Home » Nazionali »Politiche » A Torino è guerra sul Piano antismog:

A Torino è guerra sul Piano antismog

gennaio 15, 2013 Nazionali, Politiche

Quando l’assessore all’Ambiente del Comune di Torino Enzo Lavolta, armato di buoni propositi, ha pensato a un piano per il blocco delle auto, non si aspettava certo che il provvedimento avrebbe scatenato una vera e propria tempesta politica all’interno della sua maggioranza. Prima le frizioni con il collega titolare dei Trasporti Claudio Lubatti, e poi, trovato un compromesso con lui,  la battaglia a colpi di mozioni ed emendamenti all’interno del Consiglio, che ieri ha bocciato all’unanimità lo stop agli Euro 3 diesel nella Ztl, inserito nel suo provvedimento. Dissapori che oggi approderanno in giunta, dove si deciderà il futuro del Piano antismog.

Ma andiamo con ordine. Visti i dati 2011, in cui si evidenziava, spiega il Comune, “un’inversione di tendenza negativa nel positivo trend che fino al 2010 aveva visto ridursi anno dopo anno le medie annuali di Pm10 e il numero di superamenti nelle cinque centraline di rilevazione: +21% la differenza delle medie annuali, +25% la differenza del numero di superamenti della soglia di 50 microgrammi per metro cubo”, in autunno Lavolta pensa a misure antismog. Il 20 dicembre scorso, con un’ordinanza, si stabiliscono gli orari e i dettagli del blocco. Dal 7 gennaio tutti i veicoli Euro 0 per il trasporto di persone, compresi quelli a GPL e metano, non possono più circolare su tutto il territorio cittadino dalle 8 alle 19. Stesso divieto, ma solo dalle 9 alle 17, per i diesel Euro 1 e per quelli Euro 2 immatricolati da più di dieci anni. Stop dalle 10,30 alle 17, dal lunedì al venerdì, nel perimetro della ZTL, alle auto a benzina precedenti l’Euro 2 e diesel precedenti l’Euro 4, con estensione quindi del divieto alle auto Euro 1 benzina ed Euro 3 diesel. Misura, quest’ultima, che però è “sperimentale, e si concluderà il 30 marzo con successiva valutazione dei risultati sulla qualità dell’aria che servirà a definire le limitazioni da adottarsi in futuro”.

In garage restano, secondo le stime, 150.000 auto, e subito si accendono le polemiche. “Si tratta di motorizzazioni fortemente inquinanti, più inquinanti, almeno secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un diesel Euro 3 emette 803 microgrammi al chilometro contro gli 80 di un benzina Euro 3. Quanto ai Gpl e metano Euro 0, ne emettono oltre 2000. Se vogliamo trasformare Torino da Smog City a Smart City è giusto che tutti facciano la propria parte”, spiega l’assessore, precisando che la maggior parte dei provvedimenti riguardano la Ztl, “un’area molto circoscritta della città, tra l’altro la più servita dai mezzi pubblici e da altre forme di mobilità come il bike sharing”.

Nei giorni successivi, però, le discussioni non si placano, assumendo anzi la forma di una polemica politica più che di merito, resa ancora più incandescente dall’avvicinarsi delle elezioni. La mozione poi approvata all’unanimità in Consiglio comunale, che stralcia lo stop agli Euro 3 diesel nel centro cittadino, è stata infatti presentata da due compagni di partito di Lavolta, Giovanni Ventura e Domenico Mangone, ex assessore all’Ambiente della giunta Chiamparino (che nei giorni scorsi ha trovato anche il tempo di chiedere la restituzione del teschio del brigante Villella, ora esposto al museo Lombroso di Torino, al paese natio in Calabria…).

Ma non tutti, in realtà, vogliono un ammorbidimento del piano antismog. Tre emendamenti firmati da Domenico Carretta, Maria Lucia Centillo (Pd) e Marco Grimaldi (Sel), rispettivamente presidenti delle commissioni Trasporti, Sanità e Ambiente, chiedono addirittura un “superamento” delle disposizioni attuali, con un nuovo provvedimento che allunghi gli orari della Ztl per tutte le categorie di veicoli, vari nuovi pedonalizzazioni e prenda in considerazione l’ampliamento delle strisce blu. “La nostra opposizione è molto semplice: meno di così non si può. Questa ordinanza è stata una mediazione, ma pensiamo che servano scelte più radicali. Come estendere la Ztl a tutti, e congiuntamente aggiungere le pedonalizzazioni, l’ampliamento delle linee blu, l’attuazione del Biciplan. Bisogna fare delle scelte che cambino la qualità della vita e allo stesso tempo il modo di vivere la viabilità. Mi sembra normale cominciare a vietare alcune categorie di diesel nell’area più servita dai mezzi pubblici”, commenta Grimaldi.

E anche fuori dal palazzo c’è una fetta di cittadini che sostiene il Piano firmato da Lavolta, e lo considera, anzi, ancora troppo soft. Ieri, sotto il Comune, hanno manifestato Legambiente e il mondo associazionistico legato ai ciclisti urbani torinesi, che nei giorni scorsi avevano scritto una lettera al sindaco Piero Fassino per chiedergli di dare corso alle promesse fatte in campagna elettorale su “Torino Capitale del muoversi bene e dell’ambiente”. “La limitazione agli Euro 3 diesel è già praticata in altre città della Pianura padana e non ha sollevato questi polveroni, ma anzi, si sta guardando a ben altri provvedimenti, come l’Area C a Milano. Chiediamo al sindaco di seguire il suo programma elettorale, dove stava scritto che avrebbe seguito la via della pedonalizzazione e della chiusura totale del centro storico alle auto. Le beghe di partito non ci interessano, il tempo stringe, lo attendiamo ai fatti”, è l’appello di Federico Vozza, vicepresidente di Legambiente Piemonte.Servono proposte strutturali ed efficaci e non singoli provvedimenti”, aggiunge Fabio Zanchetta, uno degli organizzatori del Bike Pride. “Torino vive di cultura dell’auto da sessant’anni. Ogni volta che si tocca il mondo dell’auto, la discussione si amplia e diventa una polemica sterile e strumentale. A Fassino chiediamo un cambio di approccio: la questione non è lavorare su piccoli provvedimenti, ma intervenire seriamente con efficacia sul modello  di città e sui comportamenti. limitando per esempio l’uso dell’auto privata attraverso incentivi all’utilizzo di altri mezzi, come il trasporto pubblico e la bicicletta”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende