Home » Bollettino Europa »Internazionali »Normative »Politiche »Rubriche » Sabbie bituminose e settore estrattivo: UE in trincea contro lobby sfrenate:

Sabbie bituminose e settore estrattivo: UE in trincea contro lobby sfrenate

Con tutte le azioni di lobby contrarie alla proposta ho temuto che gli esperti degli Stati membri del Comitato l’avrebbero rigettata del tutto; ora passerà ai Ministri e spero che i governi si rendano conto che i carburanti non convenzionali devono essere, ovviamente, considerati per le elevate emissioni, attraverso valori separati”. Questa la dichiarazione preoccupata del Commissario UE al Clima, Connie Hedegaard, a seguito della votazione sulla direttiva che propone nuove regole europee sul petrolio estratto dalle sabbie bituminose, considerato più inquinante del greggio. Un esito, in realtà, ancora incerto, dal momento che il Comitato tecnico che riunisce Commissione europea, Europarlamento e Consiglio non ha raggiunto la maggioranza qualificata di 255 voti per decidere sulla proposta, nè a favore nè contro.

L’Italia ha votato contro la nuova direttiva, insieme a Spagna, Polonia, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia, Lituania (128 voti); a favore si sono espressi invece Austria, Grecia, Romania, Slovenia, Svezia, Finlandia, Lussemburgo, Malta, Lettonia, Danimarca, Irlanda e Slovacchia (89 voti). Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Portogallo e Cipro (128 voti) si sono astenuti. La proposta passa ora dal vaglio del comitato tecnico al Consiglio UE, dove sarà votata dai Ministri dell’Ambiente, probabilmente a giugno. Secondo le regole della cosiddetta “comitologia”, applicate in questo caso, se neanche in Consiglio si dovesse raggiungere la maggioranza qualificata – favorevole o contraria – la proposta potrà essere adottata direttamente dalla Commissione.

Nello specifico, la nuova normativa mira ad assegnare alle sabbie bituminose un’intensità di carbonio di 107 grammi per megajoule di carburante, contro gli 87,5 grammi attribuiti ai carburanti fossili convenzionali. Questa diversità di trattamento (applicata anche al gas scisto) deriva dalla considerazione che l’estrazione e la raffinazione di carburante dalle sabbie bituminose causa il 23% di emissioni di CO2 in più rispetto agli altri combustibili fossili, per via del maggiore dispendio di energia necessario al processo.

La conseguenza di questa differenziazione, temono il Canada e le lobby petrolifere interessate, sarà che nei prossimi anni il mercato europeo preferirà gli altri tipi di carburante fossile, dal momento che le norme dell’Unione Europea contro il cambiamento climatico impongono ai produttori e distributori di realizzare una riduzione del 6% delle emissioni di carbonio di tutti i carburanti entro il 2020, rispetto al 2010. Proprio per questo motivo, nelle scorse settimane il Canada, che con il pieno sfruttamento delle sue sabbie bituminose in Alberta (170 miliardi di barili) sarebbe potenzialmente il terzo produttore di petrolio mondiale dietro all’Arabia Saudita e al Venezuela, ha scatenato contro la proposta della Commissione una fortissima azione di lobbying sull’UE e sugli Stati membri. Per Ottawa, si tratta, in realtà, di un tentativo di Bruxelles di discriminare commercialmente – e in definitiva mettere al bando – le importazioni del carburante carburante canadese estratto dalle sabbie bituminose. “Esattamente come quanto concordato dagli Stati membri per i biocarburanti, la nostra proposta non è discriminatoria ed è basata su considerazioni scientifiche”, risponde la Hedegaard. L’UE, ha spiegato il portavoce del Commissario, Valero Ladron, nel tentativo di placare gli animi, ha avuto, in ogni caso, “un dialogo continuo e costruttivo con le autorità canadesi”. “Non si tratta di un bando alle importazioni – ha aggiunto Ladron – ma inviamo un messaggio ai produttori di carburanti fossili per il futuro”. Un futuro verso il quale l’Italia, con il suo voto contrario, non ha sicuramente dimostrato una forte sensibilità.

Meglio invece sul fronte della nuova normativa europea che prevede la revisione delle regole contabili nell’industria estrattiva, proposta dalla Commissione Europea e discussa durante il Consiglio Competitività dell’UE lo scorso 20 febbraio. La normativa imporrà alle grandi imprese e alle società pubbliche dei Paesi membri dell’Unione attive nell’industria estrattiva e operanti in tutto il mondo di rendere conto in piena trasparenza dei loro pagamenti ai governi dei Paesi in cui avvengono le trivellazioni e lo sfruttamento delle miniere e delle foreste primarie.

“La proposta dell’UE è più esigente della legislazione Usa, l’unica oggi esistente al mondo, perché copre anche le società non quotate in borsa e l’estrazione del legname dalle foreste primarie, non comprese nel campo d’applicazione della normativa americana”, ha sottolineato il Ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi, a nome dell’Italia che, questa volta, ha appoggiato la proposta. La normativa, oltre a rappresentare un importante passo in avanti nella lotta alla corruzione, avrà dei riscontri positivi anche nel settore della protezione dell’ambiente: risulterà infatti molto più difficile cercare di corrompere le amministrazioni locali dei Paesi del Terzo Mondo per lo sfruttamento inadeguato ed eccessivo delle risorse naturali, come le foreste primarie.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende