Home » Finanziamenti »Normative » La ricetta I-Com per far decollare il fotovoltaico in Italia:

La ricetta I-Com per far decollare il fotovoltaico in Italia

gennaio 25, 2010 Finanziamenti, Normative

Courtesy of Elisabetta81 (Flickr)Nel corso del convegno ‘Sole a levante o a ponente? Le prospettive di sviluppo del settore fotovoltaico in Italia alla prova della politica’, tenutosi a Roma lo scorso 21 gennaio, è stata presentata la ricerca dell’Istituto per la Competitività (I-Com) sul potenziale contributo del fotovoltaico all’economia italiana.

Punto di partenza dello studio è l’amara presa di coscienza che il nostro Paese, nonostante le ottime potenzialità, registra un netto ritardo nel solare rispetto ad altre nazioni. Un esempio per tutti: la ben meno soleggiata Germania, ad oggi, può vantare 6 GW di potenza installata contro i soli 1000 MW della nostra penisola.

Non è tuttavia troppo tardi per recuperare il terreno perduto.

In base all’analisi quantitativa effettuata da I-com, installando una potenza di 9 GW di impianti fotovoltaici entro il 2020 e ipotizzando una produzione annuale. made-in-Italy equivalente a poco più di 3000 MW, il settore potrebbe generare una nuova occupazione pari a 23.000 unità di lavoro aggiuntive (in media annuale) per la fase di costruzione degli impianti e 22.000 ulteriori posti per la fase di gestione.

Elaborazioni I-Com

Se si considera che la spesa per la realizzazione e la gestione di un simile obiettivo  potrebbe toccare i 29 miliardi di euro (con un impatto complessivo sul sistema economico di circa 65 miliardi), risulta evidente che non si tratta di investimenti di poco conto. Eppure, secondo la ricerca, grazie a un apporto significativo delle esportazioni e a una crescita a due cifre del mercato mondiale, si potrebbe ottenere un valore aggiunto pari a 110 miliardi di euro e un’occupazione di circa 210.000 unità di lavoro nel periodo 2010-2020.

Tutt’altro che trascurabili sarebbero pure i benefici per le casse dello Stato (si veda il grafico). Nello scenario dei 9 GW al 2020, le entrate fiscali per il periodo di riferimento, sfiorerebbero i 6,6 miliardi di euro (per il 36,4% derivanti da redditi da lavoro, per il 31% da redditi d’impresa e per il resto da imposte prevalentemente indirette).

 

Da non dimenticare poi l’evidente impatto positivo per l’ambiente, dal momento che un sistema a regime permetterebbe una riduzione delle emissioni di circa 6 milioni di tonnellate annue e, di conseguenza, un minor ricorso all’uso di fonti fossili (800 mila tonnellate di carbone, 1,6 miliardi di metri cubi di gas e 200 mila tonnellate di prodotti petroliferi medi annui in meno, rispetto alle quantità richieste oggi dal nostro Paese).

Elaborazioni I-Com

Per passare dalle ipotesi numeriche alla realtà, ricorda I-Com, occorre non dimenticare l’obiettivo ultimo, ovvero la creazione di una stabile ed efficiente filiera produttiva. La forte discontinuità di policy da parte dell’Italia, infatti, continua ad ostacolare un settore che potrebbe offrire ampi margini di crescita.

L’imperativo che emerge dalla ricerca è quindi l’assoluta necessità di prevedere un orizzonte temporale di incentivazione sufficientemente lungo da ridurre l’incertezza degli investitori: diminuire drasticamente la tariffa incentivante per il 2011, infatti, rischierebbe di comprimere sensibilmente i rendimenti industriali degli impianti. Inoltre, molti progetti risulterebbero non finanziabili, soprattutto in un momento di crisi in cui i requisiti richiesti dalle banche sono divenuti più stringenti.

Secondo i ricercatori I-com, occorre infine semplificare l’architettura stessa degli incentivi (sull’esempio della Francia) prevedendo differenziazioni della tariffa non in base alla classe dimensionale dell’impianto, ma solo in base all’integrazione. Se infatti sembrano esserci validi elementi a favore dell’integrazione architettonica degli impianti, non sembra sussistere un’altrettanto valida giustificazione a supporto di una maggiore incentivazione degli impianti più piccoli rispetto a quelli più grandi, che sono peraltro sottoposti a misure di valutazione più rigorose e sono decisivi per raggiungere i target UE al 2020.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende