Home » Normative » Il Senato salva i certificati verdi:

Il Senato salva i certificati verdi

luglio 7, 2010 Normative

certicati verdi, Courtesy of Hispanico reloaded, Flickr.comI certificati verdi sono salvi. La Commissione bilancio del Senato ha infatti riscritto l’articolo 45 della manovra finanziaria che faceva scomparire l’obbligo di riacquisto, da parte del GSE (Gestore Servizi Elettrici), dei certificati verdi rimasti invenduti sul mercato.

L’emendamento presentato dal relatore Antonio Azzolini reintroduce invece tale obbligo, ma assicura che, dal 2011, l’importo complessivo per tali acquisti sia inferiore del 30% rispetto all’anno in corso e che “almeno l’80% di tali riduzioni provenga dal contenimento della quantità di certificati verdi in eccesso”. In pratica, per evitare che una quota rilevante dei certificati verdi resti invenduta, il Gestore dovrà acquistarli a prezzi inferiori rispetto a quelli di mercato, in modo da incentivare la domanda.

La norma è stata riscritta dopo un aspro dibattito che, per una volta, aveva visto confluire sulle stesse posizioni sia i movimenti ambientalisti, sia le associazioni di imprenditori, sia i sindacati. Due le preoccupazioni comuni: da un lato infatti si temeva che il mancato obbligo di riacquisto penalizzasse le imprese e le aziende che avevano investito in forme di energia verde. Dall’altro il timore era che si riducesse il cammino dell’Italia verso uno sviluppo eco-sostenibile, provocando la contrazione di un settore con ampie possibilità di crescita, come quello della green economy.

Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, si è dichiarata soddisfatta perché il testo precedente “avrebbe completamente bloccato il settore che invece può creare crescita e nuova occupazione“.

Ma che cosa sono i certificati verdi? Si tratta di titoli, che corrispondono a determinate quote di energia rinnovabile, che le imprese più inquinanti sono tenute per legge a comprare a un prezzo superiore rispetto a un normale chilowatt/ora. Nel 2009 in Italia però la quota di CV rimasti invenduti (e quindi riacquistati dal GSE) valeva ancora circa 600 milioni di euro.

Questa decisione conferma le linee del PAN, il Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili, messo a punto dal Ministero dello Sviluppo Economico a giugno di quest’anno, come richiesto dalla Commissione Europea. Il documento delinea gli interventi e le politiche per il raggiungimento degli obiettivi del “20-20-20” , cioé ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare al 20% il consumo da fonti rinnovabili, entro il 2020.

Nel dettaglio, il Piano prevede che le energie rinnovabili dovranno coprire il 6,38% dei consumi legati ai trasporti, il 28,97% dei consumi nel comparto elettrico e il 15% nell’ambito del riscaldamento e raffreddamento.

Il Piano prevede, inoltre, di intervenire sul quadro dei meccanismi di incentivazione, come il Conto Energia, l’agevolazione fiscale per gli edifici costruiti o ristrutturati secondo criteri di riduzione dell’impatto ambientale, l’obbligo della quota di biocarburanti. E i certificati verdi, che il nuovo emendamento approvato al Senato torna a difendere.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende