Home » Bollettino Europa »Internazionali »Normative »Politiche »Rubriche » Sabbie bituminose e settore estrattivo: UE in trincea contro lobby sfrenate:

Sabbie bituminose e settore estrattivo: UE in trincea contro lobby sfrenate

Con tutte le azioni di lobby contrarie alla proposta ho temuto che gli esperti degli Stati membri del Comitato l’avrebbero rigettata del tutto; ora passerà ai Ministri e spero che i governi si rendano conto che i carburanti non convenzionali devono essere, ovviamente, considerati per le elevate emissioni, attraverso valori separati”. Questa la dichiarazione preoccupata del Commissario UE al Clima, Connie Hedegaard, a seguito della votazione sulla direttiva che propone nuove regole europee sul petrolio estratto dalle sabbie bituminose, considerato più inquinante del greggio. Un esito, in realtà, ancora incerto, dal momento che il Comitato tecnico che riunisce Commissione europea, Europarlamento e Consiglio non ha raggiunto la maggioranza qualificata di 255 voti per decidere sulla proposta, nè a favore nè contro.

L’Italia ha votato contro la nuova direttiva, insieme a Spagna, Polonia, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia, Lituania (128 voti); a favore si sono espressi invece Austria, Grecia, Romania, Slovenia, Svezia, Finlandia, Lussemburgo, Malta, Lettonia, Danimarca, Irlanda e Slovacchia (89 voti). Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Portogallo e Cipro (128 voti) si sono astenuti. La proposta passa ora dal vaglio del comitato tecnico al Consiglio UE, dove sarà votata dai Ministri dell’Ambiente, probabilmente a giugno. Secondo le regole della cosiddetta “comitologia”, applicate in questo caso, se neanche in Consiglio si dovesse raggiungere la maggioranza qualificata – favorevole o contraria – la proposta potrà essere adottata direttamente dalla Commissione.

Nello specifico, la nuova normativa mira ad assegnare alle sabbie bituminose un’intensità di carbonio di 107 grammi per megajoule di carburante, contro gli 87,5 grammi attribuiti ai carburanti fossili convenzionali. Questa diversità di trattamento (applicata anche al gas scisto) deriva dalla considerazione che l’estrazione e la raffinazione di carburante dalle sabbie bituminose causa il 23% di emissioni di CO2 in più rispetto agli altri combustibili fossili, per via del maggiore dispendio di energia necessario al processo.

La conseguenza di questa differenziazione, temono il Canada e le lobby petrolifere interessate, sarà che nei prossimi anni il mercato europeo preferirà gli altri tipi di carburante fossile, dal momento che le norme dell’Unione Europea contro il cambiamento climatico impongono ai produttori e distributori di realizzare una riduzione del 6% delle emissioni di carbonio di tutti i carburanti entro il 2020, rispetto al 2010. Proprio per questo motivo, nelle scorse settimane il Canada, che con il pieno sfruttamento delle sue sabbie bituminose in Alberta (170 miliardi di barili) sarebbe potenzialmente il terzo produttore di petrolio mondiale dietro all’Arabia Saudita e al Venezuela, ha scatenato contro la proposta della Commissione una fortissima azione di lobbying sull’UE e sugli Stati membri. Per Ottawa, si tratta, in realtà, di un tentativo di Bruxelles di discriminare commercialmente – e in definitiva mettere al bando – le importazioni del carburante carburante canadese estratto dalle sabbie bituminose. “Esattamente come quanto concordato dagli Stati membri per i biocarburanti, la nostra proposta non è discriminatoria ed è basata su considerazioni scientifiche”, risponde la Hedegaard. L’UE, ha spiegato il portavoce del Commissario, Valero Ladron, nel tentativo di placare gli animi, ha avuto, in ogni caso, “un dialogo continuo e costruttivo con le autorità canadesi”. “Non si tratta di un bando alle importazioni – ha aggiunto Ladron – ma inviamo un messaggio ai produttori di carburanti fossili per il futuro”. Un futuro verso il quale l’Italia, con il suo voto contrario, non ha sicuramente dimostrato una forte sensibilità.

Meglio invece sul fronte della nuova normativa europea che prevede la revisione delle regole contabili nell’industria estrattiva, proposta dalla Commissione Europea e discussa durante il Consiglio Competitività dell’UE lo scorso 20 febbraio. La normativa imporrà alle grandi imprese e alle società pubbliche dei Paesi membri dell’Unione attive nell’industria estrattiva e operanti in tutto il mondo di rendere conto in piena trasparenza dei loro pagamenti ai governi dei Paesi in cui avvengono le trivellazioni e lo sfruttamento delle miniere e delle foreste primarie.

“La proposta dell’UE è più esigente della legislazione Usa, l’unica oggi esistente al mondo, perché copre anche le società non quotate in borsa e l’estrazione del legname dalle foreste primarie, non comprese nel campo d’applicazione della normativa americana”, ha sottolineato il Ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi, a nome dell’Italia che, questa volta, ha appoggiato la proposta. La normativa, oltre a rappresentare un importante passo in avanti nella lotta alla corruzione, avrà dei riscontri positivi anche nel settore della protezione dell’ambiente: risulterà infatti molto più difficile cercare di corrompere le amministrazioni locali dei Paesi del Terzo Mondo per lo sfruttamento inadeguato ed eccessivo delle risorse naturali, come le foreste primarie.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende