Home » Green Economy »Normative » Pompe calore: fino al 31 dicembre proseguono gli incentivi per raffrescamento e riscaldamento:

Pompe calore: fino al 31 dicembre proseguono gli incentivi per raffrescamento e riscaldamento

giugno 6, 2018 Green Economy, Normative

Fino al 31 dicembre 2018 sarà possibile beneficiare della detrazione fiscale del 50% o del 65% sull’Irpef (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche)  per l’installazione di sistemi di riscaldamento o raffrescamento con pompe di calore e caldaie a pellet o gas a condensazione, che rispettino determinati requisiti di efficienza energetica.

Nell’incertezza delle misure legislative future, i prossimi mesi presentano dunque ancora un’ottima occasione per chi dovesse realizzare quelle tipologie di intervento previste dal D.P.R. n. 380 del 2001 (Testo Unico per l’Edilizia), come manutenzione straordinaria, lavori di restauro e risanamento conservativo,  lavori di ristrutturazione edilizia o riqualificazione energetica di singoli appartamenti o di immobili condominiali. I contribuenti impegnati nei lavori potranno infatti far valere in detrazione, nella dichiarazione dei redditi, il 50% o il 65% delle spese sostenute (e regolarmente documentate, secondo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate), e recuperarle in 10 anni, in riaccrediti sul proprio conto corrente bancario o detrazioni di pari importo per ciascun anno d’imposta.

In alternativa alle detrazioni fiscali, un’altra incentivazione è costituita dal cosiddetto “Conto Termico” gestito dal GSE, che per i privati si applica esclusivamente alla produzione di energia termica da fonte rinnovabile e all’efficientamento energetico di impianti esistenti, con un incentivo del 40% accreditato direttamente sul conto corrente.

La convenienza delle due possibili soluzioni di risparmio va valutata caso per caso, a partire dall’entità della spesa che si andrà a sostenere. Per investimenti più limitati (come la sostituzione, per esempio, di uno scaldacqua elettrico con uno a pompa di calore) sarà preferibile ricevere un’unica rata di rimborso nel giro al massimo di due anni – come prevede il Conto Termico. Nel caso invece di interventi più complessi e onerosi l’”Eco Bonus”, sebbene spalmato su dieci anni, consente di recuperare un tetto di spesa ben più ampio e variegato nelle tipologie ammissibili.

Facendo un esempio concreto il paragone è più immediato: se si acquista e si installa uno scaldacqua a pompa di calore, a fronte di una spesa ipotetica di 1.200 euro, con il Conto Termico si può ricevere un incentivo di 400 euro in un’unica rata annuale. Scegliendo invece la detrazione fiscale sull’Irpef,  il rimborso finale complessivo sarà più alto (780 euro, pari al 65% del totale), ma spalmato in rate di accredito di 78 euro all’anno.

Va aggiunto che il Conto Termico finanzia anche, per i privati e le cooperative, il 50% delle spese per la Diagnosi Energetica iniziale e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE). Mentre, sul fronte delle detrazioni, oltre agli impianti di riscaldamento invernale, anche i sistemi di climatizzazione estiva (climatizzatori) più efficienti  possono godere della detrazione del 50%.

Per quanto riguarda le tecnologie che possono accedere con certezza agli incentivi, i sistemi a “pompa di calore” sono tra i più convenienti.  Il processo energetico alla base della pompa di calore consente infatti di produrre fino a 5 kWh di energia termica per ogni kWh di energia elettrica necessario al funzionamento della macchina, grazie all’apporto esterno di aria, acqua o della temperatura del suolo (nel caso degli impianti geotermici). L’energia che si ottiene è, dunque, superiore a quella che si impiega.

Anche le caldaie a condensazione offrono però risparmi importanti (fino al 30% rispetto ad una caldaia tradizionale), grazie ad un’efficienza energetica che può arrivare anche al 98%. In sostanza, mentre nelle tecnologie tradizionali i gas di scarico finiscono direttamente nella canna fumaria, dalla quale vengono dispersi, il meccanismo della condensazione prevede un recupero di questi fumi (in gran parte vapore acqueo), per “estrarne” il calore e inserirlo nuovamente nel processo di riscaldamento.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende