Home » Finanziamenti »Normative » La ricetta I-Com per far decollare il fotovoltaico in Italia:

La ricetta I-Com per far decollare il fotovoltaico in Italia

gennaio 25, 2010 Finanziamenti, Normative

Courtesy of Elisabetta81 (Flickr)Nel corso del convegno ‘Sole a levante o a ponente? Le prospettive di sviluppo del settore fotovoltaico in Italia alla prova della politica’, tenutosi a Roma lo scorso 21 gennaio, è stata presentata la ricerca dell’Istituto per la Competitività (I-Com) sul potenziale contributo del fotovoltaico all’economia italiana.

Punto di partenza dello studio è l’amara presa di coscienza che il nostro Paese, nonostante le ottime potenzialità, registra un netto ritardo nel solare rispetto ad altre nazioni. Un esempio per tutti: la ben meno soleggiata Germania, ad oggi, può vantare 6 GW di potenza installata contro i soli 1000 MW della nostra penisola.

Non è tuttavia troppo tardi per recuperare il terreno perduto.

In base all’analisi quantitativa effettuata da I-com, installando una potenza di 9 GW di impianti fotovoltaici entro il 2020 e ipotizzando una produzione annuale. made-in-Italy equivalente a poco più di 3000 MW, il settore potrebbe generare una nuova occupazione pari a 23.000 unità di lavoro aggiuntive (in media annuale) per la fase di costruzione degli impianti e 22.000 ulteriori posti per la fase di gestione.

Elaborazioni I-Com

Se si considera che la spesa per la realizzazione e la gestione di un simile obiettivo  potrebbe toccare i 29 miliardi di euro (con un impatto complessivo sul sistema economico di circa 65 miliardi), risulta evidente che non si tratta di investimenti di poco conto. Eppure, secondo la ricerca, grazie a un apporto significativo delle esportazioni e a una crescita a due cifre del mercato mondiale, si potrebbe ottenere un valore aggiunto pari a 110 miliardi di euro e un’occupazione di circa 210.000 unità di lavoro nel periodo 2010-2020.

Tutt’altro che trascurabili sarebbero pure i benefici per le casse dello Stato (si veda il grafico). Nello scenario dei 9 GW al 2020, le entrate fiscali per il periodo di riferimento, sfiorerebbero i 6,6 miliardi di euro (per il 36,4% derivanti da redditi da lavoro, per il 31% da redditi d’impresa e per il resto da imposte prevalentemente indirette).

 

Da non dimenticare poi l’evidente impatto positivo per l’ambiente, dal momento che un sistema a regime permetterebbe una riduzione delle emissioni di circa 6 milioni di tonnellate annue e, di conseguenza, un minor ricorso all’uso di fonti fossili (800 mila tonnellate di carbone, 1,6 miliardi di metri cubi di gas e 200 mila tonnellate di prodotti petroliferi medi annui in meno, rispetto alle quantità richieste oggi dal nostro Paese).

Elaborazioni I-Com

Per passare dalle ipotesi numeriche alla realtà, ricorda I-Com, occorre non dimenticare l’obiettivo ultimo, ovvero la creazione di una stabile ed efficiente filiera produttiva. La forte discontinuità di policy da parte dell’Italia, infatti, continua ad ostacolare un settore che potrebbe offrire ampi margini di crescita.

L’imperativo che emerge dalla ricerca è quindi l’assoluta necessità di prevedere un orizzonte temporale di incentivazione sufficientemente lungo da ridurre l’incertezza degli investitori: diminuire drasticamente la tariffa incentivante per il 2011, infatti, rischierebbe di comprimere sensibilmente i rendimenti industriali degli impianti. Inoltre, molti progetti risulterebbero non finanziabili, soprattutto in un momento di crisi in cui i requisiti richiesti dalle banche sono divenuti più stringenti.

Secondo i ricercatori I-com, occorre infine semplificare l’architettura stessa degli incentivi (sull’esempio della Francia) prevedendo differenziazioni della tariffa non in base alla classe dimensionale dell’impianto, ma solo in base all’integrazione. Se infatti sembrano esserci validi elementi a favore dell’integrazione architettonica degli impianti, non sembra sussistere un’altrettanto valida giustificazione a supporto di una maggiore incentivazione degli impianti più piccoli rispetto a quelli più grandi, che sono peraltro sottoposti a misure di valutazione più rigorose e sono decisivi per raggiungere i target UE al 2020.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende