spagna) come primi della classe, inseguiti a stento, su questo terreno, dai Pierini ripetenti del Sud.  

Redazione Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende