Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » A Siviglia la UE riapre le danze del dopo-Copenhagen:

A Siviglia la UE riapre le danze del dopo-Copenhagen

Si riapriranno domani a Siviglia, capitale dell’Andalusia, Courtesy of Flickrle danze del dopo-Copenhagen con la prima riunione dei Ministri UE responsabili per l’Energia e l’Ambiente sotto la presidenza europea della Spagna, che ha voluto simbolicamente convocare in parallelo le riunioni dei due consigli informali per sottolineare l’ importanza della nuova strategia di sviluppo sostenibile.

L’Italia sarà rappresentata dal Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo e, in sostituzione del ministro Claudio Scajola, dal sottosegretario allo sviluppo economico Stefano Saglia.

Già questa sera è prevista una cena di lavoro dei ministri, che aprirà la sessione formale del meeting. La riunione dei ministri per l’energia sarà prevalentemente dedicata all’esame del Programma d’Azione UE 2010-2014, che dovrà integrare le misure per uno sviluppo durevole, il ricorso alle fonti rinnvoabili e la sicurezza degli approvvigionamenti alla lotta contro il cambiamento climatico, sulla base del Piano Strategico per le Tecnologie Energetiche preparato dalla Commissione di Bruxelles.

I ministri dell’ambiente, come rivelato dal Segretario di Stato spagnolo al Cambiamento Climatico Teresa Ribera, discuteranno invece delle misure da adottare per realizzare i 12 obiettivi fissati a Copenaghen e di questioni di “governance ambientale”.

 

Aggiornamento 18.01.2010:

L’Europa è divisa“. E’ quanto ha affermato, alla conferenza di Siviglia, il Ministro dell’Ambiente italiano Stefania Prestigiacomo, che ha richiamato ad “una seria autocritica“, che consenta di raggiungere “un accordo globale” durante il prossimo summit in Messico di fine 2010. L’Italia oggi non è favorevole a continuare con il metodo di Kyoto, la cui formula del “mettere tutto sopra il tavolo subito e unilateralmente“, si è rivelata, secondo il Ministro, ampiamente fallimentare.

La strategia UE di annunciare, con un anno di anticipo, la riduzione del 20% delle emissioni entro il 2020, ha continuato Prestigiacomo, ”non ha avuto alcun peso a Copenaghen” e ”non è servita per nulla a convincere i grandi Paesi come Usa, Cina e India, che non hanno assunto impegni“.

L’Italia, dunque, “non è d’accordo di assumere impegni vincolanti internazionali unilaterali in pochi” – una “contraddizione interna” dell’Europa che, se non risolta, rischia “di ripetere il fallimento di Copenaghen”. Posizione che rispecchia, per altro, le dichiarazioni rilasciate da Connie Hedegaard, l’ex ministro danese in corsa come Commissario UE al Cambiamento Climatico, nel corso dell’audizione al Parlamento Europeo che ha preceduto l’incontro di Siviglia. 

Il Ministro Prestigiacomo ha poi definito “assolutamente non realistico” un obiettivo del 30% di riduzione UE entro il 2020, proposto da Spagna, Germania, Francia e Gran Bretagna, qualora non sia condiviso anche da Usa o Cina.

Parlando infine del nucleare Il Ministro ha ribadito che “é una energia pulita, sicura” ed è dunque “assurdo che l’Italia ne sia rimasta fuori”. Ora, tuttavia, ha precisato la Prestigiacomo ai cronisti durante una pausa dei lavori, ”l’Italia ha fatto una scelta molto chiara”, decidendo “di investire anche sul nucleare“, sulla base di una valutazione più ampia che tenga conto ”delle esigenze dell’ambiente, del cambiamento climatico ma anche della competitivita’ della propria economia”.

Diversa la posizione dei Paesi sostenitori dell’impegno del 30%, che sottolineano invece l’impatto positivo (a medio termine) che una rivoluzione tecnologica verde più rapida potrebbe produrre sull’economia europea

La presidenza di turno UE in Messico sarà però affidata al ministro belga Paul Magnette, il quale concorda con gli scettici: ”Il fatto che l’Ue riduca al 30% non impressionera’ cinesi o indiani”, anche se, rivelandosi  un esempio buono per l’economia, potrebbe “spingere gli altri a fare di piu”. Intanto pero’, ha precisato, Magnette, l’impegno vincolante UE che sara’ formalizzato a Bruxelles entro il 31 gennaio dagli ambasciatori dei 27 Paesi memebri, ”rimane al 20%”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende