Home » Normative » Semplificata l’autorizzazione per gli impianti da fonte rinnovabile:

Semplificata l’autorizzazione per gli impianti da fonte rinnovabile

settembre 28, 2010 Normative

Fonti rinnovabili, Courtesy of Sebastiano Pitruzzello, Flickr.comSono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale le Linee guida per la semplificazione autorizzativa degli impianti da fonte rinnovabile (G.U. n.219 18/09/10) con l’obiettivo di definire modalità e criteri unitari, sul territorio nazionale, per assicurare uno sviluppo ordinato delle infrastrutture energetiche.

Vengono così disciplinati il regime giuridico dell’autorizzazioni, il procedimento unico, il monitoraggio e l’inserimento nel territorio e nel paesaggio degli impianti. Le Regioni avranno 90 giorni per adeguarsi.

E’ importante notare come il decreto sia stato firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico e approvato, di concerto, con i Ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, il che rivela una presa di coscienza, da parte del Governo, della complessità della materia e della necessità di una integrazione delle competenze.

Passando ad analizzare le Linee Guida si evince un chiaro tentativo di portare ordine nella “giungla” delle interpretazioni degli enti territoriali circa l’autorizzazione – o meno –  di impianti di energia rinnovabile sul proprio territorio. La complessità delle procedure unita a una certa discrezionalità autorizzativa, ha infatti spesso determinato incertezza per gli investitori causando un ritardo strutturale nella quota di rinnovabili installata nel Paese.

I punti cardine delle Linee Guida riguardano perciò, da un lato, una puntuale descrizione dell’iter autorizzativo attraverso il procedimento unico, dall’altro, una serie di criteri generali per l’inserimento degli impianti nel paesaggio e nel territorio.

Per quanto riguarda l’iter autorizzativo vengono forniti elementi importanti sia per l’azione amministrativa propria delle Regioni sia  per l’azione di coordinamento e vigilanza nei confronti di Enti eventualmente delegati. Si definisce, per esempio, il campo di applicazione, in quanto le Linee Guida saranno applicate alle procedure per la costruzione e l’esercizio degli impianti sulla terraferma  escludendo gli impianti offshore. In sostanza si traccia un percorso lineare e inclusivo con modalità e tempi certi che mantenga i fondamenti della sussidiarietà verticale e orizzontale senza compromettere l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa.

Per ciò che concerne i criteri generali per l’inserimento degli impianti nel paesaggio e sul territorio si stabiliscono requisiti premianti per i progetti che comprovano la presenza di certificazioni di qualità e ambientali (ISO 9000, ISO 14000, EMAS), la capacità di adattamento alle caratteristiche e alle esigenze del territorio, il riutilizzo di aree già degradate, il livello di innovazione, il coinvolgimento della popolazione locale. Si individuano anche  alcune limitazioni  per le zone agricole caratterizzate da vincoli di tutela della biodiversità, da produzioni agro-alimentari di qualità (produzioni biologiche, produzioni Dop, Igp, Stg, Doc, Docg, produzioni tradizionali) e da particolare pregio rispetto al contesto paesaggistico-culturale.

Ma quali saranno gli effetti reali sulle pubbliche amministrazioni? Ne abbiamo parlato con alcuni addetti ai lavori. Secondo Edo Bernini, responsabile Area di Coordinamento Energia e Cambiamenti Climatici della Regione Toscana, “le Linee Guida, si trovano, di fatto, ad avere la stessa forza giuridica di una legge. Quindi, la parte normativa deve pertanto essere recepita e adeguata alla realtà normativa regionale. Altro aspetto importante delle Linee Guida è  relativo alle cosiddette zone non idonee. Concetto questo ben esplicitato e messo in  relazione all’obbligo del burden sharing, come a dire: attenzione costante al duplice interesse  della tutela del territorio e del perseguimento degli obiettivi sulle rinnovabili. Questo toglie, una valenza esclusivamente di pianificazione territoriale al provvedimento, riconoscendo una importanza pianificatoria, in questo settore, anche all’energia. In ultimo, le Linee trattano di una disciplina sull’eolico. Un tema importante che, tuttavia, in Toscana è già rigidamente gestito.”

Marco Grondacci, giurista ambientale della Fondazione Toscana Sostenibile considera una notizia positiva l’approvazione di Linee Guida e aggiunge “se correttamente applicate, dovrebbero garantire da un lato una adeguata diffusione degli impianti da fonte rinnovabile evitando il far-west (permissivo o repressivo) attuale, dall’altro il rispetto delle autonomia delle Regioni e degli enti locali nella scelta puntuale dei siti in coerenza con le peculiarità non solo ambientali ma anche energetiche dei territori.”

Le Linee Guida, in sostanza, non sono solamente un disciplinare amministrativo, ma chiamano le Regioni a rendere sempre più integrato il livello di programmazione in modo da coniugare le esigenze di sviluppo economico e sociale con quelle di tutela dell’ambiente e di conservazione delle risorse naturali e culturali dei territori.

Per questo dovranno assicurare il coordinamento tra il contenuto dei piani regionali di sviluppo economico, di indirizzo energetico, di tutela ambientale, di sviluppo rurale, dei piani paesaggistici, anche nell’ottica della semplificazione procedimentale.

Simone Falorni

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende