Home » Normative » Wwf: l’urgenza di una legge per la biodiversità:

Wwf: l’urgenza di una legge per la biodiversità

maggio 21, 2010 Normative

Biodiversità, Courtesy of Cercodivolare.comPossibile che con la crisi economica, la discesa dell’euro e l’aumento della disoccupazione ci si debba occupare della pernice bianca, o della gallina prataiola, del capovaccaio o, peggio, di vipere, salamandre e coleotteri? Per non parlare delle stelle marine poi!

Non solo è possibile ma, per il Wwf, è vitale. Non parliamo ‘semplicemente’ di specie in via di estinzione, anche se si tratta di cifre importanti (attualmente, sono a rischio estinzione il 68% dei vertebrati terrestri, il 66% degli uccelli, il 64% dei mammiferi, il 76% degli anfibi, il 69% dei rettili e addirittura l’88% dei pesci d’acqua dolce), ma di un intero e ricchissimo patrimonio, quello italiano, che conta 57.468 specie animali e 12 mila specie floristiche, e che rende il nostro Paese il più ricco di biodiversità in Europa.

“Un vero paradosso – ci spiega Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF Italia – visto che non abbiamo ancora una Legge nazionale che tuteli in maniera organica questo enorme patrimonio: un vuoto che va colmato al più presto”.

Le uniche due leggi infatti che si occupano a vario titolo di biodiversità sono la Legge Quadro sulle Aree protetteLegge 394/91 – e quella che regola l’attività venatoriaLegge 157/92 – (che dovrebbe essere di ‘tutela della fauna’ ma che, purtroppo, è molto sbilanciata ed oggetto di tentativi di modifica ai danni della fauna stessa). Entrambe precedenti la ratifica della Convenzione Internazionale di Rio de Janeiro sulla Biodiversità da parte dell’Italia (nel 1994). “Nessuna legge nazionale poi”, prosegue Pratesi, “che tuteli la fauna cosiddetta minore (invertebrati, rettili e  anfibi: quest’ultimi particolarmente colpiti dai cambiamenti climatici) per non parlare delle piante”. Manca, infine, un riferimento normativo che affronti “il ‘valore’ della biodiversità quale elemento di cui tenere conto in fase di programmazione delle varie attività economiche e produttive” con un approccio precauzionale insomma.

Da qui, l’appello rivolto dal Wwf Italia alla ministra dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo: quello di presentare, entro il 2010 (anno internazionale della biodiversità) una Legge Quadro sulla Biodiversità perché sia approvata nell’arco della XVI legislatura. Naturalmente, dotandola di una serie di risorse adeguate, attraverso l’istituzione di un Fondo per la biodiversità. “Perché”, sottolinea Pratesi, “una legge del genere non costerebbe nulla all’erario ma è ben in grado di portarci ai livelli più evoluti di altri paesi”.

È certo che partiamo da lontano: bisogna ricordare, infatti, che il nostro Paese, all’inizio del 2010, non aveva ancora adottato una propria strategia nazionale per la biodiversità insieme a Cipro, Grecia, Malta e Lussemburgo, su 27 membri europei (di questi, sei sono già alla seconda revisione di questo importante strumento).

Ma, finalmente adottata la Strategia nazionale, ora abbiamo bisogno, secondo il WWF Italia, di una Legge che consenta ad un impianto generale di avere poi le ‘braccia’ operative ed i finanziamenti necessari. Così, mentre ieri, 20 maggio, il Ministero dell’Ambiente ha aperto la Conferenza Nazionale per la Biodiversità, presso l’Università La Sapienza di Roma – che vedrà riuniti il mondo scientifico, politico e culturale ma anche rappresentanti della società civile – il Wwf chiede alla politica di ‘mettere in conto la natura’, perché “la perdita di biodiversità costa sia in termini di sostenibilità  ambientale sia in termini di sostenibilità economica”.

Ma si tratta solo di un ritardo culturale? “Non credo”, conclude Pratesi, “penso che influisca anche una certa cultura cattolica che, conferendo all’uomo un primato sugli altri esseri viventi, abbia determinato una visione retrograda del mondo animale e vegetale. Una sorta di preconcetto panteistico insomma”. Eppure sarebbe così peregrino pensare al bellissimo Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi come a un manifesto (involontario) della biodiversità?

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende