Home » Green Economy »Normative » Pompe calore: fino al 31 dicembre proseguono gli incentivi per raffrescamento e riscaldamento:

Pompe calore: fino al 31 dicembre proseguono gli incentivi per raffrescamento e riscaldamento

giugno 6, 2018 Green Economy, Normative

Fino al 31 dicembre 2018 sarà possibile beneficiare della detrazione fiscale del 50% o del 65% sull’Irpef (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche)  per l’installazione di sistemi di riscaldamento o raffrescamento con pompe di calore e caldaie a pellet o gas a condensazione, che rispettino determinati requisiti di efficienza energetica.

Nell’incertezza delle misure legislative future, i prossimi mesi presentano dunque ancora un’ottima occasione per chi dovesse realizzare quelle tipologie di intervento previste dal D.P.R. n. 380 del 2001 (Testo Unico per l’Edilizia), come manutenzione straordinaria, lavori di restauro e risanamento conservativo,  lavori di ristrutturazione edilizia o riqualificazione energetica di singoli appartamenti o di immobili condominiali. I contribuenti impegnati nei lavori potranno infatti far valere in detrazione, nella dichiarazione dei redditi, il 50% o il 65% delle spese sostenute (e regolarmente documentate, secondo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate), e recuperarle in 10 anni, in riaccrediti sul proprio conto corrente bancario o detrazioni di pari importo per ciascun anno d’imposta.

In alternativa alle detrazioni fiscali, un’altra incentivazione è costituita dal cosiddetto “Conto Termico” gestito dal GSE, che per i privati si applica esclusivamente alla produzione di energia termica da fonte rinnovabile e all’efficientamento energetico di impianti esistenti, con un incentivo del 40% accreditato direttamente sul conto corrente.

La convenienza delle due possibili soluzioni di risparmio va valutata caso per caso, a partire dall’entità della spesa che si andrà a sostenere. Per investimenti più limitati (come la sostituzione, per esempio, di uno scaldacqua elettrico con uno a pompa di calore) sarà preferibile ricevere un’unica rata di rimborso nel giro al massimo di due anni – come prevede il Conto Termico. Nel caso invece di interventi più complessi e onerosi l’”Eco Bonus”, sebbene spalmato su dieci anni, consente di recuperare un tetto di spesa ben più ampio e variegato nelle tipologie ammissibili.

Facendo un esempio concreto il paragone è più immediato: se si acquista e si installa uno scaldacqua a pompa di calore, a fronte di una spesa ipotetica di 1.200 euro, con il Conto Termico si può ricevere un incentivo di 400 euro in un’unica rata annuale. Scegliendo invece la detrazione fiscale sull’Irpef,  il rimborso finale complessivo sarà più alto (780 euro, pari al 65% del totale), ma spalmato in rate di accredito di 78 euro all’anno.

Va aggiunto che il Conto Termico finanzia anche, per i privati e le cooperative, il 50% delle spese per la Diagnosi Energetica iniziale e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE). Mentre, sul fronte delle detrazioni, oltre agli impianti di riscaldamento invernale, anche i sistemi di climatizzazione estiva (climatizzatori) più efficienti  possono godere della detrazione del 50%.

Per quanto riguarda le tecnologie che possono accedere con certezza agli incentivi, i sistemi a “pompa di calore” sono tra i più convenienti.  Il processo energetico alla base della pompa di calore consente infatti di produrre fino a 5 kWh di energia termica per ogni kWh di energia elettrica necessario al funzionamento della macchina, grazie all’apporto esterno di aria, acqua o della temperatura del suolo (nel caso degli impianti geotermici). L’energia che si ottiene è, dunque, superiore a quella che si impiega.

Anche le caldaie a condensazione offrono però risparmi importanti (fino al 30% rispetto ad una caldaia tradizionale), grazie ad un’efficienza energetica che può arrivare anche al 98%. In sostanza, mentre nelle tecnologie tradizionali i gas di scarico finiscono direttamente nella canna fumaria, dalla quale vengono dispersi, il meccanismo della condensazione prevede un recupero di questi fumi (in gran parte vapore acqueo), per “estrarne” il calore e inserirlo nuovamente nel processo di riscaldamento.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende