Home » Nazionali »Normative »Politiche » Legge di stabilità: niente proroga alle detrazioni del 55%:

Legge di stabilità: niente proroga alle detrazioni del 55%

novembre 15, 2011 Nazionali, Normative, Politiche

Il meccanismo delle detrazioni fiscali del 55% per il risparmio e la riqualificazione energetica è destinato a finire tra poco, con la fine del 2011. Contrariamente a quanto anticipato, infatti, nella Legge di Stabilità appena approvata (come ultimo atto del quarto Governo Berlusconi) non è stata inserita la proroga del bonus fiscale per il 2012, nemmeno in forma ridotta, cioè con percentuali più basse per alcune tipologie di lavoro.

Nella prima bozza della Legge di Stabilità si prevedeva ancora una riduzione della percentuale, dal 55% al 41%, per l’installazione di infissi ma anche l’obbligo, per chi avesse voluto usufruire del bonus fiscale sui serramenti, di installare valvole termostatiche e sistemi di termoregolazione per i caloriferi. Una proposta che aveva provocato le proteste di alcune associazioni di settore, tra cui FederlegnoArreda ed Uncsaal, secondo le quali la norma sarebbe stata troppo penalizzante per un settore che ha generato un indotto economico positivo nonostante la crisi economica. L’obbligo di termoregolazione, poi, sarebbe stato penalizzante per i cittadini, specie per chi abita in condominio, che avrebbe dovuto ottenere l’autorizzazione di tutti i condomini per sostituire gli infissi nel proprio appartamento. Uncsaal, poi, aveva rilanciato, proponendo l’applicazione di aliquote differenziate in base ai tipi di intervento ed alle zone climatiche e, infine, proponendo di estendere il bonus fiscale anche ai beni strumentali ed ai soggetti pubblici non soggetti ad Ires.

Il meccanismo del 55%, infatti, prevede la detrazione di una quota percentuale delle spese sostenute, suddivisa in più anni di impostadalle tasse da versare all’erario (Irpef per le persone fisiche, Ires per le aziende).  Le proposte delle associazioni – che avevano suggerito anche per il solare termico un sistema di incentivazione simile al conto energia per il fotovoltaico – non sono state accolte e, salvo ripensamenti dell’ultima ora, piuttosto improbabili, la storia delle detrazioni fiscali del 55% finisce qui.

Gli interventi attualmente in corso seguiranno il loro iter naturale ma, dall’anno di imposta 2013, non sarà più possibile portare in detrazione le spese per gli interventi finalizzati al risparmio energetico. Fino ad oggi si poteva, al contrario, ripartirle in dieci rate annuali di pari importo, per gli interventi eseguiti nel 2011, mentre nel 2009 e nel 2010 la detrazione andava addirittura ripartita in sole 5 rate annuali di pari importo.  Le spese ammissibili al beneficio riguardavano interventi di riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; il miglioramento termico dell’edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti); l’installazione di pannelli solari; la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. I limiti di spesa sui quali calcolare le detrazioni variavano a seconda del tipo di intervento, ad esempio 100 mila euro per gli interventi di riqualificazione complessiva dell’edificio.

In seguito alla mancata proroga, tuttavia, c’è già chi si rivolge al prossimo Governo tecnico guidato da Mario Monti, come il Consiglio Nazionale degli Architetti, secondo il quale “Il rifinanziamento del bonus del 55% per le ristrutturazioni edilizie ecocompatibili che, senza alcun intervento, terminerà a fine dicembre, deve essere  uno dei primi atti del Governo che verrà. Il credito d’imposta per la riqualificazione energetica degli edifici è stata una misura importante sia sotto il profilo ambientale che economico, e lo sarà ancora di più in futuro poiché il nostro Paese è ogni giorno alle prese con le drammatiche conseguenze del grave degrado del patrimonio edilizio e – come dimostrano le tragedie avvenute nelle scorse settimane – con l’assenza di un coerente progetto di manutenzione territoriale”. “L’utilizzo del bonus – continuano gli architetti – ha contribuito a sostenere il settore dell’edilizia che – come è noto – è quello che risente maggiormente della crisi e che si trova in condizioni di grandissima difficoltà con un consistente calo dei volumi di attività, dei fatturati e – soprattutto – delle future prospettive lavorative. Contestualmente, il bonus del 55% ha inciso profondamente sul contenimento dei consumi energetici e, permettendo a soggetti privati di detrarre parzialmente i costi degli interventi, ha contribuito in modo rilevante all’emersione di molte attività altrimenti destinate ad alimentare il sommerso costituendo, di fatto, un efficace strumento di contrasto dell’evasione fiscale“. “La politica – conclude il CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori e Conservatori ) – dia la prova di voler investire concretamente per il futuro del Paese e di voler far fronte alla tutela del territorio e del patrimonio edilizio introducendo o mantenendo – come nel caso dell’eco bonus – misure concrete per lo sviluppo qualitativo dell’intero comparto edilizio”.

Secondo i dati ENEA le detrazioni fiscali del 55% hanno portato ad una riduzione delle emissioni di CO2, nel 2009, pari a 317 mila tonnellate, a fronte di una spesa di 1,4 miliardi di euro, il 3% della diminuzione totale di emissioni del settore residenziale che, da qui al 2020, dovrebbero scendere del 20%. Resta da capire se il nuovo Governo (ancora ignoto ad oggi), pressato dagli impegni europei, prenderà provvedimenti in tal senso o se, in mancanza di ciò, il mondo produttivo saprà proporre strumenti alternativi. Uncsaal, di recente,  ha appoggiato ad esempio la proposta di FINCO per l’adozione, da parte degli istituti di credito, di un “ecoprestito“, sul modello di quanto avviene in alcuni Paesi stranieri, come Francia e Inghilterra, per gli interventi di riqualificazione energetica, prevedendo tassi agevolati e un massimo di 30 mila euro per ciascun beneficiario.

Andrea Marchetti

Aggiornamento 06.12.2011: il Decreto “Salva Italia” varato dal nuovo Governo Monti (in fase di approvazione in Parlamento) ha reintrodotto e reso permanente la detrazione per ristrutturazioni edilizie. Il limite per richiedere il bonus del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici viene prorogato al 31 dicembre 2012. Dal 1° gennaio 2013 la percentuale scenderà al 36% e l’agevolazione sarà disciplinata dal nuovo articolo 16-bis aggiunto dalla Manovra al Tuir, assimilandola quindi a quella per le ristrutturazioni. Restano confermati il tetto massimo di 48.000 euro per unità immobiliare e la ripartizione della detrazione in 10 rate annuali. La nuova normativa ha aggiunto gli interventi di ripristino o ricostruzione di immobili distrutti da calamità naturali. Leggi la notizia integrale su Edilcantiere.it

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende