Home » Normative » Wwf: l’urgenza di una legge per la biodiversità:

Wwf: l’urgenza di una legge per la biodiversità

maggio 21, 2010 Normative

Biodiversità, Courtesy of Cercodivolare.comPossibile che con la crisi economica, la discesa dell’euro e l’aumento della disoccupazione ci si debba occupare della pernice bianca, o della gallina prataiola, del capovaccaio o, peggio, di vipere, salamandre e coleotteri? Per non parlare delle stelle marine poi!

Non solo è possibile ma, per il Wwf, è vitale. Non parliamo ‘semplicemente’ di specie in via di estinzione, anche se si tratta di cifre importanti (attualmente, sono a rischio estinzione il 68% dei vertebrati terrestri, il 66% degli uccelli, il 64% dei mammiferi, il 76% degli anfibi, il 69% dei rettili e addirittura l’88% dei pesci d’acqua dolce), ma di un intero e ricchissimo patrimonio, quello italiano, che conta 57.468 specie animali e 12 mila specie floristiche, e che rende il nostro Paese il più ricco di biodiversità in Europa.

“Un vero paradosso – ci spiega Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF Italia – visto che non abbiamo ancora una Legge nazionale che tuteli in maniera organica questo enorme patrimonio: un vuoto che va colmato al più presto”.

Le uniche due leggi infatti che si occupano a vario titolo di biodiversità sono la Legge Quadro sulle Aree protetteLegge 394/91 – e quella che regola l’attività venatoriaLegge 157/92 – (che dovrebbe essere di ‘tutela della fauna’ ma che, purtroppo, è molto sbilanciata ed oggetto di tentativi di modifica ai danni della fauna stessa). Entrambe precedenti la ratifica della Convenzione Internazionale di Rio de Janeiro sulla Biodiversità da parte dell’Italia (nel 1994). “Nessuna legge nazionale poi”, prosegue Pratesi, “che tuteli la fauna cosiddetta minore (invertebrati, rettili e  anfibi: quest’ultimi particolarmente colpiti dai cambiamenti climatici) per non parlare delle piante”. Manca, infine, un riferimento normativo che affronti “il ‘valore’ della biodiversità quale elemento di cui tenere conto in fase di programmazione delle varie attività economiche e produttive” con un approccio precauzionale insomma.

Da qui, l’appello rivolto dal Wwf Italia alla ministra dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo: quello di presentare, entro il 2010 (anno internazionale della biodiversità) una Legge Quadro sulla Biodiversità perché sia approvata nell’arco della XVI legislatura. Naturalmente, dotandola di una serie di risorse adeguate, attraverso l’istituzione di un Fondo per la biodiversità. “Perché”, sottolinea Pratesi, “una legge del genere non costerebbe nulla all’erario ma è ben in grado di portarci ai livelli più evoluti di altri paesi”.

È certo che partiamo da lontano: bisogna ricordare, infatti, che il nostro Paese, all’inizio del 2010, non aveva ancora adottato una propria strategia nazionale per la biodiversità insieme a Cipro, Grecia, Malta e Lussemburgo, su 27 membri europei (di questi, sei sono già alla seconda revisione di questo importante strumento).

Ma, finalmente adottata la Strategia nazionale, ora abbiamo bisogno, secondo il WWF Italia, di una Legge che consenta ad un impianto generale di avere poi le ‘braccia’ operative ed i finanziamenti necessari. Così, mentre ieri, 20 maggio, il Ministero dell’Ambiente ha aperto la Conferenza Nazionale per la Biodiversità, presso l’Università La Sapienza di Roma – che vedrà riuniti il mondo scientifico, politico e culturale ma anche rappresentanti della società civile – il Wwf chiede alla politica di ‘mettere in conto la natura’, perché “la perdita di biodiversità costa sia in termini di sostenibilità  ambientale sia in termini di sostenibilità economica”.

Ma si tratta solo di un ritardo culturale? “Non credo”, conclude Pratesi, “penso che influisca anche una certa cultura cattolica che, conferendo all’uomo un primato sugli altri esseri viventi, abbia determinato una visione retrograda del mondo animale e vegetale. Una sorta di preconcetto panteistico insomma”. Eppure sarebbe così peregrino pensare al bellissimo Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi come a un manifesto (involontario) della biodiversità?

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende