Home » Bollettino Europa »Finanziamenti »Internazionali »Normative »Politiche »Rubriche » La Corte dei Conti UE boccia la proposta sulla nuova PAC:

La Corte dei Conti UE boccia la proposta sulla nuova PAC

In Europa solo i veri agricoltori, ossia coloro che producono per assicurare il cibo al consumatore finale, potranno continuare, in futuro, a beneficiare dei pagamenti diretti che l’UE versa alle aziende agricole. E’ quanto emerso dai lavori del Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura dell’Ue svoltosi il 26 e il 27 aprile a Lussemburgo, il primo in cui i negoziati sulla Politica Agricola Comune (PAC) post-2013 sono entrati nel vivo della discussione.

Nella futura PAC, come ha proposto lo stesso Commissario Europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos, i contributi europei non dovranno più andare a tutti quei terreni agricoli che non producono: tra questi, terreni gestiti da aeroporti, dalle compagnie ferroviarie, da quelle immobiliari o addirittura sportive, come i grandi terreni da golf. Si è trattato di un confronto affatto semplice, soprattutto sui criteri da applicare per definire la nozione di “agricoltore attivo“, che avrà diritto agli aiuti europei e chi invece non potrà più beneficiarne. D’altronde, la posta in gioco è elevata dal momento che l’agricoltura e lo sviluppo rurale rappresentano ancora il 40% dei fondi del bilancio europei, in gran parte gestiti da Bruxelles.

A evidenziare i nodi ancore da sciogliere (eccessiva complessità, pagamenti diretti, contributi ecc), della proposta di riforma della nuova PAC –  presentata nell’ottobre 2011 dalla Commissione al Parlamento e al Consiglio europei – ha provveduto ora anche la Corte dei Conti Europea, che, con il Parere 1/2012 , dopo aver esaminato i quattro principali progetti di regolamento presentati dalla Commissione, ha esposto la propria valutazione durante una riunione ufficiale della Commissione Agricoltura (AGRI) del Parlamento UE, svoltasi lo scorso 24 aprile. I magistrati contabili europei, a quanto pare, hanno trovato delle incongruenze e mancanze, nella proposta della Commissione, che, a grandi linee, corrispondono alle perplessità già dimostrate dai singoli Stati membri.

In primo luogo vi sarebbe la questione della mancata semplificazione dei processi burocratici e amministrativi, che la Commissione si era prefissata di attuare. Come si legge nel parere, “la Corte, purché riconosca gli sforzi compiuti dalla Commissione per semplificare le disposizioni della PAC e rispondere a una serie di osservazioni formulate dal Parlamento e dal Consiglio, ritiene che il quadro normativo relativo a tale politica permanga troppo complesso”. Il quadro normativo così presentato resterebbe dunque “troppo complesso“, sia per i sei livelli di norme che disciplinano la spesa per lo sviluppo rurale, sia sulle condizioni che gli agricoltori devono rispettare per ottenere gli aiuti diretti dall’UE. Ad esempio, in relazione alla cosiddetta condizionalità, la Corte ritiene che, nonostante la riorganizzazione proposta, la complessità insita in questo strumento comporterebbe la difficile amministrazione degli organismi pagatori e dei beneficiari.

Il secondo nodo da sciogliere è quello dei “pagamenti diretti”. La sezione della proposta che ne parla non indicherebbe, secondo la Corte, quali siano gli obiettivi specifici dei pagamenti diretti agli agricoltori, né i risultati attesi da tali disposizioni o gli indicatori da utilizzare per misurare i risultati. In questo ambito rientra anche la questione dello sviluppo rurale, rispetto al quale la Corte ritiene che si debbano “definire gli obiettivi concreti e specifici perseguiti dalle misure proposte e far si che il sostegno sia mirato alle zone rurali che più ne necessitano”. Non sarebbero adeguatamente indicati nemmeno gli obiettivi e i risultati (qualitativi e quantitativi) attesi dall’attuazione degli obblighi per il cosiddetto “inverdimento” (greening) a cui alcuni pagamenti diretti sono indirizzati.

Nel mirino della Corte ci sono poi i contributi e la loro destinazione. “Permane il rischio – si legge nel parere - che in futuro i contributi europei possano andare a chi non esercita alcuna attività agricola”. Per ovviare a questo problema, la Corte ha suggerito, come è emerso anche dal Consiglio, di adottare una definizione generale e al contempo semplice di ciò che si intende per “agricoltore in attività”, basata sul conseguimenti di determinati obiettivi stabiliti dal Trattato. Tali obiettivi dovrebbero riguardare l’aumento della produttività agricola, nonché l’incremento del reddito individuale di coloro che lavorano nell’agricoltura.

La proposta sulla futura PAC, per il periodo 2014-2020, potrebbe, inoltre, comportare un incremento globale del 15 % dei costi di gestione dei regimi di pagamento diretto, che verranno sostenuti dagli Stati membri. Ma soprattutto i magistrati contabili hanno constatato “l’assenza di informazioni volte ad indicare in quale misura questi maggiori costi potrebbero essere compensati da una accresciuta efficienza nella gestione o nell’attuazione della politica in questione”.

Le carenze individuate sarebbero presenti, infine, nella sezione dedicata ai giovani agricoltori. Il progetto di regolamento dispone infatti che nel 2014 siano resi disponibili i diritti all’aiuto per i nuovi agricoltori e in particolare per i giovani che iniziano a esercitare l’attività agricola. La Corte teme però che tale disponibilità non possa essere garantita negli anni successivi al primo. Non solo: si rischierebbe che il requisito di aver attivato diritti di pagamento, nel 2011, per poter richiedere i diritti nel 2014, crei nuove barriere all’ingresso per gli stessi aspiranti agricoltori.

In definitiva, la forza del Parere della Corte dei Conti è nell’incarnare, sostanzialmente, quelle che sono state, da subito, le preoccupazioni degli Stati Membri, che trovano riscontro anche nell’ambito di discussione al Parlamento Europeo. Secondo il presidente della Commissione Agricoltura, Paolo De Castro, “leggendo gran parte dei contenuti del parere dei controllori della spesa europea, sembrava quasi di assistere a una delle tante sedute della Comagri sulla riforma della PAC. Il parere – conclude De Castro – ci dà forza e fiducia per presentare, già a giugno, le nostre proposte di riforma, che punteranno dritte alla costruzione di una futura PAC semplice, flessibile, in grado di gestire le emergenze e le incertezze dei mercati e indirizzata agli agricoltori professionali”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende