Home » Internazionali »Normative »Politiche » La resa di Connie: esenzione ETS per le compagnie aeree extraeuropee:

La resa di Connie: esenzione ETS per le compagnie aeree extraeuropee

novembre 14, 2012 Internazionali, Normative, Politiche

Connie Hedegaard, Commissario Europeo per l’Azione sui Cambiamenti Climatici, ha annunciato lunedì che la Commissione intende esentare temporaneamente i voli non europei dall’Emission Trading Scheme (ETS) come risposta ai progressi sui negoziati internazionali. “Per creare un’atmosfera positiva intorno alle importanti negoziazioni dell‘International Civil Aviation Authority (ICAO), ho raccomandato in una conferenza telefonica con i 27 Stati membri che l’Europa fermi il tempo sull’inclusione dell’aviazione nell’Emission Trading europeo di voli da e verso Paesi non europei”. La settimana scorsa, pare infatti che la riunione dell’ICAO abbia riportato concreti passi in avanti, per un accordo sulle emissioni di CO2 del settore aereo, che potrebbe già essere firmato nel 2013: condizione che, secondo la Commissione Europea, potrebbe portare il settore aviazione fuori  dall’ETS.

L’Emission Trading Scheme prevede attualmente che, alle aziende sottoposte a obbligo di riduzione delle emissioni, siano rilasciati dei crediti equivalenti alle tonnellate di CO2 che possono emettere, con un’assegnazione decrescente di anno in anno. Le aziende che avranno ridotto più dell’obbligo avranno quindi un surplus di crediti, che potranno rivendere; quelle poco attente alle emissioni dovranno invece acquistarne da quelle virtuose, mentre non potranno essere creati nuovi crediti. In questo modo, il tetto massimo di emissioni e la conseguente riduzione è garantita.

La direttiva ETS era stata estesa, dal 2012, anche al settore aereo e per tutti i voli in arrivo o in partenza da un aeroporto europeo, con l’obbligo innanzitutto di tenere una contabilità delle emissioni e in secondo luogo di partecipare al meccanismo ETS, con la prima restituzione di quote prevista per aprile 2013. Paesi terzi come gli Stati Uniti, la Russia e la Cina avevano tuttavia fortemente protestato contro questa decisione.

L’esenzione per i volti intercontinentali potrebbe ora durare fino alla prossima assemblea generale dell’ICAO prevista per l’autunno 2013. La Hedegaard ha annunciato che le compagnie aeree dovranno comunque tenere la contabilità delle loro emissioni, ma non saranno soggette a pagamenti durante la sospensione. “Se questo esercizio non porterà a niente, inutile aggiungere che ritorneremo esattamente al punto di partenza con l’EU ETS, in modo automatico” ha detto, aggiungendo che questa è una “finestra di opportunità” per i Paesi terzi di aderire a un accordo globale. Critiche sono tuttavia giunte sia da alcune associazioni ambientaliste – secondo le quali sarebbe più opportuno sospendere l’ETS per l’aviazione solo dopo la firma dell’accordo internazionale – che dalla European Low Fares Airlines Association, che avverte come l’iniziativa potrebbe minare la competitività del trasporto aereo europeo rispetto a quello internazionale. La proposta Hedegaard dovrà comunque passare, ora, al Parlamento Europeo.

Intanto in Italia sono quasi conclusi i preparativi per entrare nella terza fase dello schema Emission Trading: è terminato cioè il processo di consultazione pubblica sulle assegnazioni di quote agli impianti italiani e il Comitato ETS ha approvato, con delibera 20/2012, le misure nazionali e l’elenco degli impianti, in allegato alla delibera. Gli impianti sono divisi in tre elenchi: il primo riguarda gli impianti esistenti e già soggetti alla direttiva o che lo saranno dal 1 gennaio 2013, con la loro assegnazione provvisoria di quote per il primo anno della terza fase, ovvero il numero di tonnellate di CO2 che un’azienda può emettere. Questo numero diventerà definitivo solo dopo il controllo della Commissione Europea, che applicherà un fattore di riduzione per gli anni successivi: infatti, il numero totale assegnato scende gradualmente di anno in anno, obbligando le aziende a ridurre le emissioni di CO2 o acquistare quote da aziende virtuose che hanno ridotto più del loro limite. Così anche il tetto di emissioni italiano complessivo (e relative emissioni) scende, in linea con gli obiettivi europei. Gli altri due elenchi riguardano invece gli impianti per i quali ancora non si conosce la data di inizio e l’elenco degli impianti “piccoli emettitori” che hanno richiesto l’esclusione dall’applicazione della Direttiva.

Veronica Caciagli


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende