Home » Nazionali »Normative »Politiche »Rassegna Stampa » L’Italia taglia le aliquote ai biocarburanti del 90%. Proteste dei produttori:

L’Italia taglia le aliquote ai biocarburanti del 90%. Proteste dei produttori

Courtesy of Rrelam (Flickr)La diatriba “più biocarburanti o cibo più economico per i paesi poveri?” pare riaffiorare proprio in chiusura del Vertice Fao. L’Italia sembra infatti aver preso alla lettera le accuse dei Paesi inVia di Sviluppo (Brasile escluso), che vedono nella destinazione di colture ai biocarburanti la principale causa di aumento dei prezzi delle materie prime agricole.

Non ci è dato sapere se le dichiarazioni degli ultimi giorni abbiano avuto una qualche reale influenza sulle scelte del Governo tuttavia è un fatto, nella Finanziaria 2010, la riduzione del 90% dell’aliquota agevolata per i biocarburanti. La produzione di biocarburanti italiani potrebbe così passare da 250mila a 18mila tonnellate.

I tagli hanno causato l’immediata reazione dei produttori che, avendo già pianificato gli investimenti per il 2010, si trovano a dover cambiare in corsa i piani di sviluppo, con possibili gravi conseguenze sui livelli occupazionali.

L’Unione Produttori Biodiesel lancia l’allarme: i tagli incidono “pesantemente sulla produzione nazionale, già esposta in maniera significativa alle importazioni di prodotto da Paesi quali l’Argentina e il Canada”. L’Italia, dicono, si trova, ancora una volta, in controtendenza rispetto alle indicazioni dell’Unione Europea “che, per ridurre le emissioni nocive nel settore dei trasporti, stabilisce per i Paesi membri l’obbligo di immettere in consumo una percentuale di biocarburanti pari al 10% del totale entro il 2020, mentre il nostro governo non innalza e lascia invariata al 3% la percentuale di biocarburanti da immettere sul mercato”.

Il Governo sembra dunque non essere particolarmente interessato ad un settore che, secondo l’Unione Biodiesel, è invece ”in fase di consolidamento e sviluppo e che sta contribuendo alla sfida del crescente ricorso alle fonti rinnovabili”.” Lo Stato Italiano – aggiunge l’Unione - non può sottrarsi agli impegni condivisi a livello internazionale per raggiungere gli obiettivi di miglioramento ambientale e di riduzione della dipendenza da fonti fossili, oltre a quelli di sviluppo dell’economia nazionale e dell’occupazione”.

La richiesta dei produttori è chiara: riabilitare le agevolazioni previste per il 2010 ed introdurre una percentuale di immissione obbligatoria in commercio pari al 4%, nel rispetto degli impegni assunti sia a livello nazionale che Europeo.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende