Home » Internazionali »Normative »Politiche » La Corte Penale Europea per i reati ambientali è ora più vicina:

La Corte Penale Europea per i reati ambientali è ora più vicina

L'emiciclo del Parlamento Europeo, Courtesy of Sandro GrossoUn nuovo soggetto politico che parteciperà alle grandi conferenze sul clima, con una scommessa concreta, da vincere subito: quella di sostenere, presso il Parlamento Europeo, l’istituzione della Corte Penale Europea dell’Ambiente.

Così, Antonino Abrami, presidente vicario dell’Accademia Internazionale di Scienze Ambientali di Venezia racconta a Greenews.info le ragioni della costituzione dell’Ame-DieAssociation of former Ministers and public leaders for the Environment , la nuova associazione che è stata presentata stamattina a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo e che riunirà gli ex-Ministri dell’Ambiente dei diversi paesi per esercitare attività di lobbying a livello comunitario.

L’associazione nasce proprio per volontà dell’ex Ministra dell’Ambiente francese, oggi Vicepresidente della Commissione Envi del Parlamento Ue (la Commissione per l’Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare), Corinne Lepage, storica fondatrice del movimento ambientalista Cap21 e deputata europea dal 2009, ma raccoglie numerosi ex “colleghi” di altri paesi: tra i soci fondatori, la portoghese Elisa Ferreira, il lussemburghese Charles Goerens, il britannico John Gummer e il tedesco Klaus Toepfer, per citarne solo alcuni. Ma saranno presenti anche i rappresentanti di Marocco, Ecuador, Gabon, Finlandia e per l’Italia, il socialista Valdo Spini, titolare dell’Ambiente durante il governo Ciampi nel 1993-1994.

Da anni, l’Accademia di Scienze Ambientali di Venezia (guidata dall’argentino Adolfo Perez Esquivel, Nobel per la Pace nel 1980), è impegnata in progetti per “la promozione del diritto internazionale dell’ambiente”, come spiega Abrami, che di professione fa il magistrato. Per questo, nello statuto dell’associazione, è espressamente prevista la “creazione e il consolidamento di una giustizia transnazionale in campo ambientale”.

Nel 2006, il comitato direttivo dell’Accademia approvò la cosiddetta “Carta di Venezia”, presentata e sottoscritta alla conferenza internazionale “Salute, Ambiente e Giustizia”, organizzata nella città lagunare dallo Iaes: una sorta di appello rivolto a tutti gli Stati firmatari dello statuto della Corte Penale Internazionale, a promuovere una campagna di sensibilizzazione politico-istituzionale per la presentazione, autonoma o concertata, di un emendamento allo statuto che permettesse l’inserimento del “disastro ambientale intenzionalequale crimine contro l’umanità. E per conseguenza, avallasse l’istituzione di una Corte Penale per “la protezione della salute dell’uomo, del pianeta terra e dei suoi ecosistemi”.

Un progetto, quello della Corte Penale Internazionale dell’Ambiente, che oggi lo stesso Abrami definisce “a lungo termine”, a differenza dell’altro che, invece, riguarderebbe proprio la creazione di un soggetto competente in sede europea a giudicare i reati in campo ambientale. “La nuova associazione”, spiega, “sosterrà l’Accademia sia a Venezia che a Bruxelles in entrambi i progetti, quello che riguarda l’istituzione di un organo permanente delle Nazioni Unite per il risarcimento dei danni ambientali, e l’altro, fin da subito, che sarà attivo a livello comunitario”. Riforma, questa, che è “in piena sintonia con la direttiva sulla tutela penale dell’Ambiente”.

Ma qual è l’iter legislativo? Il primo passo è quello di “presentare al Parlamento europeo una proposta di risoluzione”, prosegue Abrami, su cui, tuttavia, occorre raggiungere un accordo trasversale (quaranta eurodeputati di diversi gruppi parlamentari oppure una Commissione intera). Accordo politico bipartisan che, assicura Abrami, c’è già: diversi parlamentari, infatti, di centrosinistra e centrodestra hanno già rivolto interrogazioni parlamentari, finalizzate proprio a una proposta di risoluzione, come quella dell’altoatesino Michael Ebner (Ppe), di Pia Locatelli del (Pse), e dell’eurodeputata Cristiana Muscardini (An). Lo stesso presidente del gruppo dei Popolari Europei, il famoso Hans-Gert Pöttering ha investito del progetto la commissione competente, la Envi, inoltrandole materialmente il testo della mozione, in bozza.

Insomma, questa volta, potremmo essere davvero vicini a una soluzione che elimini, come dice testualmente la proposta di risoluzione, “zone franche di impunità”, grazie alla garanzia di un Giudice Sovranazionale. Per dirla con le parole, più poetiche, dell’argentino Perèz Esquivel, per “far diventare realtà questa domanda permanente che vuole realizzare l’equilibrio tra l’essere umano e madre natura”.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende