Home » Normative » Semplificata l’autorizzazione per gli impianti da fonte rinnovabile:

Semplificata l’autorizzazione per gli impianti da fonte rinnovabile

settembre 28, 2010 Normative

Fonti rinnovabili, Courtesy of Sebastiano Pitruzzello, Flickr.comSono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale le Linee guida per la semplificazione autorizzativa degli impianti da fonte rinnovabile (G.U. n.219 18/09/10) con l’obiettivo di definire modalità e criteri unitari, sul territorio nazionale, per assicurare uno sviluppo ordinato delle infrastrutture energetiche.

Vengono così disciplinati il regime giuridico dell’autorizzazioni, il procedimento unico, il monitoraggio e l’inserimento nel territorio e nel paesaggio degli impianti. Le Regioni avranno 90 giorni per adeguarsi.

E’ importante notare come il decreto sia stato firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico e approvato, di concerto, con i Ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, il che rivela una presa di coscienza, da parte del Governo, della complessità della materia e della necessità di una integrazione delle competenze.

Passando ad analizzare le Linee Guida si evince un chiaro tentativo di portare ordine nella “giungla” delle interpretazioni degli enti territoriali circa l’autorizzazione – o meno –  di impianti di energia rinnovabile sul proprio territorio. La complessità delle procedure unita a una certa discrezionalità autorizzativa, ha infatti spesso determinato incertezza per gli investitori causando un ritardo strutturale nella quota di rinnovabili installata nel Paese.

I punti cardine delle Linee Guida riguardano perciò, da un lato, una puntuale descrizione dell’iter autorizzativo attraverso il procedimento unico, dall’altro, una serie di criteri generali per l’inserimento degli impianti nel paesaggio e nel territorio.

Per quanto riguarda l’iter autorizzativo vengono forniti elementi importanti sia per l’azione amministrativa propria delle Regioni sia  per l’azione di coordinamento e vigilanza nei confronti di Enti eventualmente delegati. Si definisce, per esempio, il campo di applicazione, in quanto le Linee Guida saranno applicate alle procedure per la costruzione e l’esercizio degli impianti sulla terraferma  escludendo gli impianti offshore. In sostanza si traccia un percorso lineare e inclusivo con modalità e tempi certi che mantenga i fondamenti della sussidiarietà verticale e orizzontale senza compromettere l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa.

Per ciò che concerne i criteri generali per l’inserimento degli impianti nel paesaggio e sul territorio si stabiliscono requisiti premianti per i progetti che comprovano la presenza di certificazioni di qualità e ambientali (ISO 9000, ISO 14000, EMAS), la capacità di adattamento alle caratteristiche e alle esigenze del territorio, il riutilizzo di aree già degradate, il livello di innovazione, il coinvolgimento della popolazione locale. Si individuano anche  alcune limitazioni  per le zone agricole caratterizzate da vincoli di tutela della biodiversità, da produzioni agro-alimentari di qualità (produzioni biologiche, produzioni Dop, Igp, Stg, Doc, Docg, produzioni tradizionali) e da particolare pregio rispetto al contesto paesaggistico-culturale.

Ma quali saranno gli effetti reali sulle pubbliche amministrazioni? Ne abbiamo parlato con alcuni addetti ai lavori. Secondo Edo Bernini, responsabile Area di Coordinamento Energia e Cambiamenti Climatici della Regione Toscana, “le Linee Guida, si trovano, di fatto, ad avere la stessa forza giuridica di una legge. Quindi, la parte normativa deve pertanto essere recepita e adeguata alla realtà normativa regionale. Altro aspetto importante delle Linee Guida è  relativo alle cosiddette zone non idonee. Concetto questo ben esplicitato e messo in  relazione all’obbligo del burden sharing, come a dire: attenzione costante al duplice interesse  della tutela del territorio e del perseguimento degli obiettivi sulle rinnovabili. Questo toglie, una valenza esclusivamente di pianificazione territoriale al provvedimento, riconoscendo una importanza pianificatoria, in questo settore, anche all’energia. In ultimo, le Linee trattano di una disciplina sull’eolico. Un tema importante che, tuttavia, in Toscana è già rigidamente gestito.”

Marco Grondacci, giurista ambientale della Fondazione Toscana Sostenibile considera una notizia positiva l’approvazione di Linee Guida e aggiunge “se correttamente applicate, dovrebbero garantire da un lato una adeguata diffusione degli impianti da fonte rinnovabile evitando il far-west (permissivo o repressivo) attuale, dall’altro il rispetto delle autonomia delle Regioni e degli enti locali nella scelta puntuale dei siti in coerenza con le peculiarità non solo ambientali ma anche energetiche dei territori.”

Le Linee Guida, in sostanza, non sono solamente un disciplinare amministrativo, ma chiamano le Regioni a rendere sempre più integrato il livello di programmazione in modo da coniugare le esigenze di sviluppo economico e sociale con quelle di tutela dell’ambiente e di conservazione delle risorse naturali e culturali dei territori.

Per questo dovranno assicurare il coordinamento tra il contenuto dei piani regionali di sviluppo economico, di indirizzo energetico, di tutela ambientale, di sviluppo rurale, dei piani paesaggistici, anche nell’ottica della semplificazione procedimentale.

Simone Falorni

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende