Home » Nazionali »Normative »Politiche » Il Consiglio di Stato fredda Fidenato. Terza vittoria dell’Italia “libera da OGM”:

Il Consiglio di Stato fredda Fidenato. Terza vittoria dell’Italia “libera da OGM”

febbraio 9, 2015 Nazionali, Normative, Politiche

Il Consiglio di Stato ha respinto venerdì il ricorso dell’agricoltore friulano e leader degli Agricoltori Federati Giorgio Fidenato contro la sentenza del TAR che aveva ribadito il no alla coltivazione di mais geneticamente modificato in Italia. È la terza vittoria in poche settimane per quanti sono contrari agli OGM (Organismi Geneticamente Modificati) dopo la recente decisione del Parlamento Europeo, che sancisce la libertà degli Stati membri alla coltivazione o meno di sementi biotech, e la proroga, una quindicina di giorni fa, del decreto interministeriale del 2013 che vietava la coltivazione del mais MON810 sul suolo italiano appellandosi al principio di precauzione, anticipando di fatto la nuova direttiva UE che dovrebbe entrare in vigore verso aprile.

L’agricoltore pro-OGM, che negli scorsi anni aveva seminato sui suoi campi il mais transgenico, in barba non solo al divieto del Governo ma anche alla legge regionale del Friuli Venezia Giulia, ha però già lanciato il suo ennesimo guanto della sfida. Stando al Gazzettino, uno dei principali quotidiani locali del Nordest, ieri mattina avrebbe seminato in serra, in località segreta, una trentina di semi di mais MON810, in vista della loro messa a dimora in campo in primavera, ed entro una quindici di giorni comunicherà formalmente all’ERSA, l’Agenzia regionale per l’agricoltura del Friuli Venezia Giulia, competente per i controlli, l’avvenuta semina. Fidenato ha promesso inoltre che si rivolgerà alla Corte di Giustizia Europea contro la decisione del nostro Consiglio di Stato.

Anche se nel Nordest la guerra degli OGM non è ancora finita, dunque, il popolo “per un’Italia libera da OGM” esulta, dalle associazioni ambientaliste a quelle del mondo agricolo e dell’agroalimentare.

Secondo Slow Food Italia la sentenza «incoraggia a promuovere un modello di agricoltura fondato sulla tutela della biodiversità e delle produzioni identitarie che rischierebbe di essere seriamente compromesso dall’introduzione di colture GM». Il presidente Gaetano Pascale promette ora battaglia per l’etichettatura trasparente della filiera totalmente GM free «garantendo così ai consumatori di scegliere il loro cibo in totale trasparenza e tutelando anche il lavoro di quegli agricoltori rispettosi della natura e delle sue regole».

In una nota congiunta le associazioni rappresentative del biologico, AIAB, FederBio e Associazione per l’Agricoltura Biologica e Biodinamica, hanno dichiarato che «l’interesse di pochi non può superare quello della collettività – si legge – Dopo questo passo che conferma l’Italia Paese libero da OGM, rimaniamo in fiduciosa attesa di una scelta definitiva che allontani per sempre il rischio transgenico dal nostro territorio e dalle nostre tavole».

Legambiente, per bocca del suo presidente Vittorio Cogliati Dezza, ha dichiarato che l’Italia libera da OGM è un «obiettivo necessario all’economia e alla società del Belpaese e facilmente raggiungibile con gli opportuni strumenti normativi, tra cui la pubblicazione dell’annunciato decreto firmato il 23 gennaio dai ministri della salute Beatrice Lorenzin, delle politiche agricole Maurizio Martina e dell’ambiente Gianluca Galletti, che proroga per altri 18 mesi il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810 sul territorio italiano, in attesa dell’entrata in vigore della nuova direttiva UE in materia di OGM».

Mentre Luca Zaia, presidente della Regione Veneto e già ministro all’agricoltura, ha parlato di “nuova vittoria per l’agricoltura di qualità”. «Quella contro gli OGM – ha sottolineato Zaia – è una battaglia storica, condotta dal Veneto sempre in prima fila (il Veneto è stata la prima regione italiana a istituire una task force locale contro le sementi biotech, ndr), per difendere la vera agricoltura, i veri agricoltori, le vere produzioni, il cui valore sta nella loro diversità e non nell’omologazione ai livelli più bassi. Occorre comunque tenere la guardia alta rispetto a qualsiasi tentativo di contaminazione dei nostri terreni».

La conferma del divieto di coltivazione OGM in Italia per Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura sostenibile di Greenpeace Italia, «conferma ancora una volta la validità del decreto recentemente prorogato e della corretta applicazione del principio di precauzione a salvaguardia di agricoltura e ambiente, contro i rischi legati al rilascio in ambiente di colture OGM. L’Italia si conferma nuovamente Paese libero da OGM».

L’organizzazione ambientalista sostiene da tempo che l’agricoltura, in particolare quella italiana, non ha bisogno di OGM. A novembre scorso Greenpeace International aveva pubblicato il rapporto “Smart Breeding: la nuova generazione di piante” per promuovere quelle biotecnologie che evitano la manipolazione genetica. «Si può fare ricerca, sviluppo e innovazione senza gli OGM: speriamo che su questo punto l’Italia mantenga con forza la sua posizione, in nome dell’agroalimentare Made in Italy, dei consumatori e dei contadini che non vogliono diventare ostaggio delle sementi transgeniche», aveva commentato Ferrario all’indomani della proroga del decreto interministeriale a fine gennaio.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende