Home » Bollettino Europa »Normative »Rubriche » Rifiuti radioattivi: la direttiva che responsabilizza l’Unione Europea:

Rifiuti radioattivi: la direttiva che responsabilizza l’Unione Europea

Dopo l’incidente di Fukushima l’azione dell’Unione Europea per rendere sempre più sicuro il territorio dell’Europa da disastri legati al nucleare, continua a ritmi serrati. Il Consiglio Europeo ha adottato infatti, lo scorso 19 luglio, la direttiva relativa alla gestione dei combustibili utilizzati negli impianti nucleari e dei rifiuti radioattivi.

Il Commissario alla Direzione Generale Energia, Günther Oettinger, ha dichiarato che l’adozione della direttiva “rappresenta un importante passo per la sicurezza dai rischi legati al nucleare nell’Unione Europea”, aggiungendo che “dopo anni di inattività e inazione, l’UE si appresta ad affrontare per la prima volta i problemi relativi alla gestione e allo stoccaggio definitivo dei rifiuti radioattivi”. Questa direttiva inoltre, fa dell’UE “la regione al mondo maggiormente avanzata in campo di gestione dei rifiuti tossici e radioattivi”. Dalla dichiarazione del commissario Oettinger si evince l’importanza della direttiva stessa, che era stata già proposta nel novembre 2010 dalla Commissione Europea.

Per quanto riguarda gli aspetti puramente giuridici, la direttiva entrerà in vigore dal ventesimo giorno rispetto alla sua pubblicazione sul Giornale Ufficiale; gli stati membri avranno, dunque, due anni di tempo per trasformare la direttiva UE in legge nazionale. Da settembre 2011, poi, i singoli Paesi europei avranno tempo fino al 2015 per presentare i loro primi programmi nazionali in cui dovranno indicare quando, dove e in che modo gestiranno i depositi di stoccaggio finalizzati ad assicurare alti standard di salvaguardia. Nello specifico, questi programmi dovranno includere un piano caratterizzato da un calendario con le scadenza per la costruzione degli impianti, così come una descrizione delle attività necessarie per l’implementazione dei dispositivi di stoccaggio, e una previsione dei costi e del piano finanziario. Tutti i programmi saranno analizzati dalla Commissione Europea, che indicherà, a sua volta, eventuali modifiche, se necessarie.

In relazione ai contenuti, è necessario, prima di tutto, stabilire che tutti gli stati membri dell’UE producono rifiuti radioattivi, i quali sono generati non solo dalla produzione di energia elettrica da fonte nucleare, ma da una serie di attività quali la produzione industriale e agricola, quella ospitaliera nonché dalla ricerca.

La direttiva copre tutti i settori riguardanti la gestione dei rifiuti radioattivi, con la costruzione di centri di stoccaggio definitivo, provenienti da attività civili, e assicura che gli stati membri provvedano, in ambito nazionale, a garantire un elevato livello di salvaguardia e protezione dei lavoratori e dei cittadini in generale, contro i danni provenienti dalle radiazioni ionizzanti. Gli standard a cui ci si riferisce sono quelli stabiliti dall’Agenzia Internazionale sull’Energia Atomica (AIEA). A questo fine, gli stati membri dovranno stabilire e mantenere un framework nazionale che garantisca un programma in grado non solamente di gestire i rifiuti, ma anche di controllare e ispezionare, di rafforzare le azioni punitive come la sospensione delle attività,  di ripartire le responsabilità, di informare l’opinione pubblica e di stanziare i finanziamenti. Per contro, ogni Paese EU potrà stabilire un’autorità normativa che assicuri comunque la propria indipendenza e responsabilità. Tutte le informazioni dovranno comunque essere disponibili e consultabili dai cittadini e dai lavoratori del settore, i quali avranno anche l’opportunità di partecipare ai processi decisionali.

L’esportazione dei rifiuti in Paesi terzi sarà strettamente legata ad alcune condizioni: i Paesi fuori dall’UE dovranno avere dei depositi di stoccaggio operativi, nel momento in cui i rifiuti verranno trasferiti. I depositi per i rifiuti altamente radioattivi dovranno essere depositi geologici molto profondi. Ma allo stato attuale dei fatti, questo tipo di depositi non esiste in alcuna parte del mondo, né ci sono dei progetti per una costruzione in Paesi terzi dall’Europa, tanto che la progettazione e la costruzione di un deposito di stoccaggio a norma prevede, oggi, un lasso di tempo minimo di quarant’anni. Ad ogni modo, nonostante la Commissione abbia, di fatto, bandito completamente la possibilità di esportare rifiuti radioattivi fuori dal territorio europeo e il Parlamento abbia votato a favore di questa scelta (durante la sessione plenaria dello scorso 23 giugno), la decisione finale spetta solamente al Consiglio.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende