Home » Finanziamenti »Normative » La ricetta I-Com per far decollare il fotovoltaico in Italia:

La ricetta I-Com per far decollare il fotovoltaico in Italia

gennaio 25, 2010 Finanziamenti, Normative

Courtesy of Elisabetta81 (Flickr)Nel corso del convegno ‘Sole a levante o a ponente? Le prospettive di sviluppo del settore fotovoltaico in Italia alla prova della politica’, tenutosi a Roma lo scorso 21 gennaio, è stata presentata la ricerca dell’Istituto per la Competitività (I-Com) sul potenziale contributo del fotovoltaico all’economia italiana.

Punto di partenza dello studio è l’amara presa di coscienza che il nostro Paese, nonostante le ottime potenzialità, registra un netto ritardo nel solare rispetto ad altre nazioni. Un esempio per tutti: la ben meno soleggiata Germania, ad oggi, può vantare 6 GW di potenza installata contro i soli 1000 MW della nostra penisola.

Non è tuttavia troppo tardi per recuperare il terreno perduto.

In base all’analisi quantitativa effettuata da I-com, installando una potenza di 9 GW di impianti fotovoltaici entro il 2020 e ipotizzando una produzione annuale. made-in-Italy equivalente a poco più di 3000 MW, il settore potrebbe generare una nuova occupazione pari a 23.000 unità di lavoro aggiuntive (in media annuale) per la fase di costruzione degli impianti e 22.000 ulteriori posti per la fase di gestione.

Elaborazioni I-Com

Se si considera che la spesa per la realizzazione e la gestione di un simile obiettivo  potrebbe toccare i 29 miliardi di euro (con un impatto complessivo sul sistema economico di circa 65 miliardi), risulta evidente che non si tratta di investimenti di poco conto. Eppure, secondo la ricerca, grazie a un apporto significativo delle esportazioni e a una crescita a due cifre del mercato mondiale, si potrebbe ottenere un valore aggiunto pari a 110 miliardi di euro e un’occupazione di circa 210.000 unità di lavoro nel periodo 2010-2020.

Tutt’altro che trascurabili sarebbero pure i benefici per le casse dello Stato (si veda il grafico). Nello scenario dei 9 GW al 2020, le entrate fiscali per il periodo di riferimento, sfiorerebbero i 6,6 miliardi di euro (per il 36,4% derivanti da redditi da lavoro, per il 31% da redditi d’impresa e per il resto da imposte prevalentemente indirette).

 

Da non dimenticare poi l’evidente impatto positivo per l’ambiente, dal momento che un sistema a regime permetterebbe una riduzione delle emissioni di circa 6 milioni di tonnellate annue e, di conseguenza, un minor ricorso all’uso di fonti fossili (800 mila tonnellate di carbone, 1,6 miliardi di metri cubi di gas e 200 mila tonnellate di prodotti petroliferi medi annui in meno, rispetto alle quantità richieste oggi dal nostro Paese).

Elaborazioni I-Com

Per passare dalle ipotesi numeriche alla realtà, ricorda I-Com, occorre non dimenticare l’obiettivo ultimo, ovvero la creazione di una stabile ed efficiente filiera produttiva. La forte discontinuità di policy da parte dell’Italia, infatti, continua ad ostacolare un settore che potrebbe offrire ampi margini di crescita.

L’imperativo che emerge dalla ricerca è quindi l’assoluta necessità di prevedere un orizzonte temporale di incentivazione sufficientemente lungo da ridurre l’incertezza degli investitori: diminuire drasticamente la tariffa incentivante per il 2011, infatti, rischierebbe di comprimere sensibilmente i rendimenti industriali degli impianti. Inoltre, molti progetti risulterebbero non finanziabili, soprattutto in un momento di crisi in cui i requisiti richiesti dalle banche sono divenuti più stringenti.

Secondo i ricercatori I-com, occorre infine semplificare l’architettura stessa degli incentivi (sull’esempio della Francia) prevedendo differenziazioni della tariffa non in base alla classe dimensionale dell’impianto, ma solo in base all’integrazione. Se infatti sembrano esserci validi elementi a favore dell’integrazione architettonica degli impianti, non sembra sussistere un’altrettanto valida giustificazione a supporto di una maggiore incentivazione degli impianti più piccoli rispetto a quelli più grandi, che sono peraltro sottoposti a misure di valutazione più rigorose e sono decisivi per raggiungere i target UE al 2020.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende