Home » Internazionali »Normative »Politiche » La Corte Penale Europea per i reati ambientali è ora più vicina:

La Corte Penale Europea per i reati ambientali è ora più vicina

L'emiciclo del Parlamento Europeo, Courtesy of Sandro GrossoUn nuovo soggetto politico che parteciperà alle grandi conferenze sul clima, con una scommessa concreta, da vincere subito: quella di sostenere, presso il Parlamento Europeo, l’istituzione della Corte Penale Europea dell’Ambiente.

Così, Antonino Abrami, presidente vicario dell’Accademia Internazionale di Scienze Ambientali di Venezia racconta a Greenews.info le ragioni della costituzione dell’Ame-DieAssociation of former Ministers and public leaders for the Environment , la nuova associazione che è stata presentata stamattina a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo e che riunirà gli ex-Ministri dell’Ambiente dei diversi paesi per esercitare attività di lobbying a livello comunitario.

L’associazione nasce proprio per volontà dell’ex Ministra dell’Ambiente francese, oggi Vicepresidente della Commissione Envi del Parlamento Ue (la Commissione per l’Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare), Corinne Lepage, storica fondatrice del movimento ambientalista Cap21 e deputata europea dal 2009, ma raccoglie numerosi ex “colleghi” di altri paesi: tra i soci fondatori, la portoghese Elisa Ferreira, il lussemburghese Charles Goerens, il britannico John Gummer e il tedesco Klaus Toepfer, per citarne solo alcuni. Ma saranno presenti anche i rappresentanti di Marocco, Ecuador, Gabon, Finlandia e per l’Italia, il socialista Valdo Spini, titolare dell’Ambiente durante il governo Ciampi nel 1993-1994.

Da anni, l’Accademia di Scienze Ambientali di Venezia (guidata dall’argentino Adolfo Perez Esquivel, Nobel per la Pace nel 1980), è impegnata in progetti per “la promozione del diritto internazionale dell’ambiente”, come spiega Abrami, che di professione fa il magistrato. Per questo, nello statuto dell’associazione, è espressamente prevista la “creazione e il consolidamento di una giustizia transnazionale in campo ambientale”.

Nel 2006, il comitato direttivo dell’Accademia approvò la cosiddetta “Carta di Venezia”, presentata e sottoscritta alla conferenza internazionale “Salute, Ambiente e Giustizia”, organizzata nella città lagunare dallo Iaes: una sorta di appello rivolto a tutti gli Stati firmatari dello statuto della Corte Penale Internazionale, a promuovere una campagna di sensibilizzazione politico-istituzionale per la presentazione, autonoma o concertata, di un emendamento allo statuto che permettesse l’inserimento del “disastro ambientale intenzionalequale crimine contro l’umanità. E per conseguenza, avallasse l’istituzione di una Corte Penale per “la protezione della salute dell’uomo, del pianeta terra e dei suoi ecosistemi”.

Un progetto, quello della Corte Penale Internazionale dell’Ambiente, che oggi lo stesso Abrami definisce “a lungo termine”, a differenza dell’altro che, invece, riguarderebbe proprio la creazione di un soggetto competente in sede europea a giudicare i reati in campo ambientale. “La nuova associazione”, spiega, “sosterrà l’Accademia sia a Venezia che a Bruxelles in entrambi i progetti, quello che riguarda l’istituzione di un organo permanente delle Nazioni Unite per il risarcimento dei danni ambientali, e l’altro, fin da subito, che sarà attivo a livello comunitario”. Riforma, questa, che è “in piena sintonia con la direttiva sulla tutela penale dell’Ambiente”.

Ma qual è l’iter legislativo? Il primo passo è quello di “presentare al Parlamento europeo una proposta di risoluzione”, prosegue Abrami, su cui, tuttavia, occorre raggiungere un accordo trasversale (quaranta eurodeputati di diversi gruppi parlamentari oppure una Commissione intera). Accordo politico bipartisan che, assicura Abrami, c’è già: diversi parlamentari, infatti, di centrosinistra e centrodestra hanno già rivolto interrogazioni parlamentari, finalizzate proprio a una proposta di risoluzione, come quella dell’altoatesino Michael Ebner (Ppe), di Pia Locatelli del (Pse), e dell’eurodeputata Cristiana Muscardini (An). Lo stesso presidente del gruppo dei Popolari Europei, il famoso Hans-Gert Pöttering ha investito del progetto la commissione competente, la Envi, inoltrandole materialmente il testo della mozione, in bozza.

Insomma, questa volta, potremmo essere davvero vicini a una soluzione che elimini, come dice testualmente la proposta di risoluzione, “zone franche di impunità”, grazie alla garanzia di un Giudice Sovranazionale. Per dirla con le parole, più poetiche, dell’argentino Perèz Esquivel, per “far diventare realtà questa domanda permanente che vuole realizzare l’equilibrio tra l’essere umano e madre natura”.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende