Home » Idee »Internazionali »Nazionali »Politiche » Alexander Langer: la “conversione ecologica” deve partire dai territori:

Alexander Langer: la “conversione ecologica” deve partire dai territori

dicembre 19, 2012 Idee, Internazionali, Nazionali, Politiche

Una “conversione ecologica”, che metta al centro non solo l’evoluzione delle tecnologie per la difesa dell’ambiente, ma anche i cambiamenti sociali e degli stili di vita per andare in contro a “un futuro amico”, che parta dalle economie del territorio incidendo però a livello globale. È questo il modello di futuro che la Fondazione dedicata ad Alexander Langer (1946-95), uno dei fondatori dei Verdi Italiani ed europei – e più in generale del pensiero ecologista – lancerà oggi pomeriggio a Bolzano in un convegno sul dopo Rio+20 e “la desiderabilità di una conversione ecologica”.

Langer stesso, tra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta, nei suoi scritti usava questa espressione di stampo “religioso”. Facendo discendere tutto dalla necessità di un cambio di passo generale nella mentalità delle persone: “Solo una decisa rifondazione culturale e sociale di ciò che in una società o in una comunità si consideri desiderabile” può “davvero causare la conversione di rotta”, scriveva nel 1994 nei Colloqui di Dobbiaco, introducendo uno dei suoi passaggi più noti. “Sinora si è agito all’insegna del motto olimpico citius, altius, fortius (più veloce, più alto, più forte), che meglio di ogni altra sintesi rappresenta la quintessenza dello spirito della nostra civiltà, dove l’agonismo e la competizione non sono la nobilitazione sportiva di occasioni di festa, bensì la norma quotidiana e onnipervadente. Se non si radica una concezione alternativa, che potremmo forse sintetizzare, al contrario, in lentius, profundius, suavius (più lento, più profondo, più dolce), e se non si cerca in quella prospettiva il nuovo benessere, nessun singolo provvedimento, per quanto razionale, sarà al riparo dall’essere ostinatamente osteggiato, eluso o semplicemente disatteso”. La conversione ecologica, insomma, sintetizzava Langer, “potrà affermarsi soltanto se apparirà socialmente desiderabile”.

Ma se è necessario partire dalle persone, non bisogna trascurare il contesto globale in cui questa svolta deve avvenire, a partire dagli squilibri Nord-Sud: “La distruzione di equilibri ambientali, sociali e umani nei paesi poveri non riguarda solo i popoli del Sud del pianeta. Come un boomerang comincia ormai a ripercuotersi sui paesi dell’abbondanza. L’emergenza ecologica, oltre che acuire la povertà e la fame, scavalca rapidamente i confini tra Nord e Sud, tra Est e Ovest, tra ricchi e poveri”, scriveva Langer nel 1988. “Riconoscersi comuni debitori della biosfera, invece che controparti di un iniquo debito/credito finanziario, e affrontare insieme il risanamento del nostro comune debito con la natura non è più questione umanitaria, ma di comune sopravvivenza”, spiegava con grande lucidità.

I due piani, quello locale e quello internazionale, racconta Edi Rabini, collaboratore della Fondazione Langer e curatore, con Adriano Sofri, della raccolta di scritti di Langer “Il viaggiatore leggero” (Sellerio), sono in realtà strettamente legati: “Qualcuno ritiene che lui avesse ribaltato il motto degli ambientalisti ‘Pensare globalmente, agire localmente’. Langer preferiva dire ‘Pensare localmente, agire globalmente, perché il pensiero deve ancorarsi a esperienze concrete di economie locali, e da lì si può incidere poi a livello più ampio”. La conversione ecologica a cui pensava anche Langer, continua Rabini, dunque “deve partire da economie del territorio, e in questo senso una forte spinta viene dalla crisi economica. In Sudtirolo, per esempio, c’è un’agricoltura di qualità, fatta di piccoli produttori che vendono a mercati locali e Gruppi d’Acquisto Solidali. Oggi, per esempio, parlerà al convegno anche Franz Egger, agricoltore biologico e insegnante: ha un progetto con i contadini di Capo Verde, che adesso, grazie al suo aiuto, producono il vino necessario per coprire il fabbisogno della popolazione e dei turisti”.

Certo, sul piano internazionale, l’insuccesso del vertice di Rio è preoccupante: “Non è riuscito a dare il segno dell’enorme cambiamento in atto, che ha portato a una moltiplicazione dei Nord, e di conseguenza anche dei Sud, del mondo. Basti pensare agli indos Xavante, in lotta con lo Stato brasiliano, che è diventato il loro Nord”. Cosa aspettarsi per i prossimi anni? “Nei Paesi di più recente sviluppo deve maturare la consapevolezza dei danni che le loro produzioni stanno facendo all’ambiente. È una dinamica che deve arrivare a compimento, in cui l’ambiente non sia più un oggetto di scontro, ma un patrimonio comune da salvaguardare, a partire dalle singole dimensioni locali”.

I partiti dei Verdi sono in tutta Europa sostenitori di questo processo, con un discreto successo: in Germania hanno 68 seggi al Bundestag, nel Parlamento svedese 25. Cos’è allora che non ha funzionato nel partito italiano, nato con le migliori premesse grazie anche all’impegno di Langer? “I Verdi – riflette dispiaciuto Rabini – sono forti nei Paesi in cui le regole vengono fatte rispettare. È difficile pensare che il tema dell’ambiente abbia un’accoglienza forte in Paesi dove invece queste regole sono ignorate. Purtroppo, in tutta l’Europa meridionale è così e i movimenti dei Verdi hanno una vita difficile”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende