Home » Finanziamenti »Nazionali »Normative »Politiche » Parchi: altro che tagli, servono investimenti!:

Parchi: altro che tagli, servono investimenti!

Nemmeno i parchi sfuggono ai tagli della spending review del governo. Entro fine mese, infatti, i ventiquattro Parchi Nazionali italiani dovranno eliminare il 10% delle spese per il personale, un taglio che si somma a quelli – già consistenti (circa il 35%) – imposti negli ultimi anni.

La situazione è critica. Secondo la Rappresentanza Unitaria del Parco Nazionale Gran Paradiso “interi uffici che seguono attività di ricerca scientifica, di salvaguardia del territorio e di promozione dello sviluppo sostenibile, verranno di fatto cancellati”. In realtà, l’allarme sembra destinato a rientrare, almeno parzialmente. I fondi a disposizione rimarranno pochi ma nessuno dovrebbe essere licenziato. “Se il taglio del 10% venisse gestito singolarmente per ogni ente parco allora perderebbero il posto 60 persone (su un totale nazionale di 760) – spiega Italo Cerise, presidente del Parco del Gran Paradiso – Ma come Federparchi abbiamo chiesto al governo di ragionare a livello di comparto, complessivamente. E alla fine il decreto dovrebbe andare in questa direzione”. Così chi ha più risorse potrà metterle a disposizione dei parchi che ne hanno meno, verranno tagliate solo spese “non essenziali” e con un’attenta redistribuzione si salveranno almeno i posti di lavoro.

Anche perché i Parchi Nazionali e Regionali italiani e le Aree Protette sono un patrimonio che meriterebbe – anche economicamente – di essere valorizzato. Non solo, infatti, curano e difendono il territorio, ma, conti alla mano, generano ricchezza. Secondo un recente rapporto di Unioncamere, a fronte di un costo di 60 milioni di euro, ogni anno i parchi generano un ritorno di 34,6 miliardi. Attorno e dentro ai parchi ci sono aziende enogastronomiche o artigianali che godono delle specificità del territorio, ci sono più di 16mila impianti fotovoltaici che generano il 4% dell’energia del Paese e c’è il turismo: ogni anno almeno 150 milioni di persone visitano queste zone, e i numeri sono in costante crescita.

C’è poi il discorso dei servizi ecosistemici: “I Parchi – spiega il direttore del Parco Fluviale del Po e della Collina Torinese Ippolito Ostellino – hanno anche un enorme impatto immateriale. Elementi come la difesa della biodiversità e del suolo, o l’importanza di avere aria e acqua pulita e il conseguente impatto sulla salute e i costi sanitari dei cittadini, vengono troppo spesso dimenticati”. Bisognerebbe dunque tener conto anche di questo e dei costi “indiretti” che l’inquinamento riversa silenziosamente sulla collettività quando si decide di tagliare i finanziamenti ai Parchi. “Purtroppo – continua Ostellino – spesso abbiamo gestito male i soldi quando erano di più, e ora ci troviamo in difficoltà, con i continui tagli che mettono in crisi l’intero sistema. Dobbiamo insistere perché venga riconosciuta l’importanza degli enti parco, i servizi ecosistemici sono già economia, e ignorarlo, in un momento difficile come questo, è una fesseria”.

Probabilmente c’è bisogno di trovare, anche in questo settore, nuove modalità di gestione. Secondo Ostellino “servono fondi per sfruttare al meglio le potenzialità del settore e per trovarli bisognerà ricorrere anche ai privati. Ovviamente la proprietà e le responsabilità devono rimanere in mano pubblica, ma non c’è motivo per non coinvolgere enti esterni in attività e appalti specifici”.

Sulla necessità di trovare investimenti è d’accordo anche Italo Cerise: “Prima però occorre rafforzare l’integrazione e la collaborazione fra i vari Parchi Nazionali e Regionali, fare sistema. Dobbiamo comunicare meglio le nostre attività di ricerca, monitoraggio e manutenzione del territorio. Far capire ai cittadini la nostra importanza e quanto possiamo offrire. A quel punto sarà evidente che i benefici che arrivano dai parchi sono enormemente maggiori dei costi per gestirli, e potremo convincere il governo che meritiamo nuovi investimenti”.

Matteo Acmè

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende