Home » Nazionali »Normative »Politiche » L’estate bollente degli OGM: protesta a Montecitorio per chiedere di fermare i semi biotech:

L’estate bollente degli OGM: protesta a Montecitorio per chiedere di fermare i semi biotech

giugno 20, 2013 Nazionali, Normative, Politiche

E’ la questione in grado di coalizzare, come quasi mai avviene nel nostro Paese, le associazioni di categoria degli agricoltori, biologici e non, e le associazioni ambientaliste. Questo pomeriggio, la “Task force anti Ogm”, di cui fanno parte, tra gli altri, Legambiente, Slow Food, Aiab, Coldiretti e Cia, manifesterà davanti a Montecitorio per chiedere al governo l’adozione immediata della clausola di salvaguardia, in modo da fermare le coltivazioni di piante geneticamente modificate. Una richiesta peraltro avanzata poche settimane fa dal Senato, quando tutti i gruppi parlamentari hanno approvato all’unanimità (con una sola astensione) un ordine del giorno che impegna il governo a muoversi in tal senso “per tutelare la salute umana, l’ambiente e il modello economico e sociale del settore agroalimentare”.

Dell’argomento si discute da anni. E mentre l’Italia a parole si è sempre detta contraria agli Ogm, è rimasta a guardare quando qualche giorno fa si è diffusa la notizia che a Vivaro, in Friuli Venezia Giulia, l’agricoltore e leader del Movimento Libertario Giorgio Fidenato aveva seminato, per la seconda volta dal 2010, mais transgenico. Tre anni fa venne fermato quando le piante erano già alte. La sua azienda e il conto in banca furono messi sotto sequestro. Ma dopo che sedici giudici italiani, occupandosi del caso a vario titolo, avevano considerato la semina abusiva, la Corte di giustizia europea un  mese fa si è pronunciata in suo favore.

A dare l’allarme nei giorni scorsi è stata Slow Food, che nel pomeriggio di sabato ha diffuso un comunicato dai toni preoccupati: “Seimila metri quadrati di mais Ogm sono stati seminati questa mattina a Vivaro in Friuli, come annunciato dagli esponenti di Futuragra con una serie di SMS circolati nelle giornate scorse. Nonostante seminare Ogm in campo aperto sia in Italia tuttora vietato, nonostante ben due procure (Padova e Pordenone) si siano espresse in tal senso a proposito dell’operato di un agricoltore che qualche anno fa aveva seminato mais Ogm, e nonostante anche la Corte di Cassazione, nel marzo 2012, abbia ravvisato nella condotta di chi semina mais Ogm l’integrazione di un reato, le autorità locali e nazionali, pur avvisate, non hanno preso alcun provvedimento”. Da subito, le associazioni hanno attaccato il governo, ritenuto colpevole di inerzia, ma anche la Regione, per non aver “compreso – come ha osservato il presidente Slow Food Roberto Burdese – la gravità di un gesto come questo”. Il presidente di Aiab Alessandro Triantafyllidis ha commentato amaro: “A forza di aspettare che qualcun altro agisca si è lasciato, in tutti i sensi, campo libero a chi importa solo fare show e delegittimare leggi e posizioni della maggioranza dei cittadini”.

Sempre sabato scorso, rispondendo alle critiche, il Ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo ha annunciato: “Quanto avvenuto oggi in Friuli Venezia Giulia non è assolutamente da sottovalutare. In ogni caso è fondamentale ribadire che se non si verificano prima le condizioni di coesistenza, ogni semina di organismi geneticamente modificati non è permessa. Ho già dato disposizioni affinché il Corpo Forestale dello Stato, in accordo con le competenti autorità regionali, si accerti della natura delle sementi utilizzate in modo da assumere i provvedimenti del caso”. Ma il fronte pro Ogm, pur essendo ristretto (insieme a Fidenato ne fanno parte le associazioni Futuragra e Assalzoo), è molto agguerrito. “Al corpo forestale apro solo col mandato di perquisizione, la De Girolamo, lo Stato italiano e tutte le associazioni che sostengono questa cosa, sono fuori legge. C’è stata una sentenza che ha chiarito finalmente tutto. Sono tredici anni che lo Stato italiano ci vieta di seminare”, ha fatto sapere l’agricoltore ribelle.

La speranza delle associazioni è che il governo, di fronte alle pressioni provenienti da più parti, decida di approvare la clausola una volta per tutte. “La non definitiva risoluzione della vicenda Ogm va avanti ormai da troppo tempo – sottolinea Coldiretti – e questa deve essere l’occasione per chiudere definitivamente una questione sulla quale cittadini, agricoltori, rappresentanze economiche e sociali, Regioni ed il Parlamento si sono espressi già tantissime volte”. Meno di un mese fa, la Corte di giustizia europea si è espressa a favore dello stesso Fidenato, stabilendo che “la messa in coltura di Ogm quali le varietà del mais Mon 810 non può essere assoggettata a una procedura nazionale di autorizzazione quando l’impiego e la commercializzazione di tali varietà sono già stati autorizzati da Bruxelles e le varietà già iscritte al registro europeo delle sementi”. Il rischio, adesso, è che andando avanti su questa strada si alimenti un vuoto legislativo pericoloso. “Da anni chiediamo ai diversi Governi di applicare la clausola di salvaguardia. Solo un mese fa il Senato si è espresso approvandola all’unanimità. Adesso spetterebbe ai ministeri competenti dar seguito a questo importante atto. Invece, dopo la sentenza della Corte Europea, ci ritroviamo in una situazione di vuoto legislativo che ha già dato l’avvio a semine non autorizzate, come accaduto nella primavera 2010: per noi sono atti di provocazione gravissimi”, continua Burdese.

Tra i timori delle associazioni agricole c’è anche quello che gli organismi transgenici possano scalfire irrimediabilmente l’enorme valore prodotto dal settore agroalimentare italiano: “La contrarietà agli Ogm – dice preoccupato il presidente della Cia Giuseppe Politi – non scaturisce da una scelta ideologica, ma dalla consapevolezza che l’utilizzazione di biotech può annullare la nostra idea di agricoltura. Annullare l’unico vantaggio competitivo dei suoi prodotti sui mercati: quello della biodiversità. Non si tratta di una posizione oscurantista. Tutt’altro. Chiediamo alla scienza di continuare a contribuire alla crescita di questo tipo di agricoltura. E questo lo può fare senza ricorrere agli organismi geneticamente modificati, come, del resto, è avvenuto fino ad oggi e con risultati molto importanti”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende