Home » Normative »Rassegna Stampa » Pm10: l’Italia deferita alla Corte di Giustizia UE:

Pm10: l’Italia deferita alla Corte di Giustizia UE

novembre 30, 2010 Normative, Rassegna Stampa

Courtesy of Joris Besseling, Flickr.comLa Commissione europea ha deciso di deferire l’Italia davanti alla Corte di Giustizia UE per il mancato rispetto delle norme comunitarie sulle polveri sottili. Per Bruxelles, infatti, l’Italia, insieme a Spagna, Portogallo e Cipro, “non ha finora affrontato in modo efficace il problema delle emissioni eccessive di Pm10“.

La Direttiva Europea sulla qualità dell’aria (la 2008/50/Ce) impone agli Stati membri di limitare l’esposizione dei cittadini al Pm10, mantenendo la concentrazione al di sotto di determinati valori limite, sia annui (40 microgrammi per metro cubo) che quotidiani (50 microgrammi per metro cubo). Quest’ultimo limite non dovrebbe essere superato più di 35 volte in un anno.

Gli Stati membri potevano chiedere una deroga fino al giugno 2011 dall’obbligo di rispettare questi limiti, in vigore dal 2005, ma solo a condizione di aver adottato misure per rispettare la normativa, entro la scadenza della proroga, e aver predisposto un piano per la qualità dell’aria che preveda le misure di abbattimento. L’Italia e gli altri paesi sotto accusa hanno chiesto la deroga ma non hanno rispettato queste condizioni, afferma la Commissione.

Provocate dalle emissioni industriali, dal traffico e dai riscaldamenti domestici, le Pm10 possono causare asma, problemi cardiovascolari cancro ai polmoni e morti premature. Il Commissario europeo all’Ambiente Janez Potocnik, nel maggio scorso, aveva ricordato come l’inquinamento atmosferico continui a causare “ogni anno più di 350 mila morti premature in Europa. E in Italia – aggiungeva – sono ancora troppi i luoghi dove, per ogni 10 mila abitanti, più di 15 persone muoiono prematuramente solo a causa delle particelle sottili”.

Secondo Legambiente “il Governo italiano si è ben guardato dall’agire con un piano nazionale di interventi concreti mirati al miglioramento della viabilità generale e del trasporto pubblico in particolare”. “Ora pagheremo due volte. Con i nostri polmoni e con il nostro portafoglio”, ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza. “La multa europea sarà, infatti, ben superiore al risparmio previsto dai tagli indiscriminati all’ambiente e alle politiche di disinquinamento e ci toccherà pagare con le nostre tasche”.

Ma la qualità dell’aria non è l’unica questione ambientale che vede l’Italia sul banco degli imputati. La Commissione Europea ha deciso un ricorso alla Corte di Giustizia anche per quanto riguarda il mancato rispetto delle normative sul trattamento delle acque reflue provenienti da vari comuni della provincia di Varese e sversate nel bacino del fiume Olona. La normativa prevede che, per gli agglomerati con più di 10.000 abitanti, le acque debbano essere raccolte e trattate prima dello scarico: quest’obbligo avrebbe dovuto essere rispettato entro il 31 dicembre 1998. La Corte Europea di Giustizia, nella sua sentenza del novembre 2006, aveva stabilito che l’Italia non aveva rispettato queste norme e le autorità del nostro paese si erano impegnate a adeguarsi agli standard comunitari entro la fine del 2008. Così non è stato, e a quattro anni di distanza dalla sentenza non è ancora stato precisato quando l’Italia si metterà in regola e, in caso di un seconda condanna, rischia pesanti sanzioni pecuniarie giornaliere, proporzionali alla durata dello stato di inadempienza.

Una terza procedura d’infrazione, anche se a uno stadio meno avanzato, riguarda infine la Direttiva Europea sul rendimento energetico degli edifici, le informazioni sugli immobili che i cittadini acquistano o affittano. In questo caso si tratta di un “parere motivato”: Bruxelles minaccia il ricorso in Corte Ue se l’Italia non adotterà, entro due mesi, una normativa conforme alle esigenze della direttiva in materia di rilascio degli attestati di rendimento energetico degli edifici, e che includa anche l’obbligo di ispezioni periodiche degli impianti di condizionamento d’aria per valutarne il rendimento.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende