Home » Nazionali »Normative »Politiche »Rassegna Stampa » Una verità chiara come il sole: meno di due euro al mese:

Una verità chiara come il sole: meno di due euro al mese

Courtesy of dieta.pourfemme.itMeno di due euro al mese, un caffè e un cornetto. Gli incentivi per il fotovoltaico costeranno ogni mese alle famiglie italiane, da qui al 2020, quanto una colazione al bar. Quegli incentivi, pari a 34 miliardi di euro, frutteranno 30 miliardi di investimenti in parchi fotovoltaici e, di conseguenza, una ricchezza per il Paese di 110 miliardi, che ritorneranno in parte allo stato sotto forma di entrate fiscali per 50 miliardi. Saranno creati 210.000 nuovi posti di lavoro e si ridurranno le emissioni di Co2 del 5%.

Sono alcuni dei chiarissimi dati contenuti nel dossier “Verità solare: i numeri del fotovoltaico in Italia”, elaborato da Asso Energie Future, un’associazione che raccoglie gli operatori delle energie rinnovabili, e presentato ieri al Senato in collaborazione con Grid Pariety Project, altra associazione che si occupa di misurare periodicamente la competitività degli impianti.

Scopo dello studio, spiega il presidente di Asso EF Massimo Sapienza, è quello di fare chiarezza su aspetti di solito poco chiari e diffondere dati corretti. I Megawatt di pannelli fotovoltaici installati in Italia e che saranno allacciati alla rete elettrica entro giugno 2011, per esempio, non  sarebbero 7.000 come affermato dal Gse, ma 4.700. Una stima che, secondo Sapienza, «è confermata da ricerche indipendenti di Credit Suisse, Morgan Stanley, Jefferies e Assosolare». Per raggiungere la quota prevista dal Gse bisognerebbe infatti supporre, sottolinea Sapienza, che quasi tutte le richieste già presentate per ottenere gli incentivi 2010 si trasformino in impianti operativi al 30 giugno 2011.

Cosa è successo, allora? «Una parte delle richieste di incentivi è stata probabilmente avanzata da chi non aveva il diritto di farlo. Inoltre, la confusione è stata massima, soprattutto negli ultimi giorni: ci sono domande che sono arrivate e sono state registrate numerose volte. Anche il Gse sta rivedendo le stime, ma intanto il danno è fatto».

C’è poi la questione, molto dibattuta, delle speculazioni. Ma in realtà, secondo Asso EF, lo sviluppo del solare è in mano alle famiglie e non alla grande industria, e dunque l’incentivazione del fotovoltaico significherà promuovere la produzione di energia diffusa. «I dati presentati da Asso EF e GPP dicono che il residenziale, cioè i pannelli sulle nostre case installati per iniziativa di cittadini, pesa per circa il 34 per cento con 1.566 Mw stimati su un totale di 4.700. Il settore intermedio dei privati che hanno investito su terreni o capannoni di proprietà (impianti tra 51 Kw e 600 Kw per un investimento massimo compreso tra 150.000 euro e 2 milioni di euro) pesa per il 38 per cento con 1.786 Mw. Gli operatori finanziari e industriali pesano per il 28 per cento del totale, con 1.316 Mw», spiega Sapienza.

Il fotovoltaico non è un settore che esporta all’estero la propria ricchezza. In Italia, continua Sapienza, «ci sono 11 società quotate, con una capitalizzazione di circa 9 miliardi di euro. Sono stati creati 15.000 posti di lavoro, lo stesso numero dei dipendenti della Barilla per capirci». Anche sui costi del fotovoltaico Asso EF ci tiene a fare chiarezza: «Sono state diffuse cifra sbagliate, in realtà gli incentivi al solare costeranno 1,70 euro al mese a famiglia, meno di una colazione al bar». E anche gli obiettivi per il 2020 sarebbero da rivedere: «Non limitiamoci al traguardo riduttivo degli 8.000 Mw, possiamo arrivare a 20.000. Basta pensare che la Germania, un paese che non ha certo più sole dell’Italia, si è data come target, per la stessa data, 52.000 Mw e ne ha installati ad oggi 18.000».

Nel dossier di Asso EF sono presenti anche altre proposte per la politica energetica dei prossimi anni: sviluppare una filiera italiana del fotovoltaico, stabilire tempi certi per le autorizzazioni, garantire una tariffa stabile ma decrescente in linea con i miglioramenti tecnologici e tenere fuori la criminalità dal settore. «Una cosa è certa: le rinnovabili vanno difese dalle speculazioni e da chi ne vuole fermare lo sviluppo. In questo periodo è in atto una vera e propria campagna di discredito verso il solare, condotta da chi ha a cuore lo sviluppo del nucleare» ha commentato Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente, presente alla presentazione del dossier.

Nello studio sono contenute infine alcune proposte concrete per il decreto legislativo rinnovabili, in discussione in questi giorni in Parlamento: destinare terreni agricoli marginali a impianti fotovoltaici e salvaguardare i progetti in corso, abbandonare le aste, garantire autorizzazioni semplificate per installazioni sotto il Mw, tempi certi e requisiti di professionalità e serietà per chi decide di investire nel settore.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende