Home » Normative » Nuove regole per l’Emission Trading Scheme:

Nuove regole per l’Emission Trading Scheme

dicembre 29, 2010 Normative

Commissione Europea, courtesy of European Parliament, Flickr.comIl 15 dicembre la Climate Change Committee, la Commissione sui Cambiamenti Climatici della Commissione Europea, ha approvato la proposta riguardante le nuove regole per l’allocazione dei crediti di CO2 alle aziende europee soggette alla Direttiva sull’Emission Trading (EU ETS). Il processo per arrivare a questa proposta è stato lungo e complesso: la Commissione descrive il lavoro di consultazione svolto come “senza precedenti”, con oltre 100 incontri bilaterali e la consultazione di una moltitudine di stakeholder, tra cui tutte le associazioni dei settori direttamente coinvolti nell’European Emission Trading, esperti degli Stati membri, studiosi del mondo accademico, organizzazioni non governative. La Commissione ha documentando sul proprio sito web il lavoro dei gruppi di lavoro e la consultazione degli esperti del settore.

La posta in gioco è infatti molto alta: queste nuove regole avranno delle implicazioni finanziarie dirette per le industrie, poiché i crediti ci CO2 che non saranno rilasciati in maniera gratuita dovranno essere acquistati sul mercato. Nella fase III dell’European Emission Trading Scheme, che copre il periodo 2013-2020, viene introdotto un approccio diverso alle allocazioni dei crediti di CO2 tra le aziende europee: innanzitutto, il processo di conferimento sarà armonizzato, in modo che non ci siano disuguaglianze nelle regole di assegnazione che potrebbero distorcere la concorrenza tra aziende europee. Ma la grande novità riguarda la regola generale di assegnazione dei crediti.

Il nuovo meccanismo prevede un assegnazione dei crediti a pagamento tramite aste pubbliche per il settore energetico, mentre per gli altri ci sarà un sistema transitorio di assegnazione gratuita basato su un valore di riferimento, il benchmark di settore. I benchmark sono calcolati sulla base dell’intensità di gas serra espressi in tonnellate di CO2 equivalente per unità di prodotto, basandosi sulla performance media delle installazioni appartenenti al 10% più efficiente o sulla cosiddetta BAT, Best Available Technology. In questo modo il valore delle assegnazioni sarà basato sulle industrie più virtuose e meno inquinanti.

In pratica, le allocazioni rilasciate a ogni installazione coperta dall’Emission Trading Scheme saranno calcolate moltiplicando un valore di riferimento, il benchmark, per il dato della produzione storica dell’impianto. Sono stati previsti 53 benchmark di prodotto, che coprono il 75% delle emissioni coperte dall’Emission Trading Europeo. Se un’installazione produce anche prodotti non coperti da un benchmark di prodotto, saranno allocati dei crediti aggiuntivi sulla base dell’energia termica utilizzata o del combustibile utilizzato (approccio fallback). Per queste istallazioni sarà anche possibile avere dei crediti per le emissioni non collegate all’uso di energia, chiamate “emissioni di processo”. Questo perché le emissioni di processo sono incluse nel benchmark, mentre non sono comprese nell’approccio fallback.

Dopo il parere favorevole del Climate Change Committee, seguirà un periodo di scrutinio di tre mesi, al termine dei quali, se non ci saranno opposizioni da parte del Parlamento Europeo o del Consiglio, la proposta sarà formalmente adottata dalla Commissione Europea come Decisione. Poi il numero assoluto di crediti per ciascuna installazione sarà calcolato dalle autorità competenti degli Stati membri, che sottoporranno alla Commissione entro il 30 settembre 2011. La Commissione fornirà delle linee guida con le regole di allocazione, con un helpdesk già attivo e procedure e possibili multe in caso di infrazione.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende