Home » Nazionali »Politiche » A Torino è guerra sul Piano antismog:

A Torino è guerra sul Piano antismog

gennaio 15, 2013 Nazionali, Politiche

Quando l’assessore all’Ambiente del Comune di Torino Enzo Lavolta, armato di buoni propositi, ha pensato a un piano per il blocco delle auto, non si aspettava certo che il provvedimento avrebbe scatenato una vera e propria tempesta politica all’interno della sua maggioranza. Prima le frizioni con il collega titolare dei Trasporti Claudio Lubatti, e poi, trovato un compromesso con lui,  la battaglia a colpi di mozioni ed emendamenti all’interno del Consiglio, che ieri ha bocciato all’unanimità lo stop agli Euro 3 diesel nella Ztl, inserito nel suo provvedimento. Dissapori che oggi approderanno in giunta, dove si deciderà il futuro del Piano antismog.

Ma andiamo con ordine. Visti i dati 2011, in cui si evidenziava, spiega il Comune, “un’inversione di tendenza negativa nel positivo trend che fino al 2010 aveva visto ridursi anno dopo anno le medie annuali di Pm10 e il numero di superamenti nelle cinque centraline di rilevazione: +21% la differenza delle medie annuali, +25% la differenza del numero di superamenti della soglia di 50 microgrammi per metro cubo”, in autunno Lavolta pensa a misure antismog. Il 20 dicembre scorso, con un’ordinanza, si stabiliscono gli orari e i dettagli del blocco. Dal 7 gennaio tutti i veicoli Euro 0 per il trasporto di persone, compresi quelli a GPL e metano, non possono più circolare su tutto il territorio cittadino dalle 8 alle 19. Stesso divieto, ma solo dalle 9 alle 17, per i diesel Euro 1 e per quelli Euro 2 immatricolati da più di dieci anni. Stop dalle 10,30 alle 17, dal lunedì al venerdì, nel perimetro della ZTL, alle auto a benzina precedenti l’Euro 2 e diesel precedenti l’Euro 4, con estensione quindi del divieto alle auto Euro 1 benzina ed Euro 3 diesel. Misura, quest’ultima, che però è “sperimentale, e si concluderà il 30 marzo con successiva valutazione dei risultati sulla qualità dell’aria che servirà a definire le limitazioni da adottarsi in futuro”.

In garage restano, secondo le stime, 150.000 auto, e subito si accendono le polemiche. “Si tratta di motorizzazioni fortemente inquinanti, più inquinanti, almeno secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un diesel Euro 3 emette 803 microgrammi al chilometro contro gli 80 di un benzina Euro 3. Quanto ai Gpl e metano Euro 0, ne emettono oltre 2000. Se vogliamo trasformare Torino da Smog City a Smart City è giusto che tutti facciano la propria parte”, spiega l’assessore, precisando che la maggior parte dei provvedimenti riguardano la Ztl, “un’area molto circoscritta della città, tra l’altro la più servita dai mezzi pubblici e da altre forme di mobilità come il bike sharing”.

Nei giorni successivi, però, le discussioni non si placano, assumendo anzi la forma di una polemica politica più che di merito, resa ancora più incandescente dall’avvicinarsi delle elezioni. La mozione poi approvata all’unanimità in Consiglio comunale, che stralcia lo stop agli Euro 3 diesel nel centro cittadino, è stata infatti presentata da due compagni di partito di Lavolta, Giovanni Ventura e Domenico Mangone, ex assessore all’Ambiente della giunta Chiamparino (che nei giorni scorsi ha trovato anche il tempo di chiedere la restituzione del teschio del brigante Villella, ora esposto al museo Lombroso di Torino, al paese natio in Calabria…).

Ma non tutti, in realtà, vogliono un ammorbidimento del piano antismog. Tre emendamenti firmati da Domenico Carretta, Maria Lucia Centillo (Pd) e Marco Grimaldi (Sel), rispettivamente presidenti delle commissioni Trasporti, Sanità e Ambiente, chiedono addirittura un “superamento” delle disposizioni attuali, con un nuovo provvedimento che allunghi gli orari della Ztl per tutte le categorie di veicoli, vari nuovi pedonalizzazioni e prenda in considerazione l’ampliamento delle strisce blu. “La nostra opposizione è molto semplice: meno di così non si può. Questa ordinanza è stata una mediazione, ma pensiamo che servano scelte più radicali. Come estendere la Ztl a tutti, e congiuntamente aggiungere le pedonalizzazioni, l’ampliamento delle linee blu, l’attuazione del Biciplan. Bisogna fare delle scelte che cambino la qualità della vita e allo stesso tempo il modo di vivere la viabilità. Mi sembra normale cominciare a vietare alcune categorie di diesel nell’area più servita dai mezzi pubblici”, commenta Grimaldi.

E anche fuori dal palazzo c’è una fetta di cittadini che sostiene il Piano firmato da Lavolta, e lo considera, anzi, ancora troppo soft. Ieri, sotto il Comune, hanno manifestato Legambiente e il mondo associazionistico legato ai ciclisti urbani torinesi, che nei giorni scorsi avevano scritto una lettera al sindaco Piero Fassino per chiedergli di dare corso alle promesse fatte in campagna elettorale su “Torino Capitale del muoversi bene e dell’ambiente”. “La limitazione agli Euro 3 diesel è già praticata in altre città della Pianura padana e non ha sollevato questi polveroni, ma anzi, si sta guardando a ben altri provvedimenti, come l’Area C a Milano. Chiediamo al sindaco di seguire il suo programma elettorale, dove stava scritto che avrebbe seguito la via della pedonalizzazione e della chiusura totale del centro storico alle auto. Le beghe di partito non ci interessano, il tempo stringe, lo attendiamo ai fatti”, è l’appello di Federico Vozza, vicepresidente di Legambiente Piemonte.Servono proposte strutturali ed efficaci e non singoli provvedimenti”, aggiunge Fabio Zanchetta, uno degli organizzatori del Bike Pride. “Torino vive di cultura dell’auto da sessant’anni. Ogni volta che si tocca il mondo dell’auto, la discussione si amplia e diventa una polemica sterile e strumentale. A Fassino chiediamo un cambio di approccio: la questione non è lavorare su piccoli provvedimenti, ma intervenire seriamente con efficacia sul modello  di città e sui comportamenti. limitando per esempio l’uso dell’auto privata attraverso incentivi all’utilizzo di altri mezzi, come il trasporto pubblico e la bicicletta”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende