Home » Normative »Rassegna Stampa » Sottoprodotto sarà lei!:

Sottoprodotto sarà lei!

novembre 26, 2010 Normative, Rassegna Stampa

Sottoprodotti di origine agricola, Courtesy of Fiper.itAlla vigilia della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (che si chiude domenica) e in un periodo fortemente caratterizzato dal ”nuovo” problema rifiuti a Napoli e in Campania, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo con cui l’Italia, tra i primi Paesi in Europa, recepisce il contenuto della Direttiva Europea sui Rifiuti.

Una riposta alle critiche che, pochi giorni addietro, erano arrivati proprio dalla Commissione Europea per la gestione dei rifiuti napoletani? Può darsi, ma non è questo il punto.  

Ciò che conta è che la Direttiva Europea appena recepita dovrebbe rivoluzionare il settore: con le nuove regole in discarica finiranno infatti meno rifiuti. Entro il 2015 per tutti i comuni sarà obbligatorio fare la raccolta differenziata, almeno di carta, vetro, plastica e metalli. Entro il 2020, poi, dovrà essere riciclato almeno il 50% di carta, vetro, plastica e metalli provenienti da nuclei domestici. Si aprono prospettive, così, per attività di recupero, selezione, trattamento e rigenerazione dei rifiuti, che potrebbero contribuire all’innovazione tecnologica e a creare nuovi “green jobs”.

Grazie alla nuove normativa di emanazione europea, viene inoltre ridefinita la nozione stessa di “sottoprodotto” - non più mero rifiuto da conferire in discarica, come nella precedente normativa nazionale, ma risorsa, da avviare al riutilizzo (senza necessità di pretrattamento), piuttosto che alla valorizzazione energetica. La direttiva stabilisce, ad esempio, quando un derivato dai rifiuti non debba più essere considerato tale, ma combustibile (CDR) o materia prima secondaria, ovvero il materiale di base di un nuovo processo.

Nel settore agricolo questo signfica aprire la strada ad un maggiore utilizzo di scarti quali, ad esempio, vinacce e altri sottoprodotti, già oggi usati come ammendanti, cioè prodotti naturali per riequilibrare e “nutrire”  i terreni. I sottoprodotti potranno ora avere nuove funzioni, liberare spazio nelle discariche ed entrare in nuovi processi produttivi.

L’intento della normativa è cambiare la concezione stessa di rifiuto, ridefinendo la scala gerarchica: al primo posto il riutilizzo, quindi il riciclo, il recupero (anche energetico) e, solo da ultimo, lo smaltimento.

Con l’approvazione di queste norme l’Italia volta pagina”, ha dichiarato il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, dopo l’approvazione del decreto. “Si supera – ha continuato il ministro – la fase “artigianale” in cui i rifiuti sono concepiti come un problema, per arrivare ad una gestione integrale, organica ed industriale dei rifiuti, intesi come risorsa. L’industrializzazione del settore costituisce, infatti,  una garanzia per il rispetto della normativa ambientale ma permette anche il rafforzamento occupazionale e la competitività internazionale del settore, la creazione di un’economia verde di scala e la possibilità di un trasferimento di tecnologia verso quei Paesi che necessitano di moderne tecnologie per la gestione dei rifiuti”. “L’attuazione della nuova direttiva – ha concluso la Prestigiacomo - valorizzando il rifiuto sia come materia riciclabile che come risorsa energetica, determinerà una diminuzione dei costi dello smaltimento per i cittadini perché i rifiuti troveranno una effettiva collocazione in una filiera produttiva che li utilizzi per la produzione di materia prima secondaria o come fonte di energia rinnovabile”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende