Home » Normative » Semplificata l’autorizzazione per gli impianti da fonte rinnovabile:

Semplificata l’autorizzazione per gli impianti da fonte rinnovabile

settembre 28, 2010 Normative

Fonti rinnovabili, Courtesy of Sebastiano Pitruzzello, Flickr.comSono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale le Linee guida per la semplificazione autorizzativa degli impianti da fonte rinnovabile (G.U. n.219 18/09/10) con l’obiettivo di definire modalità e criteri unitari, sul territorio nazionale, per assicurare uno sviluppo ordinato delle infrastrutture energetiche.

Vengono così disciplinati il regime giuridico dell’autorizzazioni, il procedimento unico, il monitoraggio e l’inserimento nel territorio e nel paesaggio degli impianti. Le Regioni avranno 90 giorni per adeguarsi.

E’ importante notare come il decreto sia stato firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico e approvato, di concerto, con i Ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, il che rivela una presa di coscienza, da parte del Governo, della complessità della materia e della necessità di una integrazione delle competenze.

Passando ad analizzare le Linee Guida si evince un chiaro tentativo di portare ordine nella “giungla” delle interpretazioni degli enti territoriali circa l’autorizzazione – o meno –  di impianti di energia rinnovabile sul proprio territorio. La complessità delle procedure unita a una certa discrezionalità autorizzativa, ha infatti spesso determinato incertezza per gli investitori causando un ritardo strutturale nella quota di rinnovabili installata nel Paese.

I punti cardine delle Linee Guida riguardano perciò, da un lato, una puntuale descrizione dell’iter autorizzativo attraverso il procedimento unico, dall’altro, una serie di criteri generali per l’inserimento degli impianti nel paesaggio e nel territorio.

Per quanto riguarda l’iter autorizzativo vengono forniti elementi importanti sia per l’azione amministrativa propria delle Regioni sia  per l’azione di coordinamento e vigilanza nei confronti di Enti eventualmente delegati. Si definisce, per esempio, il campo di applicazione, in quanto le Linee Guida saranno applicate alle procedure per la costruzione e l’esercizio degli impianti sulla terraferma  escludendo gli impianti offshore. In sostanza si traccia un percorso lineare e inclusivo con modalità e tempi certi che mantenga i fondamenti della sussidiarietà verticale e orizzontale senza compromettere l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa.

Per ciò che concerne i criteri generali per l’inserimento degli impianti nel paesaggio e sul territorio si stabiliscono requisiti premianti per i progetti che comprovano la presenza di certificazioni di qualità e ambientali (ISO 9000, ISO 14000, EMAS), la capacità di adattamento alle caratteristiche e alle esigenze del territorio, il riutilizzo di aree già degradate, il livello di innovazione, il coinvolgimento della popolazione locale. Si individuano anche  alcune limitazioni  per le zone agricole caratterizzate da vincoli di tutela della biodiversità, da produzioni agro-alimentari di qualità (produzioni biologiche, produzioni Dop, Igp, Stg, Doc, Docg, produzioni tradizionali) e da particolare pregio rispetto al contesto paesaggistico-culturale.

Ma quali saranno gli effetti reali sulle pubbliche amministrazioni? Ne abbiamo parlato con alcuni addetti ai lavori. Secondo Edo Bernini, responsabile Area di Coordinamento Energia e Cambiamenti Climatici della Regione Toscana, “le Linee Guida, si trovano, di fatto, ad avere la stessa forza giuridica di una legge. Quindi, la parte normativa deve pertanto essere recepita e adeguata alla realtà normativa regionale. Altro aspetto importante delle Linee Guida è  relativo alle cosiddette zone non idonee. Concetto questo ben esplicitato e messo in  relazione all’obbligo del burden sharing, come a dire: attenzione costante al duplice interesse  della tutela del territorio e del perseguimento degli obiettivi sulle rinnovabili. Questo toglie, una valenza esclusivamente di pianificazione territoriale al provvedimento, riconoscendo una importanza pianificatoria, in questo settore, anche all’energia. In ultimo, le Linee trattano di una disciplina sull’eolico. Un tema importante che, tuttavia, in Toscana è già rigidamente gestito.”

Marco Grondacci, giurista ambientale della Fondazione Toscana Sostenibile considera una notizia positiva l’approvazione di Linee Guida e aggiunge “se correttamente applicate, dovrebbero garantire da un lato una adeguata diffusione degli impianti da fonte rinnovabile evitando il far-west (permissivo o repressivo) attuale, dall’altro il rispetto delle autonomia delle Regioni e degli enti locali nella scelta puntuale dei siti in coerenza con le peculiarità non solo ambientali ma anche energetiche dei territori.”

Le Linee Guida, in sostanza, non sono solamente un disciplinare amministrativo, ma chiamano le Regioni a rendere sempre più integrato il livello di programmazione in modo da coniugare le esigenze di sviluppo economico e sociale con quelle di tutela dell’ambiente e di conservazione delle risorse naturali e culturali dei territori.

Per questo dovranno assicurare il coordinamento tra il contenuto dei piani regionali di sviluppo economico, di indirizzo energetico, di tutela ambientale, di sviluppo rurale, dei piani paesaggistici, anche nell’ottica della semplificazione procedimentale.

Simone Falorni

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende