Home » Bollettino Europa »Internazionali »Normative »Politiche »Rubriche » Sabbie bituminose e settore estrattivo: UE in trincea contro lobby sfrenate:

Sabbie bituminose e settore estrattivo: UE in trincea contro lobby sfrenate

Con tutte le azioni di lobby contrarie alla proposta ho temuto che gli esperti degli Stati membri del Comitato l’avrebbero rigettata del tutto; ora passerà ai Ministri e spero che i governi si rendano conto che i carburanti non convenzionali devono essere, ovviamente, considerati per le elevate emissioni, attraverso valori separati”. Questa la dichiarazione preoccupata del Commissario UE al Clima, Connie Hedegaard, a seguito della votazione sulla direttiva che propone nuove regole europee sul petrolio estratto dalle sabbie bituminose, considerato più inquinante del greggio. Un esito, in realtà, ancora incerto, dal momento che il Comitato tecnico che riunisce Commissione europea, Europarlamento e Consiglio non ha raggiunto la maggioranza qualificata di 255 voti per decidere sulla proposta, nè a favore nè contro.

L’Italia ha votato contro la nuova direttiva, insieme a Spagna, Polonia, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia, Lituania (128 voti); a favore si sono espressi invece Austria, Grecia, Romania, Slovenia, Svezia, Finlandia, Lussemburgo, Malta, Lettonia, Danimarca, Irlanda e Slovacchia (89 voti). Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Portogallo e Cipro (128 voti) si sono astenuti. La proposta passa ora dal vaglio del comitato tecnico al Consiglio UE, dove sarà votata dai Ministri dell’Ambiente, probabilmente a giugno. Secondo le regole della cosiddetta “comitologia”, applicate in questo caso, se neanche in Consiglio si dovesse raggiungere la maggioranza qualificata – favorevole o contraria – la proposta potrà essere adottata direttamente dalla Commissione.

Nello specifico, la nuova normativa mira ad assegnare alle sabbie bituminose un’intensità di carbonio di 107 grammi per megajoule di carburante, contro gli 87,5 grammi attribuiti ai carburanti fossili convenzionali. Questa diversità di trattamento (applicata anche al gas scisto) deriva dalla considerazione che l’estrazione e la raffinazione di carburante dalle sabbie bituminose causa il 23% di emissioni di CO2 in più rispetto agli altri combustibili fossili, per via del maggiore dispendio di energia necessario al processo.

La conseguenza di questa differenziazione, temono il Canada e le lobby petrolifere interessate, sarà che nei prossimi anni il mercato europeo preferirà gli altri tipi di carburante fossile, dal momento che le norme dell’Unione Europea contro il cambiamento climatico impongono ai produttori e distributori di realizzare una riduzione del 6% delle emissioni di carbonio di tutti i carburanti entro il 2020, rispetto al 2010. Proprio per questo motivo, nelle scorse settimane il Canada, che con il pieno sfruttamento delle sue sabbie bituminose in Alberta (170 miliardi di barili) sarebbe potenzialmente il terzo produttore di petrolio mondiale dietro all’Arabia Saudita e al Venezuela, ha scatenato contro la proposta della Commissione una fortissima azione di lobbying sull’UE e sugli Stati membri. Per Ottawa, si tratta, in realtà, di un tentativo di Bruxelles di discriminare commercialmente – e in definitiva mettere al bando – le importazioni del carburante carburante canadese estratto dalle sabbie bituminose. “Esattamente come quanto concordato dagli Stati membri per i biocarburanti, la nostra proposta non è discriminatoria ed è basata su considerazioni scientifiche”, risponde la Hedegaard. L’UE, ha spiegato il portavoce del Commissario, Valero Ladron, nel tentativo di placare gli animi, ha avuto, in ogni caso, “un dialogo continuo e costruttivo con le autorità canadesi”. “Non si tratta di un bando alle importazioni – ha aggiunto Ladron – ma inviamo un messaggio ai produttori di carburanti fossili per il futuro”. Un futuro verso il quale l’Italia, con il suo voto contrario, non ha sicuramente dimostrato una forte sensibilità.

Meglio invece sul fronte della nuova normativa europea che prevede la revisione delle regole contabili nell’industria estrattiva, proposta dalla Commissione Europea e discussa durante il Consiglio Competitività dell’UE lo scorso 20 febbraio. La normativa imporrà alle grandi imprese e alle società pubbliche dei Paesi membri dell’Unione attive nell’industria estrattiva e operanti in tutto il mondo di rendere conto in piena trasparenza dei loro pagamenti ai governi dei Paesi in cui avvengono le trivellazioni e lo sfruttamento delle miniere e delle foreste primarie.

“La proposta dell’UE è più esigente della legislazione Usa, l’unica oggi esistente al mondo, perché copre anche le società non quotate in borsa e l’estrazione del legname dalle foreste primarie, non comprese nel campo d’applicazione della normativa americana”, ha sottolineato il Ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi, a nome dell’Italia che, questa volta, ha appoggiato la proposta. La normativa, oltre a rappresentare un importante passo in avanti nella lotta alla corruzione, avrà dei riscontri positivi anche nel settore della protezione dell’ambiente: risulterà infatti molto più difficile cercare di corrompere le amministrazioni locali dei Paesi del Terzo Mondo per lo sfruttamento inadeguato ed eccessivo delle risorse naturali, come le foreste primarie.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende